Menu
In Aspromonte
Escursioni. Domenica 28, “Gente in Aspromonte” sarà sui Piani d’Aspromonte

Escursioni. Domenica 28, “Gent…

Domenica 28 maggio dal...

Il Premio "Traspar-Ente" al sito del Comune di Palmi per la seconda volta

Il Premio "Traspar-Ente…

di Sigfrido Parrello...

Ente Parco. Zampogna: “Da Parco risposta concreta ad esigenza dei Comuni Montani”

Ente Parco. Zampogna: “Da Parc…

Costantemente i nostri...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: incontro tra il Ministro Delrio e l’Associazione

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Chiari gli impegni ass...

L'ufficio Carabinieri per la biodiversità promuove la V^ festa Nazionale delle Riserve Naturali Statali

L'ufficio Carabinieri per la b…

L’Ufficio Carabinieri ...

Siderno. L'Osservatorio ambientale chiede informazioni sull'impianto T.M.B. di località San Leo

Siderno. L'Osservatorio ambien…

All’Assessore all’Ambi...

Aiab Calabria: il 18 maggio a Cosenza workshop di costituzione del Bio-Distretto della Sila

Aiab Calabria: il 18 maggio a …

Il 18 Maggio 2017 alle...

Escursioni. Il G. E. A. organizza, dal 2 al 7 luglio la seconda edizione di “Aspromonte da costa a costa” 2017

Escursioni. Il G. E. A. organi…

Il G.E.A. – Grupp...

Escursioni. Domenica 14 maggio "Gente in Aspromonte" sarà sulle Serre (Lacina - Croce di Panaro - Ferdinandea)

Escursioni. Domenica 14 maggio…

Domenica 14 maggio, da...

Parco Naturale delle Serre. Il Wwf organizza la Festa all'Oasi del lago Angitola

Parco Naturale delle Serre. Il…

Il Wwf di Vibo organiz...

Prev Next

Ambiente. Trivelle entro 12 miglia, decreto MISE aggira divieto: Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e Wwf Italia

  •   Redazione
Ambiente. Trivelle entro 12 miglia, decreto MISE aggira divieto: Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e Wwf Italia

Inaccettabile per Greenpeace, Legambiente e WWF Italia il decreto ministeriale che deroga al divieto di nuovi pozzi e nuove piattaforme entro le 12 miglia, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 aprile. È la smentita definitiva di tutte le parole spese dal governo durante il periodo referendario di aprile scorso per dire che il referendum sollevava questioni di lana caprina, in particolare perché la legge escludeva già nuove trivellazioni entro le 12 miglia dalla costa. 

Il meccanismo introdotto dal MISE consente, infatti, alle società petrolifere titolari di concessioni entro le 12 miglia dalla costa già rilasciate di modificare, e quindi ampliare, il loro programma di sviluppo originario per recuperare altre riserve esistenti, e dunque costruire nuovi pozzi e nuove piattaforme. Fino all’altro ieri, nuovi pozzi e nuove piattaforme entro le 12 miglia potevano essere realizzati solo se già previsti dal programma di sviluppo originario. Ora chi ha la concessione può farci sostanzialmente quello che vuole per tutta la vita utile del giacimento.
Per le tre associazioni ambientaliste è gravissimo che il governo proceda in questo modo su una questione così delicata, escludendo il Parlamento e non tenendo minimamente conto della volontà chiarissima espressa da 15 milioni di italiani nonostante il mancato raggiungimento del quorum al referendum contro le trivelle.

 

  • fb iconLog in with Facebook