Menu
In Aspromonte
Wwf. Buone notizie per l'aquila di Bonelli in Sicilia

Wwf. Buone notizie per l'aquil…

I risultati per il 201...

Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Prev Next

La nostra Storia. Le lotte degli Anarchici per la Libertà nella Locride degli anni '70

  •   Redazione
La nostra Storia. Le lotte degli Anarchici per la Libertà nella Locride degli anni '70

Pubblichiamo un "reperto storico" (Un volantino ciclostilato dei Collettivi Operai Studenti della zona Jonica Locridea del 1972) che può contribuire a spiegare a chi quegli anni non li ha vissuti il clima che si respirava. Come era difficile difendere i diritti delle classi più deboli e la Libertà.

«OPERAI, STUDENTI-  Il 27 maggio si apre a Locri il processo contro i compagni anarchici Rocco, Bruno e Salvatore Palamara, il primo accusato di tentato omicidio, e gli altri due: “…di aver partecipato con la loro presenza a rafforzare la volontà omicida dello sparatore…” (sic!!!). Per ripetere testualmente le parole del pubblico ministero. E continua la requisitoria: “…chiunque ritenga che con la violenza è possibile rovesciare le istituzioni, come il Palamara e i giovani a lui vicini, deve essere perseguito senza tentennamenti ed indulgenze…”.

Da 18 mesi questi compagni sono nelle carceri borghesi. La loro unica colpa è quella di aver lottato duramente accanto alla loro gente contro i centri di potere della D.C. e della “mafia di Africo”. Palamara come Valpreda e centinaia di altri compagni operai e studenti, è in galera vittima della giustizia borghese, colpevoli di non condividere il sistema. Operai, studenti, non è per pura solidarietà che dobbiamo porci dalla parte di questi compagni, perché gli studenti nella scuola, gli operai nella fabbrica, tutti siamo vittime di questa società basata sullo sfruttamento dei padroni sui proletari. È necessario, quindi, lottare in tutti i posti dove la repressione si manifesta per poterla vincere concretamente. Facciamo del processo Palamara un processo politico di condanna della giustizia dei padroni che incarcera i proletari e lascia in libertà gli sfruttatori. Dobbiamo creare intorno al processo Palamara un vasto schieramento di forze di classe che sconfigga la giustizia e lo stato borghese».

"LA VERA GIUSTIZIA È QUELLA PROLETARIA"

(* Collettivi Operai Studenti della zona Jonica - cicl. In proprio il 19.4.72 presso circolo Davis Roccella)


  • fb iconLog in with Facebook