Menu
In Aspromonte
Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Prev Next

Escursioni. Domenica 16 luglio “Gente in Aspromonte” andrà alle Gole la Verde

  •   Redazione
Escursioni. Domenica 16 luglio “Gente in Aspromonte” andrà alle Gole la Verde

Domenica 16 luglio

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2017

I quattro elementi della natura

Il Sentiero

Gole la Verde - Capo Bruzzano

Itinerario Naturalistico Paesaggistico Storico in Linea

Un autentico percorso delle meraviglie, l'itinerario permette di apprezzare un ambiente fuori dall'ordinario con scenari di rara bellezza che madre natura ci regala. Le sue forme, così come le vediamo oggi, sono il risultato dell'azione degli elementi acqua, terra e aria, che ne hanno modellato valli e fianchi durante milioni di anni. Ma è il tipo di roccia particolare che ha generato questo paesaggio: dolomie e calcari che da milioni di anni vengono erosi e lavorati dall'acqua dando vita in profondità a cavità e labirinti sotterranei e in superficie ad un fantastico mondo di pietra. La stessa luce del giorno, cambiando angolazione, crea giochi di contrasto nelle sculture carsiche delle Gole della Verde che si rinnovano con il trascorrere delle ore.

1° raduno: ore 9.45 a 3 km uscita Bianco lato sud.

2° raduno: ore 10.00 Ponte sulla Verde inizio sentiero.

3° partenza escursione: ore 10.30.

Come arrivare: per quelli che vengono da Reggio, superato il centro abitato di Africo, dopo circa 500 metri girare a sinistra, per quelli che vengono dalla Jonica superato il centro abitato di Bianco, dopo circa 3 km, girare a destra.

NB. Dopo l’escursione si scende alla scogliera di Capo Bruzzano per un bagno ristoratore nelle limpide acque del Mar Jonio

Gole la Verde - Capo Bruzzano

Tempo: Ore 3.30                                            Località: Ponte la Verde

Dislivello: N.N.                                             Comuni int: Samo - Bruzzano

Difficoltà: E. Escursionistico

La La Verde è una delle fiumare più grandi della Calabria. Il tratto vicino alla foce è largo più di un chilometro. Un deserto abbacinante di sassi di granito levigati, come gigantesche uova di struzzo, dalla furia dell’acqua, che si scatena durante le piogge torrenziali dell’autunno, dell’inverno e della primavera, e poi scompare, quasi, d’estate..

Le Gole sono ubicate nei pressi di Samo (RC), antico centro abitato che si trova su un colle a pochi km dal mare Jonio ed a circa 80 km da Reggio Calabria. Sono lunghe circa 4 km e le parete in alcuni punti si restringono a 4-5 metri

E'una escursione facile adatta nel periodo estivo anche a famiglie con bambini. Si risale la fiumara Laverde in un greto ciottoloso tra pareti di roccia a strapiombo di oltre 300 m tra scenari di intensa bellezza. 

Ci si trova immersi nella natura in un vero e proprio canyon. Il torrente scorre con acque basse in cui è piacevole camminare.                             

In alcuni punti tra i massi ci sono delle pozze di profondità tale da potersi immergere nelle acque fresche (ma non gelide) in un vero e proprio idromassaggio naturale.                            

Lateralmente le ripide pareti di roccia metamorfica sono ricoperte di una rigogliosa vegetazione. (Leccio e macchia mediterranea) zone inaccessibili, dove vivono, da molti anni, svariati capi inselvatichiti, di capri aspro montana.

Spesso si aprono profondi canaloni che si congiungono al greto del torrente con coni di detriti che vengono strappati dai monti quando le piogge si fanno più intense. 

In molti punti tra la vegetazione si notano sorgenti che alimentano il corso d'acqua.

Arrivati alla fine delle gole, dopo un piacevole sosta, si ritorna indietro, godendo di ogni passo, di ogni veduta. Ci fermiamo ripetutamente nelle pozze più belle a fare il bagno. Ritroviamo le strette gole, ma sembrano un luogo diverso. Ora la luce di metà giornata penetra dall’alto e le illumina tutte.

Il pranzo si lascia in macchina.


  • fb iconLog in with Facebook