Menu
In Aspromonte
Il Prefetto Michele Di Bari in visita a Polsi

Il Prefetto Michele Di Bari in…

Nel suo giro di incont...

Creazzo: “Gentilezza e politica gentile: i valori guidino il nostro agire”

Creazzo: “Gentilezza e politic…

“La gentilezza quale s...

Reggio. Venerdì 10 maggio, presso la sede CAI sez. Aspromonte, si terrà una “presentazione teorica sul torrentismo”

Reggio. Venerdì 10 maggio, pre…

Venerdì 10 maggio 2019...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Parco dell’Aspromonte, nuova p…

Dal Falco pecchiaiolo ...

CaiReggio. Sabato 27 aprile sarà presentato il libro di Francesco Bevilacqua “Le fantasticherie del camminatore errante”

CaiReggio. Sabato 27 aprile sa…

Sabato 27 aprile 2019 ...

Parco Aspromonte, presentato inedito “Carteggio” tra Corrado Alvaro e Vito Laterza

Parco Aspromonte, presentato i…

Bellezza e dramma. È q...

Wwf: «"Piano lupo", l'esclusione degli abbattimenti è un importante passo avanti»

Wwf: «"Piano lupo", …

Con l’esclusione degli...

Parco dell’Aspromonte. Mercoledì 20 Marzo si terrà la conferenza stampa di presentazione degli “Incontri di Natura”

Parco dell’Aspromonte. Mercole…

Mercoledì 20 Marzo all...

Ambiente. Lungo i fiumi del Pollino

Ambiente. Lungo i fiumi del Po…

Fiume Sinni Il Sinni,...

Alpinismo. Primavera sul Monte Everest: code, rifiuti e morte a pagamento

Alpinismo. Primavera sul Monte…

Lukas Furtenbach, noto...

Prev Next

Trekking al Santuario di Polsi, camminando tra il sacro ed il profano

  •   Natale Amato
Trekking al Santuario di Polsi, camminando tra il sacro ed il profano

di Natale Amato - Raggiungere a piedi il Santuario di Polsi dal casello forestale di Vocale, rappresenta un'esperienza, dove, misticismo ed ecologismo si intrecciano indissolubilmente in una catena che idealmente anela il viandante a Dio. Tuttavia, ben osservando i sentieri che portano al Santuario, il camminatore attento, riuscirà a cogliere quella strana dicotomia, in cui il fedele che venera la Madonna e quindi Dio, sembra per nulla curarsi del Creato di quello stesso Dio che venera. Come si può dunque parlare di religiosità quando la Montagna viene stuprata dalla posa di metri cubi di asfalto su improbabili sentieri di roccia instabile oppure quando si utilizzano i bordi della strada che porta al Santuario come discariche a cielo aperto o ancora quando si continua a insozzare i sentieri di pacchetti di sigarette e bottiglie di birra, per non parlare poi, di quel "pellegrino" che per lavarsi i capelli, continua ad usare lo shampoo tra le acque incontaminate della fiumara Menti?

Sembrerebbe che in questi luoghi, la fede per il mito del Consumismo prevarichi sulla consapevolezza -citando Papa Francesco- che il riflesso di Dio sia in tutto ciò che esiste così che il cuore non potrà sperimentare il desiderio di adorare il Signore per tutte le sue creature.  

Natale AMATO

Escursionista

Ass. Federazione Int. MedAmbiente


  • fb iconLog in with Facebook