Menu
In Aspromonte
Nota stampa di Maria Carmela Lanzetta in risposta al Presidente del Parco Aspromonte Bombino

Nota stampa di Maria Carmela L…

«La mia candidatura al...

Reggio. Sabato 17 febbraio il Segretario Generale del Partito Comunista, Marco Rizzo, presenta i candidati del territorio

Reggio. Sabato 17 febbraio il …

Riceviamo e pubblichia...

Nota stampa di Francesco Toscano, candidato capolista della Lista del Popolo nel collegio plurinominale Calabria 2

Nota stampa di Francesco Tosca…

Per liberare il sud da...

WWF al fianco dei Carabinieri forestali in Calabria

WWF al fianco dei Carabinieri …

"Apprendiamo in queste...

La nostra storia. Il tempo dei mascherati

La nostra storia. Il tempo dei…

A dispetto delle duris...

Brancaleone. Straordinario successo della giornata nazionale del dialetto organizzata dalla Pro - Loco

Brancaleone. Straordinario suc…

Straordinario successo...

Reggio. Sabato 13 gennaio si terrà la presentazione del Programma Escursionistico 2018 di “Gente in Aspromonte”

Reggio. Sabato 13 gennaio si t…

"Siamo pronti ai senti...

Bioshopper, WWF: necessario porre un argine all'invasione della plastica

Bioshopper, WWF: necessario po…

NEI MARI DEL PIANETA “...

Presepe Vivente: a San Roberto (RC) rivive la Betlemme di duemila anni fa

Presepe Vivente: a San Roberto…

Il Presepe Vivente com...

Bagaladi (R.C.). Il 28 dicembre l'inaugurazione per la fine dei restauri del gruppo marmoreo dell’Annunciazione di Antonello Gagini nella Chiesa di San Teodoro Martire

Bagaladi (R.C.). Il 28 dicembr…

Dopo cinque mesi di re...

Prev Next

Roghi in Sicilia,WWF: necessario aggiornare il Catasto aree percorse dal fuoco

  •   Redazione
Roghi in Sicilia,WWF: necessario aggiornare il Catasto aree percorse dal fuoco

Dopo un periodo particolarmente asciutto arrivano puntuali gli incendi: e bruciano boschi , campagne ma anche le aree protette. In  Sicilia sono incalcolabili i danni a fauna e flora, ai terreni che alle prime piogge potranno crollare, innalzando ulteriormente il rischio idrogeologico . Tantissimi purtroppo gli animali morti tra le fiamme, impossibilitati a fuggire, selvatici e non. 
La legge quadro in materia di prevenzione e lotta agli incendi n. 353/2000 obbliga, infatti, i Comuni a censire annualmente i terreni percorsi dal fuoco attraverso un apposito catasto, in modo da applicare con esattezza i vincoli del caso, che vanno dal divieto di modificare la destinazione d'uso dell'area per 15 anni, all'impossibilità di realizzare edifici, esercitare la caccia o la pastorizia, per un periodo di dieci anni. 
Il WWF chiede ai Comuni italiani di attivarsi immediatamente, anche attraverso le prefetture competenti, per  aggiornare al più presto  il  catasto degli incendi, consentendo a  tutte le forze dell’ordine di rendere disponibili le informazioni utili a reprimere da oggi e per i prossimi anni, tutto ciò che è vietato svolgere/realizzare sui terreni bruciati. 
Naturalmente, purtroppo, non mancano abitudini assurde. In Calabria, addirittura, c'è chi provoca incendi per protestare contro qualcosa , per fare  “pulizia” di una siepe, per preparare l’erbetta per le capre, per bruciare i resti della potatura. Per questo, campagne informative sarebbero necessarie per modificare le pessime abitudini, purtroppo radicate nel tempo, che provocano disastri alla Natura d'Italia.


  • fb iconLog in with Facebook