Settembre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Algeria, Grecia, Italia… il Mediterraneo brucia

Molti paesi del Mediterraneo orientale continuano ad essere inghiottiti dagli incendi, il più grave è nell’isola greca di Yupoia, ma quelli nella regione italiana della Calabria o dell’Algeria, responsabili della morte di 37 persone nelle ultime 24 ore. Da parte sua, la Turchia è pronta a riportare la situazione sotto controllo in vista della prima ondata di caldo dell’anno.

Secondo le previsioni, con temperature che raggiungono i 45 gradi in alcune zone, vigili del fuoco, volontari e residenti stanno già combattendo tutti i mezzi disponibili per fermare l’incendio, che ha distrutto migliaia di ettari, evacuazioni forzate e causato ingenti danni materiali. Un equilibrio definito.

I cittadini stanno cercando di spegnere l’incendio con rami a Tizi Ouzou, nell’est dell’Algeria

Grecia

L’incendio sta ancora iniziando a placarsi, anche se ci sono ancora fonti attive

In Grecia l’incendio sull’isola di Yupoya è stato spento questo mercoledì, anche se ha continuato a essere combattuto per nove giorni consecutivi con abbondanti prove sparse che le fiamme non potevano più essere spente perché il fumo non era più denso.

L’incendio prosegue anche nelle unità periferiche di Elise e Arcadia, nella penisola del Beloponneso, dove ieri sono state evacuate a scopo precauzionale una ventina di città.

Poiché l’incendio si è diffuso negli ultimi due giorni, i vigili del fuoco hanno tenuto il fuoco fuori dalla città durante la notte.

LV_Castrophe in Grecia: stanno indagando se c'è stato un incendio

Stanno indagando se c’è stato un incendio

Il primo ministro, Kyriagos Mitsodakis, ha annunciato ieri un ampio programma di assistenza alle vittime per migliorare il sistema antincendio e la deforestazione al fine di evitare che le monocolture selvatiche causino maggiori danni in caso di incendio.

READ  Re di Giordania: "mi sono emozionato molto" dopo aver incontrato Bennett di Kantant

Gli esperti avvertono che ciò non è possibile, nonostante la promessa del governo di riforestare 90.000 ettari di foresta, che è stata distrutta dall’incendio.

Secondo il professore di geologia applicata e gestione dei disastri naturali, Eftimios Legas ha bruciato solo 15.000 dei 50.000 ettari di Upoya.

Algeria

In un giorno, 37 persone sono state uccise nell’incendio

Un totale di 25 soldati algerini sono stati uccisi oggi e tredici sono rimasti feriti oggi mentre cercavano di spegnere i trenta incendi che da lunedì hanno colpito la regione di Kapilia (nord-ovest), il bilancio delle vittime nelle ultime 37 24 ore.

“Sono profondamente rattristato e rattristato nell’apprendere la notizia della morte di oltre un centinaio di civili dopo che 25 membri dell’Esercito popolare nazionale li hanno salvati dal fuoco”, ha annunciato oggi il presidente Abdul Madjid. Depon, attraverso i social media.

Un pompiere usa un tubo dell'acqua dopo che un incendio è scoppiato in un edificio nel villaggio di Ain al-Hammam il 10 agosto 2021, a est dell'Algeria, nella regione di DC Oso.  REUTERS / Abdelaziz Boumzar

I vigili del fuoco hanno cercato di spegnere un incendio che ha bruciato un edificio nell’area di Digi Oso.

Aptelosis Boomchar / Reuters

Parlando con l’agenzia statale ABS, Ali Mahmoodi, direttore generale delle foreste, ha affermato che 103 incendi sono ancora in corso in 17 dei 48 distretti del paese, per i quali sono stati mobilitati più di 600 agenti della protezione civile.

Martedì il ministro dell’Interno Kamel Beltjoud, durante una visita alla sua sovraffollata Villa e al DC-Ozo altamente punito, ha annunciato un gruppo di esperti composto da 140 passeggeri che erano in fiamme come “origini criminali”. Sabato alle zone colpite per valutare i danni e le perdite provocate dall’incendio.

Italia

Gli sforzi si concentrano su Calabria, Puglia e Sicilia

READ  30 Miglior Goldrake Blu Ray per te

Decine di incendi continuano a divampare nel sud Italia, causando molta preoccupazione nella regione di Aspramonde, in Calabria.

“Il fenomeno degli incendi è particolarmente sentito al sud, in particolare in Puglia, Calabria e Sicilia, che sono interessate da forti ondate di calore simili a quelle che si verificano nella vicina Grecia.

I volontari stanno cercando di contenere un incendio nel comune di Bluffy a Madonna Alta vicino a Palermo, in Sicilia, in Italia, poiché molti incendi continuano a diffondersi nella regione.  Le temperature dovrebbero raggiungere livelli record in Sicilia, Sardegna, Calabria e centro Italia, duramente colpite dagli incendi.  Gli scienziati del clima affermano che non c'è dubbio che il cambiamento climatico causato dalla combustione di carbone, petrolio e gas naturale porterà a eventi estremi come ondate di calore, siccità, incendi, inondazioni e tempeste.  (Foto AB / Salvador Cavalli)

Una squadra di volontari sta cercando di spegnere l’incendio che sta distruggendo le città vicino a Palermo

Salvador Cavalli / A.P.

Di particolare interesse è l’area di Aspramonde, a rischio di incendio, che è stata aggiunta all’elenco dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO a luglio.

Finora quest’anno sono stati bruciati 102.933 ettari di terreno in Italia, coprendo 1402 campi da calcio, secondo i dati dell’Agenzia europea di informazione sugli incendi boschivi (EFIS) della Commissione europea.

tacchino

Vicino al controllo della situazione

Dopo aver combattuto una serie di incendi in più di 50 province del Paese, le squadre di emergenza turche stanno ancora cercando di contenere due incendi al largo della costa egea.

Questi sforzi sono concentrati nelle aree intorno a Milas e in Kirghizistan, dove le eruzioni bruciano da dieci giorni.

Negli ultimi tredici giorni sono stati domati 268 dei 270 incendi segnalati in 53 province del Paese.

Bosnia-Erzegovina

Nemmeno i Balcani sono scappati

Anche i Balcani stanno combattendo l’incendio, che negli ultimi giorni ha colpito la Bosnia meridionale e le regioni di Donovanovsk di Domislavgrad, dove gli incendi hanno bruciato 1.700 ettari di erba e vegetazione bassa.

Questo martedì, la Bosnia-Erzegovina sta combattendo un incendio incontrollato a Stolog, a sud-est dei Balcani. I vigili del fuoco lo hanno controllato, ma ieri pomeriggio, lunedì, alte temperature e vento lo hanno riattivato.

READ  Real Madrid: un giardino a Madrid, Italia

Anche nelle vicinanze di Kapljina (sud) c’è stato un incendio vicino alle case dove i vigili del fuoco hanno cercato di controllare per ore.

In Russia vengono bruciati più di 4 milioni di ettari

Secondo le informazioni fornite da Avialesojrana, la Federazione russa per la sorveglianza aerea delle foreste, gli incendi boschivi colpiscono oggi la Russia e poco più di 4 milioni di ettari. L’incendio attivo, 172 su 257, è concentrato nella Repubblica di Yakutia nell’estremo oriente del Paese, la più grande agenzia federale del Paese, coprendo un’area di appena 3 milioni di chilometri quadrati.
Secondo Avialozojrana, in Yakutia si sono diffusi circa 3,9 milioni di ettari di incendi e solo 1,44 milioni di ettari stanno lavorando attivamente per estinguerli. La legge russa stabilisce che i lavori per spegnere gli incendi in aree remote o inaccessibili possono essere interrotti se il costo della loro distruzione è maggiore dei danni che possono causare alle città e alle infrastrutture economiche.