Menu
In Aspromonte
Wwf. Buone notizie per l'aquila di Bonelli in Sicilia

Wwf. Buone notizie per l'aquil…

I risultati per il 201...

Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Prev Next

Parco Aspromonte organizza corso su riconoscimento degli uccelli rapaci europei

  •   Redazione
Parco Aspromonte organizza corso su riconoscimento degli uccelli rapaci europei

“Conoscere per tutelare”: il Parco Nazionale dell’Aspromonte, riconoscendo la fondamentale importanza della conoscenza del territorio e delle sue potenzialità naturalistiche come presupposto per il rispetto e la tutela dell’ambiente, ha organizzato un corso di formazione finalizzato al riconoscimento degli uccelli rapaci europei.

Si tratta di un “corso avanzato”, rivolto cioè ad ornitologi e appassionati dotati di una certa esperienza e finalizzato alla corretta identificazione dei rapaci, oltre che all’individuazione del sesso e dell’età di questi splendidi rappresentanti della nostra fauna; si parlerà delle specie migratrici e stanziali che annualmente solcano i cieli dell’Aspromonte, ma anche di quelle ritenute “difficili”, perché rare o scarsamente contattabili in natura per le particolari abitudini o per gli habitat frequentati.

Il corso, a partecipazione gratuita, avrà una durata giornaliera di 6 ore distribuite nel corso dell’intera giornata, e si svolgerà in aula l’8 e il 9 marzo, presso il Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, in località Feo di Vito. Docente sarà Andrea Corso, esperto ornitologo e formatore, che, oltre alle lezioni teoriche, guiderà i partecipanti, nelle prossime settimane, in un’uscita sul campo, dove sarà possibile seguire dal vivo le modalità di identificazione in natura e mettere in pratica le nozioni acquisite. Al termine del corso, sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Chi fosse interessato a partecipare all’iniziativa formativa dell’Ente Parco, può chiedere l’ammissione al corso inviando entro il 1° marzo 2018 la propria adesione, con una mail indirizzata a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Alla domanda dovrà essere allegato un sintetico curriculum, dal quale si possa rilevare l’esperienza maturata nel settore.

Per informazioni ulteriori, è possibile contattare il Responsabile del Servizio BTPGI dott. Antonino Siclari (tel.: 329/1724391, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

“Le attività di formazione e ricerca - ha dichiarato il Presidente Giuseppe Bombino -  rappresentano momenti fondamentali nelle attività dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. Oltre questa importante iniziativa, in sinergia con il Dipartimento di Agraria e l’ Associazione StOrCal – ha concluso Bombino -  è in fase di organizzazione anche il I° corso base di Birdwatching, rivolto principalmente agli studenti, alle guide ufficiali e a tutti gli appassionati, anche alla prima esperienza nel settore”.

Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte

v. i.


  • fb iconLog in with Facebook