Menu
In Aspromonte
Escursioni. Domenica 11 novembre, “Gente in Aspromonte”, andrà sui Crinali di Monte Scorda

Escursioni. Domenica 11 novemb…

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

CaiReggio: Domenica 16 settembre l'escursione sul sentiero "dell’Acqua Luntana"

CaiReggio: Domenica 16 settemb…

La domenica del 16 set...

La nostra storia. I fratelli Borruto e i loro rapporti con Staiti

La nostra storia. I fratelli B…

di Fortunato Stelitano...

CaiReggio. 1-2 settembre il Pellegrinaggio al Santuario di Polsi: "Cammino della Madonna"

CaiReggio. 1-2 settembre il Pe…

Da diversi anni diamo ...

Parco Nazionale dell’Aspromonte. Venerdì 24 agosto il PARKBUS 2018 farà tappa a San Giorgio Morgeto

Parco Nazionale dell’Aspromont…

«San Giorgio Morgeto: ...

Polsi: "il cammino ed il cambiamento"

Polsi: "il cammino ed il …

Un passo dopo l'altro....

Melito di Porto Salvo. Grande partecipazione alla proiezione del Film Documentario di Claudio Cordova “La terra degli alberi caduti”

Melito di Porto Salvo. Grande …

Venerdì scorso, nella ...

Gerace. Sabato 18 agosto si la Seconda Edizione de “Il Tocco”, rievocazione storica della disputa di Roberto e Ruggero D’Altavilla per le terre di Gerace

Gerace. Sabato 18 agosto si la…

La disputa di Roberto ...

Giubileo dei San Robertesi nel mondo, il programma dell’ultima settimana: il 21 agosto Mons. Morosini alla cerimonia di chiusura

Giubileo dei San Robertesi nel…

Si chiuderà il 21 agos...

San Roberto, 17 e 18 agosto evento imperdibile: scatta la seconda edizione della Festa della Birra e dell’Asado argentino

San Roberto, 17 e 18 agosto ev…

Le date sono di quelle...

Prev Next

Trekking al Santuario di Polsi, camminando tra il sacro ed il profano

  •   Natale Amato
Trekking al Santuario di Polsi, camminando tra il sacro ed il profano

di Natale Amato - Raggiungere a piedi il Santuario di Polsi dal casello forestale di Vocale, rappresenta un'esperienza, dove, misticismo ed ecologismo si intrecciano indissolubilmente in una catena che idealmente anela il viandante a Dio. Tuttavia, ben osservando i sentieri che portano al Santuario, il camminatore attento, riuscirà a cogliere quella strana dicotomia, in cui il fedele che venera la Madonna e quindi Dio, sembra per nulla curarsi del Creato di quello stesso Dio che venera. Come si può dunque parlare di religiosità quando la Montagna viene stuprata dalla posa di metri cubi di asfalto su improbabili sentieri di roccia instabile oppure quando si utilizzano i bordi della strada che porta al Santuario come discariche a cielo aperto o ancora quando si continua a insozzare i sentieri di pacchetti di sigarette e bottiglie di birra, per non parlare poi, di quel "pellegrino" che per lavarsi i capelli, continua ad usare lo shampoo tra le acque incontaminate della fiumara Menti?

Sembrerebbe che in questi luoghi, la fede per il mito del Consumismo prevarichi sulla consapevolezza -citando Papa Francesco- che il riflesso di Dio sia in tutto ciò che esiste così che il cuore non potrà sperimentare il desiderio di adorare il Signore per tutte le sue creature.  

Natale AMATO

Escursionista

Ass. Federazione Int. MedAmbiente


  • fb iconLog in with Facebook