Menu
In Aspromonte
Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Reggio. Sabato 31 marzo alla "Botteguccia di PietraKappa" un incontro per parlare del Sentiero del Brigante

Reggio. Sabato 31 marzo alla …

Appuntamento per oggi,...

Wwf: «Il clima che cambia minaccia api e impollinatori»

Wwf: «Il clima che cambia mina…

Dopo i pesticidi il cl...

Escursioni. Il Fuori Sede di Gente in Aspromonte, 7 giorni alla scoperta di “Grecia Classica e Meteore”

Escursioni. Il Fuori Sede di G…

Domani, giovedì 29 mar...

Anas. Chiusa al traffico la Galleria della Limina, dalle 22.00 del 29 marzo

Anas. Chiusa al traffico la Ga…

Calabria, Anas: per il...

Il Comitato Civico Pro Condofuri e l’Alica Festival propongono un interessante trekking fotografico nella Valle Grecanica dell’Amendolea

Il Comitato Civico Pro Condofu…

Col timido avanzare de...

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Bovalino superiore. Dopo Scinà…

Lungo la Statale 112, ...

Prev Next

Ambiente. Trivelle entro 12 miglia, decreto MISE aggira divieto: Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e Wwf Italia

  •   Redazione
Ambiente. Trivelle entro 12 miglia, decreto MISE aggira divieto: Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e Wwf Italia

Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e WWF Italia il decreto ministeriale che deroga al divieto di nuovi pozzi e nuove piattaforme entro le 12 miglia, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 aprile. È la smentita definitiva di tutte le parole spese dal governo durante il periodo referendario di aprile scorso per dire che il referendum sollevava questioni di lana caprina, in particolare perché la legge escludeva già nuove trivellazioni entro le 12 miglia dalla costa. 

Il meccanismo introdotto dal MISE consente, infatti, alle società petrolifere titolari di concessioni entro le 12 miglia dalla costa già rilasciate di modificare, e quindi ampliare, il loro programma di sviluppo originario per recuperare altre riserve esistenti, e dunque costruire nuovi pozzi e nuove piattaforme. Fino all’altro ieri, nuovi pozzi e nuove piattaforme entro le 12 miglia potevano essere realizzati solo se già previsti dal programma di sviluppo originario. Ora chi ha la concessione può farci sostanzialmente quello che vuole per tutta la vita utile del giacimento.
Per le tre associazioni ambientaliste è gravissimo che il governo proceda in questo modo su una questione così delicata, escludendo il Parlamento e non tenendo minimamente conto della volontà chiarissima espressa da 15 milioni di italiani nonostante il mancato raggiungimento del quorum al referendum contro le trivelle.

 

  • fb iconLog in with Facebook