Menu
Corriere Locride
Melito Porto Salvo. Il 26 e 27 maggio 26 e 27 maggio si svolgerà la prima edizione del “Torneo dei Bronzi”

Melito Porto Salvo. Il 26 e 27…

Melito Porto Salvo - G...

Gioiosa Ionica. Domenica 27 maggio si terrà la presentazione del libro "Sisinio Zito, un politico visionario" di Raffaele Malito

Gioiosa Ionica. Domenica 27 ma…

"Sisinio Zito, un poli...

Coldiretti: danni da cinghiali, ritardi ed inefficienze che continuano a pagare gli agricoltori

Coldiretti: danni da cinghiali…

Molinaro: i dati (alla...

Siderno. Lunedì 28 la parrocchia Maria ss Immacolata di Mirto-Donisi presenta la proposta progettuale “Coltiviamo talenti”

Siderno. Lunedì 28 la parrocch…

“COLTIVIAMO TALENTI” ...

L’appello alla Regione di Federalberghi Vibo Valentia: «Ci manca un assessorato al Turismo»

L’appello alla Regione di Fede…

Da ripensare il modo d...

Siderno (RC): “L’amore al tempo dei voucher”, alla Calliope Mondadori il romanzo di Loredana Mazzone e Beppe Liotta

Siderno (RC): “L’amore al temp…

Tra colloqui di lavoro...

Agriturismo: colmare subito il grave “vulnus” nella Legge Regionale che penalizza i giovani, il diritto della continuità dell’attività e gli investimenti

Agriturismo: colmare subito il…

La Regione predisponga...

Reggio. Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri: «Violenze in corsia: ora basta»

Reggio. Ordine dei Medici Chir…

Riceviamo e pubblichia...

XXVI anniversario delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio: concerto a Palermo dell’Orchestra Giovanile "Giuseppe Scerra"

XXVI anniversario delle stragi…

Il Concerto dell’Orche...

Siderno (RC): Anna Luana Tallarita alla libreria Calliope Mondadori con il suo saggio “Il potere del potere”

Siderno (RC): Anna Luana Talla…

La parola quale luogo ...

Prev Next

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

  •   Antonella Italiano
Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Lungo la Statale 112, nel tratto che collega Bovalino superiore al Comune di Benestare, si trova un deposito incontrollato di rifiuti, facilmente individuabili affacciandosi dalla carreggiata. Il deposito si estende per decine di metri, ed è chiaramente frutto del malcostume imperante (che gode di qualche occhio di riguardo) che ha fatto di necessità virtù.

Un po’ più a valle, però, proprio accanto all’ex fabbrica del gesso, si trova da molti anni una vera e propria discarica abusiva, che insudicia tutto il pendio: in questo caso i cittadini sono vittime, non certo artefici.

La discarica nacque, con grande probabilità, quando le logiche dello “smaltimento rifiuti” prevedevano l’abbandono selvaggio a ridosso delle fiumare o lungo i versanti di montagne e colline. Ai “tempi di Scinà” per intenderci.

Dal fango, impastato di plastiche e vetri ormai stratificati, emergono gomme di auto, vecchi bidoni comunali usati per la spazzatura, qualche scaldabagno; i segni di incendio sono ancora evidenti, indice di altra buona abitudine ormai consolidata: mettere fuoco all’immondizia.

«Accanto alla fabbrica del gesso c’è una strada sterrata, dove un tempo i camion comunali andavano a scaricare i rifiuti, rilasciandoli nella scarpata», è così che riusciamo a localizzare la discarica, grazie alle segnalazioni di cittadini sensibili e, finalmente, stanchi.

Il sito risulta inserito nel Piano Regionale dei Siti Inquinati del 1999 e successivi aggiornamenti (Piano regionale gestione rifiuti) assieme a Scinà e Petti Biviera.

Nel video le immagini dal “di dentro”.

Oltre alla bonifica del sito inquinato, chiediamo naturalmente il carotaggio attorno all’area. Per sapere cosa è finito in questi anni nel nostro territorio, nei torrenti, nel mare. Nei piatti.