Menu
In Aspromonte
Platì. L’Associazione San Domenico ONLUS di Reggio ha avviato la distribuzione degli aiuti alimentari del fondo europeo

Platì. L’Associazione San Dome…

L’Associazione San Dom...

Coldiretti. Da domani, 19 aprile, va in porto una battaglia storica: l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte

Coldiretti. Da domani, 19 apri…

Molinaro: l’importante...

La riflessione. Gli agnelli di Montecitorio “arrivano” da … Crotone

La riflessione. Gli agnelli di…

Abbiamo appena visto i...

Calabria Greca. Scì Melu e i cowboy aspromontani

Calabria Greca. Scì Melu e i c…

Le falde aspromontane&...

"Pasquetta Sociale sulla neve" di Gente in Aspromonte: escursione dai Piani Tabaccari fino a Montalto

"Pasquetta Sociale sulla …

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

Wwf. Il cinghiale della discordia

Wwf. Il cinghiale della discor…

Ma come? Ogni anno gli...

L’Osservatorio Ambientale si rinnova, parzialmente

L’Osservatorio Ambientale si r…

Sabato 8 aprile u.s. s...

Locri. Sporting, ai Play Off largo ai giovani

Locri. Sporting, ai Play Off l…

Federica Marino squali...

Palmi: l’opera “Deposizione” in dono alla Chiesa Maria SS. del Soccorso dall’Associazione Prometeus

Palmi: l’opera “Deposizione” i…

Un’opera d’arte sacra ...

Torna il “Teatro dei Due Mari”: il dramma dell’immigrazione riletto attraverso i miti di ieri

Torna il “Teatro dei Due Mari”…

Nel suggestivo scenari...

Prev Next

Parchi: Galletti, con riforma entrano in sfida per lo sviluppo del Paese

  •   Redazione
Parco del Cilento Parco del Cilento

Il ministro su Ddl in discussione alla Camera: punta a programmazione e nuova governance per declinare sviluppo sostenibile. “I Parchi italiani non possono più essere visti soltanto come i luoghi della conservazione: devono mettersi in gioco nella grande sfida di sviluppo sostenibile del nostro Paese. La riforma che arriva in Aula alla Camera ci avvicina molto a questo obiettivo”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

“Il nuovo testo – spiega il ministro – punta al buon funzionamento degli Enti, alla semplificazione e alla certezza nei tempi, a quella programmazione che in troppe realtà ancora manca. I piani dei Parchi Nazionali – aggiunge Galletti – vengono innanzitutto sottoposti a Valutazione Ambientale Strategica, assicurando dunque il controllo forte dei ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali per gli aspetti paesaggistici e saranno approvati in tempi definiti. Viene introdotto un nuovo metodo di selezione dei Direttori del Parco: la governance sarà aperta alle espressioni del territorio secondo requisiti definiti e rigorosi. E’ previsto anche un piano triennale di programmazione per le aree protette terrestri e marine, con la definizione di obiettivi e priorità, da realizzare attraverso uno stanziamento di 30 milioni di euro in tre anni".

“Grazie alla legge 394 del 1991 che ha istituito il sistema Parchi nazionali e delle aree marine protette – afferma il ministro – è cresciuto molto il grado di tutela ambientale del nostro Paese: oggi la sfida è ancor più ampia ma diversa, perché si fonda su quel concetto di sviluppo sostenibile che un quarto di secolo fa non era declinato come lo è oggi in ogni settore della nostra economia. Questo per i Parchi – conclude Galletti - vuol dire saper valorizzare la biodiversità accompagnandola all’agricoltura di qualità, all’innovazione, al turismo sostenibile, alle energie rinnovabili, alla spinta culturale e giovanile”.