Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Analisi politica – Il PLD inizia a mostrare i muscoli fino al 2024

NS“Mai”, che grava sulla leadership di Danilo Medina nell’aspirare alla presidenza e vicepresidente della repubblica, è diventato uno dei principali ostacoli elettorali incontrati dall’opposizione del Partito della Liberazione Dominicana, nella sua lotta per il ritorno al potere.

L’organizzazione ha dovuto intensificare il suo attivismo politico alla ricerca di impostare una figura presidenziale contro l’orologio del 2024 e cercare di rispolverarsi dalla sconfitta. Con questo obiettivo sono già entrati l’ex vicepresidente Margarita Cedeno, l’ex procuratore generale Francisco Dominguez Brito e il sindaco di Santiago Abel Martinez.

Ai massimi livelli del PLD, l’imprenditore Gonzalo Castillo, il candidato sconfitto alle elezioni del 5 luglio scorso e uno dei suoi principali artefici, non esclude, insieme a una città, la disastrosa spartizione del 2019.

È stato anche notato l’influente ex ministro amministrativo della Presidenza della Repubblica, José Ramon Peralta, a cui è attribuita una notevole partecipazione alle elezioni anticipate del segretario generale Charlie Mariotti, che è stata trattata come una sfida al leader o un tradimento del potenziale vincitore Robin Bishara.

Ieri è stato rinviato l’annuncio delle aspirazioni presidenziali di un altro membro del comitato politico del Partito di Liberazione Democratica, l’ex ministro dell’Interno e della Polizia, Carlos Amarante Barrett.

corruzione
L’intero processo inizia nel mezzo di domande e rapporti consegnati alla giustizia da alti dirigenti del PLD, militanti, ex funzionari del governo di Medina e parenti della famiglia presidenziale, relativi ad atti di corruzione amministrativa nella precedente amministrazione del partito PLD.

Questi eventi diventeranno una grave calvizie per i candidati presidenziali del PLD, che dovranno visitare più e più volte il territorio nazionale, per posizionarsi non solo nelle primarie interne del Partito di Liberazione Democratica, ma anche a beneficio del popolo nel caso in cui si verifica la candidatura presidenziale definitiva.

READ  Scopre un videoclip del suo amico che abusa di sua figlia e lo uccide | internazionale | Notizia

Un altro ostacolo da superare è l’erosione del meccanismo del PLD accumulata in due decenni di potere e l’enorme quantità di risorse che deve essere investita in un’azienda di questo tipo quando gli restano più di due anni. Per il processo interno e le elezioni generali 2020.

candidati
Margherita Cedeño, l’unica donna che aspira a candidarsi alla presidenza del partito PLD, ha una vasta esperienza come statista. È stata la First Lady nei due mandati dell’ex presidente Lionel Fernandez (2004-2008 e 2008-1012). Inoltre, il vicepresidente della Repubblica nei due mandati dell’ex presidente Danilo Medina (2012-2016 e 2016-2020), con esecuzioni prolungate nei programmi sociali del governo.

Il personaggio di Cedeño ha suscitato polemiche quando ha preso le distanze politicamente da suo marito, Lionel Fernandez, che si è dimesso dal PLD ed era il candidato presidenziale di Fuerza del Pueblo, accettando ancora una volta la nomina alla vicepresidenza per il ballottaggio del PLD con Castillo.

Nel caso di Dominguez Prieto, è stato procuratore generale del distretto nazionale (1997-2000), procuratore generale della Repubblica (2004-2006), senatore di Santiago (2006-2010), candidato presidenziale del PDL (2011), ministro della Lavoro 2011-2012 ) Procuratore Generale della Repubblica (2012-2016), Ministro dell’Ambiente (2016-2018) e candidato presidenziale (2019).

Abel Martinez è un rappresentante di Santiago dal 2002 e dal 2010 al 2016 è stato presidente della Camera dei deputati. È stato eletto sindaco di Santiago alle elezioni comunali dello scorso anno.

Il partito PLD ha governato il paese dal 1996-2000 e dal 2004 fino al 2020, quando è stato sostituito dal presidente Luis Abenader e dal Partito rivoluzionario moderno (PRM).