Menu
Corriere Locride
Anas: in Gazzetta Ufficiale l'aggiudicazione dei lavori di manutenzione delle opere in verde lungo l’A2 autostrada del Mediterraneo tra le province di Potenza, Cosenza e Catanzaro

Anas: in Gazzetta Ufficiale l'…

Catanzaro, 25 giugno 2...

Progetto Borghi: domani Conferenza dei Sindaci

Progetto Borghi: domani Confer…

Il presidente della Re...

Reggio. Si conclude la stagione dei congressi del Partito Repubblicano Italiano in Calabria

Reggio. Si conclude la stagion…

Con il congresso regio...

Trame. 8, quarta giornata. Tizian: "politica sostenga progetto del tribunale dei minori di Reggio"

Trame. 8, quarta giornata. Tiz…

Paci: «scelta scorta n...

Regione. Avviso per installazione colonnine ricarica veicoli elettrici

Regione. Avviso per installazi…

È stato pubblicato in ...

Reggio. Il 24 giugno la prima "Corri AVIS Gallina – Memorial Demetrio Fanti"

Reggio. Il 24 giugno la prima …

Sport e salute sono un...

Taurianova. Sarà inaugurata domani, Sabato 23 giugno alle ore 17.30, la “Casa della partecipazione” presso l’ex scuola di San Martino

Taurianova. Sarà inaugurata do…

Il progetto - che cons...

Oliverio presenta un romanzo di Mimmo Gangemi in Cittadella

Oliverio presenta un romanzo d…

Il Presidente della Re...

Regione Calabria. Minori stranieri non accompagnati, incontro con l'assessore Robbe

Regione Calabria. Minori stran…

“I minori non sono pro...

Taurianova. Il Comune organizza la prima Edizione del Concorso d’Arte “Alessandro Monteleone”

Taurianova. Il Comune organizz…

L’Amministrazione comu...

Prev Next

Ardore. Serra a casa per coltivare droga, arresto

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 12 APR - Aveva impiantato in alcune pertinenze della sua abitazione una serra artificiale per la produzione di marijuana. Un uomo di 54 anni, residente ad Ardore, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria. con l'accusa di illecita coltivazione, trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
L'uomo è stato fermato per un controllo dai finanzieri nel centro di Reggio e trovato in possesso di una borsa di carta contenente oltre un chilo e mezzo di marijuana destinata allo spaccio.
Ampliata la perquisizione alla abitazione del cinquantaquattrenne e ad altri locali pertinenti, è stata individuata la serra, riscaldata grazie ad un allaccio abusivo alla rete elettrica, e trovate 108 piantine di marijuana assieme ad altri 7 chili di stupefacente, un grammo di cocaina e alcuni semi. Lo stupefacente sequestrato, una volta immesso sul mercato, avrebbe fruttato almeno 380 mila euro.

Leggi tutto

Ardore. 443 Cittadini chiedono accertamenti sulla salute pubblica

Nel comune di Ardore (R.C.) un gruppo d 443 cittadini, visto l'elevato tasso di mortalità fatto registrare negli ultimi anni, hanno deciso di chiedere ultieriori accertamenti alle istituzioni competenti, redigendo una diffida affidata all'avvocato Caterina Crimeni.
In questa intervista la Crimeni ci parla della questione. 

http://www.giovannicertoma.it/articoli/8691/ad_ardore_alto_tasso_di_mortalit_443_cittadini_chiedono_accertamenti_sulla_salute_pubblica

*la diffida è stata anche inviata a Arpacal sede di Reggio Calabria

Giovanni Certomà
Leggi tutto

Ardore, pascolo abusivo in Terreni confiscati alla Mafia: Una denuncia

Nella giornata di ieri, un’operazione congiunta tra i Carabinieri della Compagnia di Locri, Carabinieri Forestali del Comando Parco Stazione di Locri e Medici Veterinari dipendenti dell’Azienda Sanitaria – Servizio Veterinario – Area A di Locri, è stata condotta in contrada “Notaro” di Ardore su terreni confiscati alle mafie.

Nel corso di una serie di controlli finalizzati alla prevenzione e alla tutela delle proprietà pubbliche, i Carabinieri della Stazione di Ardore hanno sorpreso in flagranza di reato una 38enne del posto, mentre teneva al pascolo un gregge di decine di ovini sprovvisti del marchio auricolare su terreni confiscati.

I terreni confiscati risultano essere in carico al Comune di Ardore con la finalità di curare l’assegnazione ad Associazioni ONLUS e di promuovere quindi l’applicazione della Legge nr. 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie, che prevede l’assegnazione dei patrimoni e delle ricchezze di provenienza illecita a quei soggetti – Associazioni, Cooperative, Comuni, Provincie e Regioni - in grado di restituirli alla cittadinanza, tramite servizi, attività di promozione sociale e lavoro.

I pascoli vengono affidati in seguito al rilascio di regolare concessione ed al pagamento di un canone. Ebbene, nel caso specifico, l’allevatrice oltre ad essere priva delle prescritte autorizzazioni deteneva animali sprovvisti del bolo endoruminale. I militari operanti hanno perciò contestato l’illecita introduzione di animali nel fondo altrui e di Enti Pubblici ed il contestuale invito ad allontanare gli ovini dal fondo.

Leggi tutto