Menu
In Aspromonte
Reggio. Mercoledì 21 giugno 2017, ore 20:00 Solstizio d’Estate tra mito e scienza

Reggio. Mercoledì 21 giugno 20…

Il 21 giugno alle ore ...

Wwf. Ambiente: La Camera ha Approvato la Controriforma dei Parchi

Wwf. Ambiente: La Camera ha Ap…

Con il voto di oggi la...

Comunali di Palmi: “habemus ballottaggio”! Ranuccio-Trentinella

Comunali di Palmi: “habemus ba…

di Sigfrido Parrello -...

I Club Service della Locride fanno rete per supportare le Istituzioni

I Club Service della Locride f…

Già da molto tempo si ...

Caos elezioni Comunali a Palmi: Trentinella spiega i motivi mancato ricorso

Caos elezioni Comunali a Palmi…

Comunicato stampa - Ne...

Partito Radicale. Ultimo giorno in Calabria per la CarovanaXlaGiustizia

Partito Radicale. Ultimo giorn…

Ultimo giorno in Calab...

La Calabria e il miele, il suo oro impuro

La Calabria e il miele, il suo…

di Angelo Canale - La ...

Ambiente. Sardegna: è il sito sardo "Tepilora, Rio Posada e Montalbo" la 15ma Riserva Mab Unesco italiana

Ambiente. Sardegna: è il sito …

Il 14 giugno, nel cors...

Radicali. Racccolta firme: Francesca Scopelliti, compagna di Enzo Tortora, spiega perchè occorre firmare

Radicali. Racccolta firme: Fra…

Al settimo giorno del ...

Ultimi appuntamenti della #CarovanaXlaGiustizia in Calabria

Ultimi appuntamenti della #Car…

Oggi pomeriggio dalle ...

Prev Next

Ciminà, Aspromonte orientale. Le Naiadi del Nessì

  •   Francesco Bevilacqua
Ciminà, Aspromonte orientale. Le Naiadi del Nessì

Aspromonte orientale. Valle del Torrente Nessì. Un uomo dallo sguardo mite. Cerca asparagi. Insieme al figlio. Sorride. Chiediamo informazioni. Risponde affabilmente. In questo luogo perduto ci sono soltanto rovine. Muraglioni di pietre a secco coprono un'area enorme, semi immersa nel bosco. Vi erano mandrie di animali. La notte, i pastori le ammassavano negli stazzi. Loro sostavano attorno ai fuochi accesi nelle case di pietra. Minestra calda di erbe selv...atiche. Poi stramazzavano stanchi sui pagliericci. Prima dell'alba erano già fuori. A mungere e rimestare il siero di latte nelle grandi caldaie. Come racconta Corrado Alvaro. E poi via, lungo sentieri secolari. Verso i pascoli di montagna. Ora è silenzio. Siamo noi i nuovi pastori. L'uomo sa cosa cerchiamo. Si attraversano selve intricate di lecci e roverelle. Su burroni precipiti. Sotto rupi maculate di licheni, fessurate dall'erosione. Fioriture di biancospino come colate sui fianchi della valle. E asfodeli, dappertutto. E crochi. Poco cielo, livido di nubi, occhieggia fra le torreggianti forme d'Aspromonte, come scrisse Edward Lear. Ed ecco finalmente le Naiadi del Nessì. La prima ninfa scivola sinuosa su una "S" tra le rupi. La seconda è una "cannila", dritta e bianca. Ma non siamo paghi. Affamati di memoria, proseguiamo sul sentiero, verso l'alto, preceduti da invisibili capre rinselvatichite. Sino ad una cima senza nome. Si apre una veduta senza tempo. Capiamo i transiti antichi dei pastori, i nascondigli dei lupi e dei cinghiali. Al ritorno, Ciminà potrebbe stare in un libro di Carlo Levi. Tutto sembra abbandonato. Eppure, alle case, ancora contadini e pastori tribolano, accudiscono la terra e gli animali. Donne negli orti. Qui si vive con dignità, si è ancora custodi di memoria. Nonostante tutto e tutti.
Nelle immagini: scorci della valle del Nessì, Ciminà, Aspromonte orientale, Calabria. Foto Francesco Bevilacqua.


  • fb iconLog in with Facebook