Settembre 23, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Avvertimento grave sui viaggi per Stati Uniti, Italia, Francia e Grecia in ritardo

Israele lancia severi avvertimenti sui viaggi verso Stati Uniti, Francia, Italia, Francia, Germania, Grecia e molti altri ministero della Salute.

Inizialmente, la mossa avrebbe dovuto entrare in vigore venerdì, ma è stata successivamente rinviata a mercoledì con un annuncio del ministero.

Dall’11 agosto, tutti i viaggiatori che entrano in Israele da questi paesi devono essere isolati per almeno sette giorni fino a quando non saranno completamente vaccinati o guariti.

Secondo un portavoce del gruppo, la decisione è definitiva e non richiede ulteriore approvazione da parte del governo o del governo del Corona virus.

L’elenco completo dei paesi approvati per essere inclusi nell’elenco sono Ucraina, Italia, Islanda, Ezra, USA, Botswana, Bulgaria, Germania, Paesi Bassi, Tanzania, Grecia, Malawi, Egitto, Repubblica Ceca, Francia, Cuba, Ruanda. E tunisino.

Elenco dei paesi soggetti a rigoroso avviso di viaggio – o arancione – Cambogia, Colombia, Costa Rica, Cipro, Fiji, Georgia, Gran Bretagna, Guatemala, Honduras, Kenya, Liberia, Mongolia, Myanmar, Namibia, Panama, Paraguay, Seychelles, Uganda, Regno Unito Emirati Arabi, Zambia e Zimbabwe.

Tuttavia, secondo la raccomandazione, Seychelles, Zambia, Paraguay, Costa Rica, Uganda, Liberia, Panama e Kenya devono essere rimossi dall’elenco.

Gli israeliani possono viaggiare nei paesi arancioni, ma devono essere isolati al loro ritorno – 14 giorni, possono essere ridotti a sette con due PCR negativi test.

I paesi considerati ad alto rischio – o rossi – sono soggetti a divieti di viaggio.

READ  Frank Ribery, leggenda del calcio mondiale, firma per la Salernitana

Agli israeliani è vietato entrare in quei paesi a meno che non ottengano il permesso dal comitato di esenzione del governo.

L’elenco comprende attualmente Argentina, Bielorussia, Brasile, Cipro, Georgia, Gran Bretagna, India, Kirghizistan, Messico, Russia, Spagna, Sudafrica, Turchia e Uzbekistan.

Attualmente Israele determina lo status di un paese da un lato in base alla combinazione di morbilità a livello locale e tendenze del virus corona, dall’altro lato il numero di viaggiatori infetti in entrata che entrano in quel paese in Israele. Viene preso in considerazione anche il tasso di infezione tra i viaggiatori.

Secondo i dati forniti dal ministero della Salute durante la riunione del comitato, il mese scorso sono arrivati ​​in Israele dagli Stati Uniti 57.025 passeggeri. Di questi, 141 sono stati infettati dal virus, ovvero lo 0,25%.

Inoltre, gli Stati Uniti attualmente forniscono una media di 155 casi per milione di persone a settimana e 1736 casi attivi per milione di persone, secondo il modello epidemiologico sviluppato dall’Imperial College London (ICL) e 969 London. )

Per quanto riguarda la Francia, circa 17.429 passeggeri si sono recati in Israele, di cui 42 colpiti (pari allo 0,24%). Inoltre, la Francia attualmente consegna una media di 262 casi per milione di persone a settimana, 224 casi attivi per milione di persone secondo il modello ICL e 558 casi per IHME.

Circa 11.065 persone hanno viaggiato dall’Italia a Israele il mese scorso, di cui lo 0,24% è stato colpito – 27 passeggeri. L’Italia ha attualmente una media settimanale di 67 casi per milione di persone, 181 casi attivi per milione di persone secondo il modello ICL e 95 casi per IHME.

READ  Il capo del Pentagono in Vietnam migliorerà le relazioni ma persistono le preoccupazioni sui diritti