Menu
Corriere Locride
Santo Biondo (Segretario generale Uil Calabria) chiede un confronto con i candidati governatori

Santo Biondo (Segretario gener…

Sant’Eufemia - Lamezia...

Tansi: “La Polizia locale calabrese? Tutto da rifare”

Tansi: “La Polizia locale cala…

‹‹Bisogna riorganizzar...

Tansi: “La strada verso la nuova Calabria passa dai trasporti”

Tansi: “La strada verso la nuo…

A Pellaro ha illustrat...

Cinzia Costa protagonista del videoclip “Noi ci saremo ancora”

Cinzia Costa protagonista del …

«L’attrice sidernese p...

A Sant’Agata del Bianco, domenica 22 dicembre, LA MAGIA DEL NATALE

A Sant’Agata del Bianco, domen…

Si svolgerà domenica 2...

L'On. Nicola Irto visita la nuova sede del 'Rhegium Julii'

L'On. Nicola Irto visita la nu…

Giovedì 12 dicembre ...

Arriva “Salus” il nuovo libro dello scrittore palmese Oreste Kessel Pace. Tra mitologia e tradizioni

Arriva “Salus” il nuovo libro …

di SIGFRIDO PARRELLO ...

Reggio. Venerdì 20 dicembre il Circolo Culturale "L'Agorà" conclude il programma del 2019 con la presentazione dell'ultimo romanzo di Demetrio Casile "Casile Eroe per necessità"

Reggio. Venerdì 20 dicembre il…

Il Circolo Cultur...

CasaPound Calabria: «la politica rispetti i calabresi, no a giochi di palazzo ma alternativa concreta»

CasaPound Calabria: «la politi…

Riceviamo e pubblichia...

Siderno. Sabato 21 da “MAG. La ladra di libri” si presenta il saggio di Raffaele Rio “Ritorno al turismo. Un viaggio consapevole dentro il sistema Calabria”

Siderno. Sabato 21 da “MAG. La…

Si chiama “Ritorno al ...

Prev Next

Frane. Bloccati Sant'Agata, Brancaleone, Platì; a Portigliola liberata la Provinciale "d'autorità"

  •   Redazione
Frane. Bloccati Sant'Agata, Brancaleone, Platì; a Portigliola liberata la Provinciale "d'autorità"

Sant’Agata del Bianco

Sulla strada provinciale (denominata Mandanici) che collega Sant'Agata del Bianco a Samo, c'è una voragine che ha compromesso un lato della carreggiata (foto in alto).

Portigliola

Rimossa “d’autorità” la frana che bloccava la Provinciale, strada di collegamento del centro abitato di Portigliola con la Statale 106. Il Comune risultava isolato già dal pomeriggio, ma la Provincia non aveva potuto garantire la tempestività dell’intervento a causa di altre criticità sul territorio. Ciò ha indotto gli amministratori a provvedere da soli alla rimozione.

Per la viabilità e per la gestione dell’emergenza sono intervenuti i volontari del gruppo “Protezione Civile Portigliola”.

Platì

Una frana rende problematica la circolazione sulla provinciale che collega la frazione di Senoli a Lauro.

Pressocito (frazione di Brancaleone)

La testimonianza di Carmine Verduci, presidente della Pro Locro di Brancaleone: «Le immagini che mi giungono si riferiscono alla strada che porta alla piccola frazione di Pressocito (foto in basso).

Abitanti, allevatori, agricoltori e aziende agricole chiedono aiuto!

Qui dall'alluvione del 1-2 novembre 2015 non si è visto più nessuno, anche all'inizio della stagione autunnale le forti piogge hanno compromesso la viabilità con smottamenti sulla carreggiata che grazie ad un intervento di rimozione dei detriti è stata ripristinata alla meno-peggio.

Adesso questa è la situazione, questo è lo stato dei fatti, questo è ciò che subisce una piccola comunità che ha deciso si investire sulla terra, frutto dei sacrifici di una vita da parte dei propri antenati.
Queste persone si domandano se riusciranno domani a raggiungere i propri cari, il bestiame le proprie terre. 


Questa è la domanda che mi pongo anche io da una vita, nonostante una moltitudine di occasioni che l'Europa sta dando alle regioni per sviluppare l'agricoltura e i centri interni.
Ricordiamo che a Pressocito ci vivono una decina di persone, perlopiù anziani, ma c'è anche una piccola crescente attività dedita alla pastorizia che viene portata avanti con tanta passione e dedizione da alcuni giovani, che hanno fatto di queste terre il proprio mestiere. Una prospettiva di vita che forse domani, a causa dell'abbandono di un territorio già fragile, verrà negata.

Le autorità sono invitate a garantire l'incolumità pubblica e la messa in sicurezza dei versanti della collina!».