Menu
In Aspromonte
Planetarium Pythagoras. Reggio: Sabato 21 ottobre 2017, ore 20.30  XXIV giornata nazionale contro l'inquinamento luminoso

Planetarium Pythagoras. Reggio…

Sabato 21 Ottobre alle...

Escursioni. Domenica 15 “Gente in Aspromonte” sarà a Montalto (1956 metri)

Escursioni. Domenica 15 “Gente…

Domenica 15 ottobre, d...

Ambiente. Incendi: Galletti firma piano riforestazione parchi da 5 milioni

Ambiente. Incendi: Galletti fi…

Il ministro porta ad A...

Il Cai di Reggio Calabria presenta il libro “il fuoco dell’anima” incontro con l’autore Andrea di Bari

Il Cai di Reggio Calabria pres…

Sabato 28 ottobre alle...

Partito Radicale: precisazioni di Maurizio Turco, rappresentante legale del Partito

Partito Radicale: precisazioni…

Dichiarazione di Mauri...

Tutto pronto per l'#Archeotrekking a Reggio Calabria l'1 ottobre

Tutto pronto per l'#Archeotrek…

Manca ormai poco al se...

Roccaforte del Greco. Domenica scorsa il paese ha accolto numerosi centauri del Motoclub di Reggio Calabria

Roccaforte del Greco. Domenica…

I motociclisti sono pa...

Roma. Registi, fotografi studenti e una preside, lunedì 25, al corso "Web writing e Social media - Le basi della comunicazione 3.0"

Roma. Registi, fotografi stude…

Sono​ ​12​ ​le​ ​dom...

Domenica 24 settembre l'escursione di “Gente in Aspromonte” sul Monte Mammicomito e Pietra Perciata (Placanica - Pazzano)

Domenica 24 settembre l'escurs…

Associazione escursi...

Giornate Europee del patrimonio: il Parco Nazionale della Sila protagonista su Rai Radio3  16, 17, 23, 24 settembre ore 14 e 30

Giornate Europee del patrimoni…

In occasione delle Gio...

Prev Next

Ambiente. Wwf: Glifosato, le associazioni scrivono al ministro Martina

  •   Redazione
Ambiente. Wwf: Glifosato, le associazioni scrivono al ministro Martina

Parte lunedì prossimo la discussione sulla revisione della PAC – la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea, per decidere se ben più di un terzo delle spese comunitarie deve andare a favore di un’agricoltura pulita in grado di produrre cibo sano, ambiente, lavoro nell’interesse di tutti i cittadini o a finanziare l’inquinamento, lo spopolamento delle campagne e l’impoverimento della qualità dei cibi. Dopo la recente decisione della regione Toscana di allinearsi alla Calabria, eliminando il glifosato dai disciplinari dell’agricoltura integrata finanziati con il PSR, e il successo che in tutta Europa sta raccogliendo l’iniziativa dei cittadini europei (ICE) per raccogliere 1 milione di firme contro il glifosato – 45 Associazioni (riunite in Italia nella Coalizione #StopGlifosato), chiedono al Ministro Martina, in vista del Consiglio dei Ministri europei dell’agricoltura del 6 marzo, che l’Italia assuma una posizione chiara e si schieri nettamente a favore di una modifica dell’intera PAC.

La Politica Agricola Comune della UE, infatti, nonostante utilizzi circa il 38% del bilancio comunitario, pari a oltre 55 miliardi di Euro all’anno, ha clamorosamente fallito la ricerca di soluzioni efficaci ai problemi che affliggono il settore agricolo, l’agroecosistema e la società rurale. Le promesse di realizzare una politica equa e verde, con una necessaria semplificazione burocratica, fatte dall’ultima riforma non sono state mantenute. E’ ormai chiaro che l’attuale politica è inadeguata ad affrontare i problemi delle aziende agricole e non contribuirà a risolvere la crisi ambientale globale.

Per Maria Grazia Mammuccini, portavoce delle Associazioni, "E' possibile agire subito con scelte concrete per una riforma radicale della PAC, perché i primi dati sull’attuazione del periodo di programmazione 2014 – 2020 confermano che questo strumento finanziario dell’Unione Europea è iniquo ed insostenibile”.

I dati presentati recentemente nell’ambito della Rete Rurale Nazionaledimostrano infatti che la PAC attuale, attraverso i Piani di Sviluppo Rurale, assegna a pratiche agricole che consentono l’uso della chimica di sintesi come l’agricoltura integrata e quella conservativa 2,4 miliardi di euro, contro gli 1,7 miliardi destinati all’agricoltura biologica e biodinamica, due pratiche agronomiche che non utilizzano sostanze chimiche di sintesi, ben il 30% in meno.


  • fb iconLog in with Facebook