Menu
In Aspromonte
Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Reggio. Sabato 31 marzo alla "Botteguccia di PietraKappa" un incontro per parlare del Sentiero del Brigante

Reggio. Sabato 31 marzo alla …

Appuntamento per oggi,...

Wwf: «Il clima che cambia minaccia api e impollinatori»

Wwf: «Il clima che cambia mina…

Dopo i pesticidi il cl...

Escursioni. Il Fuori Sede di Gente in Aspromonte, 7 giorni alla scoperta di “Grecia Classica e Meteore”

Escursioni. Il Fuori Sede di G…

Domani, giovedì 29 mar...

Anas. Chiusa al traffico la Galleria della Limina, dalle 22.00 del 29 marzo

Anas. Chiusa al traffico la Ga…

Calabria, Anas: per il...

Il Comitato Civico Pro Condofuri e l’Alica Festival propongono un interessante trekking fotografico nella Valle Grecanica dell’Amendolea

Il Comitato Civico Pro Condofu…

Col timido avanzare de...

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Bovalino superiore. Dopo Scinà…

Lungo la Statale 112, ...

Prev Next

Parchi: Galletti, con riforma entrano in sfida per lo sviluppo del Paese

  •   Redazione
Parco del Cilento Parco del Cilento

Il ministro su Ddl in discussione alla Camera: punta a programmazione e nuova governance per declinare sviluppo sostenibile. “I Parchi italiani non possono più essere visti soltanto come i luoghi della conservazione: devono mettersi in gioco nella grande sfida di sviluppo sostenibile del nostro Paese. La riforma che arriva in Aula alla Camera ci avvicina molto a questo obiettivo”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

“Il nuovo testo – spiega il ministro – punta al buon funzionamento degli Enti, alla semplificazione e alla certezza nei tempi, a quella programmazione che in troppe realtà ancora manca. I piani dei Parchi Nazionali – aggiunge Galletti – vengono innanzitutto sottoposti a Valutazione Ambientale Strategica, assicurando dunque il controllo forte dei ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali per gli aspetti paesaggistici e saranno approvati in tempi definiti. Viene introdotto un nuovo metodo di selezione dei Direttori del Parco: la governance sarà aperta alle espressioni del territorio secondo requisiti definiti e rigorosi. E’ previsto anche un piano triennale di programmazione per le aree protette terrestri e marine, con la definizione di obiettivi e priorità, da realizzare attraverso uno stanziamento di 30 milioni di euro in tre anni".

“Grazie alla legge 394 del 1991 che ha istituito il sistema Parchi nazionali e delle aree marine protette – afferma il ministro – è cresciuto molto il grado di tutela ambientale del nostro Paese: oggi la sfida è ancor più ampia ma diversa, perché si fonda su quel concetto di sviluppo sostenibile che un quarto di secolo fa non era declinato come lo è oggi in ogni settore della nostra economia. Questo per i Parchi – conclude Galletti - vuol dire saper valorizzare la biodiversità accompagnandola all’agricoltura di qualità, all’innovazione, al turismo sostenibile, alle energie rinnovabili, alla spinta culturale e giovanile”.


  • fb iconLog in with Facebook