Menu
Corriere Locride
Calcio. Locri – Roccella si gioca al “Ninetto Muscolo”

Calcio. Locri – Roccella si gi…

Il preliminare di Copp...

Taurianova. Il 17 e 18 agosto si terrà l’evento dell’Associazione Mammalucco: "Musica Sottolio" XIII edizione - Il festival più unto d'Italia

Taurianova. Il 17 e 18 agosto …

Una certezza portata a...

Torre Camigliati. Il 18 agosto l'incontro con l'archeologo Francesco Cuteri su: "Il viaggio e l’altrove nei mosaici delle terme ellenistiche di Kaulonia"

Torre Camigliati. Il 18 agosto…

Il 20 settembre del 20...

Lunedì 20 Agosto, l'Associazione Culturale Traiectoriae, presenta il Galà Lirico "Vissi d'arte"

Lunedì 20 Agosto, l'Associazio…

Vissi d'arte... Le ste...

Bovalino. Domenica 19 agosto si terrà l'incontro su Mario La Cava, L'uomo, Lo scrittore. Racconto per immagini, testo e musica a 110 anni dalla nascita e a 30 anni dalla morte

Bovalino. Domenica 19 agosto s…

MARIO LA CAVAL'UOMO, L...

Città metropolitana di Reggio Calabria: Incontro con il Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera Frank Benedetto

Città metropolitana di Reggio …

«Siamo molto preoccupa...

Calcio. A.S.D. Roccella: «Segnali incoraggianti in vista dell’esordio stagionale»

Calcio. A.S.D. Roccella: «Segn…

Utili ed interessanti ...

Roccella Jazz Festival: lunedì 13 agosto il concerto di Deborah J. Carter

Roccella Jazz Festival: lunedì…

ROCCELLA JAZZ FESTIVAL...

Nota del Segretario generale Uil Calabria: «La politica regionale approfitti delle ferie estive per rileggere, senza condizionamenti di appartenenza, i dati Svimez 2018»

Nota del Segretario generale U…

Durante la pausa agost...

Prev Next

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

  •   Antonella Italiano
Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Lungo la Statale 112, nel tratto che collega Bovalino superiore al Comune di Benestare, si trova un deposito incontrollato di rifiuti, facilmente individuabili affacciandosi dalla carreggiata. Il deposito si estende per decine di metri, ed è chiaramente frutto del malcostume imperante (che gode di qualche occhio di riguardo) che ha fatto di necessità virtù.

Un po’ più a valle, però, proprio accanto all’ex fabbrica del gesso, si trova da molti anni una vera e propria discarica abusiva, che insudicia tutto il pendio: in questo caso i cittadini sono vittime, non certo artefici.

La discarica nacque, con grande probabilità, quando le logiche dello “smaltimento rifiuti” prevedevano l’abbandono selvaggio a ridosso delle fiumare o lungo i versanti di montagne e colline. Ai “tempi di Scinà” per intenderci.

Dal fango, impastato di plastiche e vetri ormai stratificati, emergono gomme di auto, vecchi bidoni comunali usati per la spazzatura, qualche scaldabagno; i segni di incendio sono ancora evidenti, indice di altra buona abitudine ormai consolidata: mettere fuoco all’immondizia.

«Accanto alla fabbrica del gesso c’è una strada sterrata, dove un tempo i camion comunali andavano a scaricare i rifiuti, rilasciandoli nella scarpata», è così che riusciamo a localizzare la discarica, grazie alle segnalazioni di cittadini sensibili e, finalmente, stanchi.

Il sito risulta inserito nel Piano Regionale dei Siti Inquinati del 1999 e successivi aggiornamenti (Piano regionale gestione rifiuti) assieme a Scinà e Petti Biviera.

Nel video le immagini dal “di dentro”.

Oltre alla bonifica del sito inquinato, chiediamo naturalmente il carotaggio attorno all’area. Per sapere cosa è finito in questi anni nel nostro territorio, nei torrenti, nel mare. Nei piatti.