Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Argentina: Lo scontro tra Alberto Fernandez e Cristina Kirchner paralizza il governo argentino | internazionale

combattimento aperto tra Alberto Fernandez e Cristina Fernandez de Kirchner L’Argentina è paralizzata. dopo un giorno Dimissioni di tutti i ministri e alti funzionari che rappresentano il Vicepresidente in Consiglio dei ministri, Il presidente ha postato giovedì Discussione lunga su Twitter Dove avverte che è lui che prende le decisioni. “L’amministrazione continuerà a svilupparsi come ritengo opportuno e non è il momento di suscitare polemiche”, ha scritto. Il disastro elettorale delle primarie di domenica, Laddove i candidati primari per il peronismo unitario hanno perso in 18 delle 24 province del paese, ha finito per creare una crisi segreta del palazzo che ha esacerbato la marcia del governo, ha esacerbato la crisi economica, ha intimidito gli elettori e ha messo le ali ai conservatori. opposizione.

maggiori informazioni

Dopo il terremoto politico di mercoledì, l’Argentina è ora uno spettatore al polso delle due potenze contrapposte. L’origine delle tensioni va ricercata nella decisione di Cristina Fernandez de Kirchner di promuovere l’ex capo di gabinetto Alberto Fernandez come candidato alla presidenza nel 2019, con la carica di vicepresidente. Unisciti a quel binomio Sergio Massa, Un leader che ha sconfitto la Kirchneria nella provincia di Buenos Aires e che ora ha completato l’unità completa del peronismo. La strategia è riuscita e Alberto Fernandez ha impedito la rielezione Maurizio Macri. Ma la tensione tra un presidente senza voti ma con autorità formale e un vicepresidente senza autorità formale ma con voto ha pesato molto sui primi due anni di governo. Fino a quando tutto è esploso con il disastro delle primarie del 12 settembre, elezioni che selezionano i candidati che si contenderanno un seggio al Congresso il 14 novembre.

La sconfitta si concluse con il mito che “il peronismo unito non sarà mai sconfitto” e consolidò le richieste di Cristina Fernández de Kirchner che il suo Dolphin intraprendesse una profonda riforma del governo. Ma Fernandez ha preferito aspettare la legislatura, sostenendo che un cambiamento nel bel mezzo della campagna elettorale avrebbe solo complicato le cose. Mercoledì, cinque ministri Kirchner e diversi altri alti funzionari hanno annunciato che avrebbero lasciato il governo. La frattura era completa, anche se ci sono sfumature in Argentina.

READ  Un nuovo terremoto ha colpito duramente Haiti dopo il grave terremoto

In cima alla lista delle dimissioni c’è Eduardo “Wado” de Pedro, ministro dell’Interno, uomo del gruppo più intimo del vicepresidente. De Pedro ha presentato una lettera di dimissioni che i suoi portavoce hanno rapidamente distribuito a giornalisti e social network, ma non è entrato ufficialmente a Casa Rosada. Senza questa azione formale, la corsa ai Kirchneren è diventata un gesto politico volto a fare pressione su Fernandez affinché destituisca i ministri che l’ex presidente non vuole nel governo.: Primo Ministro Santiago Cafiero, e Il ministro dell’Economia Martin Guzman.

Unisciti subito a EL PAÍS per seguire tutte le novità e leggere senza limiti

Iscriviti qui

Ventiquattr’ore dopo l’inizio della crisi, all’inizio la situazione era la stessa: Alberto Fernandez si muoveva appena, e Cristina Kirchner taceva, almeno in pubblico. Il suo ambiente ha rivelato che mercoledì pomeriggio ha chiamato il ministro Guzmán per dirgli che non era vero che chiedeva le sue dimissioni. Il collegamento è stato confermato dal ministero dell’Economia. Questa mossa strategica dice al presidente che la Kirchneriya non sarà soddisfatta del solo ministro dell’Economia. Quando la tensione è salita all’estremo nei corridoi del potere, la radio ha trasmesso il suono di un deputato dalla linea dura che urlava contro il presidente. Fernanda Vallejos, illustre membro di La Cámpora, il gruppo controllato da Máximo Kirchner, figlio di Cristina Kirchner, descrive Fernandez come “squatter e abusivo” e lo considera un “inquilino” della Casa Rosada che ha sperperato voti in due anni dalla ex presidente. “Tutti aspettavamo il malato di Alberto Fernandez, gli occupanti abusivi di Alberto Fernandez, lunedì alle otto del mattino. [tras la derrota electoral] Stava tenendo una conferenza stampa sulla scrivania con tutte le dimissioni sul tavolo (…) Non solo non lo ha fatto, non ha voluto farlo”, dice Valejos. Con questa logica, le dimissioni dei ministri di Kirchner dovevano costringere cambiamenti che “il presidente non vuole fare”.”.

READ  Condannato per aggressione sessuale a 22 ragazze aborigene

Valejos si è scusato per le sue parole, che ha ritenuto “inappropriate” e frutto dell’entusiasmo di una chiacchierata privata. Tuttavia, è stata una prova concreta di come una parte creda che l’Argentina oggi sia impantanata nell’incertezza. La battaglia, ancora aperta, può avere solo soluzioni negative. Se Alberto Fernandez soccombe alla pressione, sarà seriamente indebolito ma manterrà viva l’alleanza. Se non si arrende, si rafforza come leader ma rompe l’unità del peronismo a meno di due mesi dalle elezioni legislative. Al momento, non sembra che il sostegno ricevuto da conservatori, sindacati e movimenti sociali sia sufficiente per mantenere il governo di un Paese in recessione da tre anni, esacerbato dalla pandemia.

Inflazione e negoziati con il Fondo monetario internazionale

In mezzo all’instabilità politica, lo spettro della crisi e, soprattutto, dell’indebitamento esterno perseguita. Nella tarda serata di mercoledì, il ministero dell’Economia ha inviato il progetto di bilancio 2022 che prevede una crescita del 4% e un’inflazione del 33%, 15 punti percentuali in meno rispetto alle attese per quest’anno. L’aspetto più rilevante della legge di bilancio, che deve essere approvata da entrambe le legislature, è che non prevede un versamento in capitale al Fondo Monetario Internazionale (FMI) per debiti $44 miliardi contratti da Macri nel 2018 Ed è in fase di rinegoziazione. Gli economisti temono che le differenze complicheranno questo dialogo, che è nelle mani del ministro Martin Guzman.

L’Argentina deve pagare al FMI quest’anno due benefici in conto capitale di 3,8 miliardi di dollari. La prima, alla fine di questo mese, potrebbe essere pagata con una parte dei DSP ricevuti dall’agenzia a fine agosto.

READ  Il segreto di Hamilton Palace, la villa abbandonata, del valore di 55 milioni di dollari

Il portafoglio di Guzmán prevede anche un disavanzo primario – senza scadenze – del 3,3% del PIL entro il 2022 e un deprezzamento del peso del 30%. Ogni dollaro Usa sarà scambiato per 131,10 pesos, secondo il governo, rispetto ai circa 103 pesos pagati oggi sul mercato ufficiale (vietato ai risparmiatori) e ai 180 pesos sul mercato parallelo. Il disegno di legge di bilancio 2022 è ottimista sulla ripresa di altri fattori chiave della crescita economica, come i consumi privati ​​e gli investimenti, con aumenti previsti rispettivamente del 4,6% e del 3,1%.

I numeri reali per l’economia argentina non corrispondevano da anni a quelli preventivati ​​dalle autorità nazionali. Per il 2021 il governo ha stimato l’inflazione al 29%, cifra raggiunta nei primi sette mesi. Nell’ultimo anno del governo di Mauricio Macri, i prezzi hanno più che raddoppiato le aspettative. Era il 53% contro il 23% stimato nei conti ufficiali.

Iscriviti qui per me le notizie Da EL PAÍS América e ricevi tutte le chiavi informative per la situazione attuale nella regione.