Menu
In Aspromonte
Il Prefetto Michele Di Bari in visita a Polsi

Il Prefetto Michele Di Bari in…

Nel suo giro di incont...

Creazzo: “Gentilezza e politica gentile: i valori guidino il nostro agire”

Creazzo: “Gentilezza e politic…

“La gentilezza quale s...

Reggio. Venerdì 10 maggio, presso la sede CAI sez. Aspromonte, si terrà una “presentazione teorica sul torrentismo”

Reggio. Venerdì 10 maggio, pre…

Venerdì 10 maggio 2019...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Parco dell’Aspromonte, nuova p…

Dal Falco pecchiaiolo ...

CaiReggio. Sabato 27 aprile sarà presentato il libro di Francesco Bevilacqua “Le fantasticherie del camminatore errante”

CaiReggio. Sabato 27 aprile sa…

Sabato 27 aprile 2019 ...

Parco Aspromonte, presentato inedito “Carteggio” tra Corrado Alvaro e Vito Laterza

Parco Aspromonte, presentato i…

Bellezza e dramma. È q...

Wwf: «"Piano lupo", l'esclusione degli abbattimenti è un importante passo avanti»

Wwf: «"Piano lupo", …

Con l’esclusione degli...

Parco dell’Aspromonte. Mercoledì 20 Marzo si terrà la conferenza stampa di presentazione degli “Incontri di Natura”

Parco dell’Aspromonte. Mercole…

Mercoledì 20 Marzo all...

Ambiente. Lungo i fiumi del Pollino

Ambiente. Lungo i fiumi del Po…

Fiume Sinni Il Sinni,...

Alpinismo. Primavera sul Monte Everest: code, rifiuti e morte a pagamento

Alpinismo. Primavera sul Monte…

Lukas Furtenbach, noto...

Prev Next

Alpinismo. Primavera sul Monte Everest: code, rifiuti e morte a pagamento

  •   Redazione
Alpinismo. Primavera sul Monte Everest: code, rifiuti e morte a pagamento

Lukas Furtenbach, noto organizzatore europeo di spedizioni commerciali, immortala con alcuni scatti il versante nepalese dell’Everest e commenta: «Questo è uno dei motivi per cui ci siamo trasferiti nel lato nord dell'Everest nel 2017. Dopo le ultime due stagioni in Tibet posso dire che questa è stata la decisione più giusta. Per noi, la sicurezza è tutto sull'Everest. Questa nostra scelta non è stata condivisa dagli operatori non regolamentati sul lato sud, come dimostra la folla di turisti».

L'affollamento e l'ascesa di scalatori non professionisti, che aumentano spaventosamente i casi di decesso sull'Everest, sono le questioni che in questi anni hanno coinvolto maggiormente il mondo dell'alpinismo.


  • fb iconLog in with Facebook