Menu
Corriere Locride
Gerace. Nota stampa del circolo di Fratelli d’Italia di Locri sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gioia Tauro

Gerace. Nota stampa del circol…

Come circolo di Fratel...

Conferita la Cittadinanza Onoraria di Oppido Mamertina al produttore e scrittore Ruggero Pegna

Conferita la Cittadinanza Onor…

L’amministrazione Comu...

Coldiretti, Aceto: siamo impegnati a gestire il post alluvione con interventi sul territorio e per le aziende agricole

Coldiretti, Aceto: siamo impeg…

I Consorzi di bonifica...

Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

Gerace. Nota stampa del Gruppo…

Gruppo consiliare di M...

Mancini premia Poste Italiane. L’azienda guidata da Del Fante vincitrice del torneo di calcio tra le aziende "Top sponsor" della Nazionale

Mancini premia Poste Italiane.…

 “Azzurri Partner...

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Prev Next

Proloco di Bianco, assegnati 3 posti per il servizio civile 2018/2019

Dopo il successo delle tante manifestazioni estive, la ProLoco Cultura Mediterranea di Bianco (RC) ottiene un nuovo importante risultato per quanto riguarda il Servizio Civile anno 2018/2019. Per il secondo anno consecutivo, difatti, la Proloco di Bianco avrà a disposizione 3 volontari per 12 mesi. Soddisfatto il Presidente Enzo Ferreri, recentemente intervistato anche dall’inviato della trasmissione L’indignato, la rubrica del TG5, del 20 agosto 2018, in occasione del raduno a Polsi di tutte le Proloco dell’area metropolitana di Reggio Calabria. Per Ferreri “il lavoro di ogni associazione non deve prescindere dai principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’utilità sociale nei servizi resi, soprattutto a vantaggio di un potenziamento dell’occupazione giovanile”. Non solo, quindi, valorizzazione del territorio, dell’attrattiva turistica, della conoscenza e della tutela ambientale. La via segnata da Ferreri è anche quella di una grande attenzione verso i temi dello sviluppo sociale e della formazione di una specifica sensibilità nei giovani, capace di trasformarsi in impegno sociale e qualificazione culturale del territorio.

Leggi tutto

La scuola M. Macrì di Bianco omaggia il “Segretario” Giuseppe Stranieri che va in pensione

E’ stato festeggiato martedì 3 luglio, presso l’I.C.S. “M. Macrì” di Bianco, insieme ad altri sei insegnanti che andranno in pensione, Il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Dr. Giuseppe STRANIERI.  In una sala affollata dell’Istituto Scolastico, l’insegnante  Rosamaria Scordo ha esordito ricordando come, nella sua stanza, chino sulla sua scrivania, la figura di Giuseppe Stranieri è stata, per tutti, un punto di riferimento sia professionale che umano. Apprezzato da tutto il mondo scolastico del comprensorio (e non solo) per la sua preparazione ed il suo quasi stoico attaccamento al lavoro, il Dr. Stranieri ha ricevuto tantissimi attestati di stima. Particolarmente commosso il saluto del Dirigente scolastico, Prof. Sebastiano Natoli. “Caro segretario – ha detto Natoli – la vostra competenza e lealtà professionale resteranno un patrimonio importante per la nostra scuola. Grazie per la vostra presenza luminosa, per il lavoro svolto, per la puntualità, per la capacità di mediazione”. Dopo vari interventi e una percettibile emozione, è stato il “segretario Stranieri” (come lo amano chiamare tutti) a prendere la parola: «In questo periodo tanti a chiedermi “cosa si prova nell’andare in pensione?”. Ed io, che ho provato fino all’ultimo a non pensarci,  posso dirvi che si provano sensazioni contrastanti: speranze e paure. E poi, in questi frangenti, si ripercorrono come in un film le varie tappe della vita professionale. Ricordo quando, mentre ritornavo da una riunione sindacale, mio fratello mi fece vedere il telegramma con il quale il Provv.to agli Studi di Como mi nominava Coordinatore Amministrativo nella D.D. di Lomazzo, in provincia di Como. Alla gioia per la nomina, si contrapponeva la tristezza per dover lasciare la famiglia, tra cui un figlio che ancora non aveva compiuto un anno. Il mio primo stipendio era di 330.000 lire, inferiore a quanto avevo preso per sei mesi come operaio della forestale. Il ritorno, dopo appena 8 mesi, in Calabria, con destinazione la D.D. di Platì, dove sono rimasto 10 anni, poi 11 anni a Marina di Gioiosa Jonica e, infine, dal 1° settembre 1998, su sollecitazione del caro e compianto collega Rocco Cotroneo (pilastro per tanti anni della Scuola Media di Bianco) a Bianco».

Dopo i ringraziamenti al Dirigente Scolastico, ai docenti (ai quali ha raccomandato maggiore coesione), al personale Ata e ai componenti del Consiglio di Istituto, Stranieri ha concluso così: “A tutti, con stima, il mio più affettuoso saluto, con la speranza di non aver deluso le attese di ognuno di voi. Vi prego di non aver alcun dubbio sul mio attaccamento, con tutti i limiti caratteriali e professionali, al dovere e a questa Scuola, della quale porterò vivamente un indelebile ricordo”. 

Leggi tutto

Bianco, depuratore Consortile di Contrada Sant’Antonio: finalmente un’Estate senza fogna al mare?

I tecnici della Idrotecnica Srl ribadiscono che i lavori all’impianto Consortile sono terminati il 15 gennaio e che la loro gestione terminerà a metà aprile, ma sembra sia scontato che questo termine sarà prorogato di qualche mese poiché qualche problema persiste ancora su alcune pompe di sollevamento del suddetto impianto e visto che il Consorzio tra i quattro comuni non è stato costituito. Uno dei tratti più critici è quello del Careri. Dai due impianti di sollevamento ubicati nei pressi del ponte sul torrente, precisamente il sollevamento S.20.08 e il sollevamento consortile S-3  si hanno degli sversamenti di liquame, quasi di continuo dal primo e saltuariamente dal secondo. Alla S-3 in effetti le problematiche emergono quando piove. E noi lo abbiamo potuto verificare proprio domenica 25 marzo. E visto che in questi ultimi mesi gli sversamenti sono stati frequenti è evidente che qualcosa non va per il verso giusto. Abbiamo contattato il Geometra Antonio Naso, della Idrotecnica Srl, il quale ha dichiarato che: « gli impianti si stanno monitorando in collaborazione con la Direzione dei Lavori al fine di risolvere il problema». Lo stesso, a cui ad onor del vero vanno riconosciute la serietà e la professionalità nella conduzione dei lavori, non ha voluto rilasciare altre dichiarazioni. Ma considerato che i lavori sono stati ultimati  il 15 gennaio e che il 10 aprile finisce il periodo di gestione provvisoria, non è pensabile che ancora si presentino problemi di sversamento su impianti dove sono stati eseguiti lavori di ammodernamento e potenziamento. E nella sua risposta c’è l’ammissione che il “problema da risolvere” esiste. Non abbiamo potuto contattare il Progettista e Direttore dei Lavori Ingegnere Alfredo Lazzaro, quindi , al momento, non possiamo azzardare ipotesi, resta il fatto che  sempre più spesso i reflui finiscono nella fiumara. Abbiamo comunque potuto parlare con l’ingegnere Albanese (anche lui nella direzione dei lavori) che è ottimista anche se lo stato dei fatti in parte lo contraddica. Secondo lui il problema alla S.20.08 si risolverà al più presto. Per adesso è stata messa una pompa più potente di quella che c’era, ma sarà sufficiente una sola? Per quanto riguarda la S3 secondo l’ingegnere Albanese il problema è causato dalla quantità sproporzionata (che è tre o quattro volte superiore a quella prevedibile per numero di abitanti) di reflui che la raggiungono. E Albanese ipotizza l’immissione anomala di acque bianche nella rete fognaria a monte della S3. Ma come è possibile che solo a lavori conclusi si sono resi conto di questa problematica? Comunque come si risolverà il problema? Bisognerà sostituire qualche pompa o tutte e quattro? Per quanto riguarda lo smaltimento dei fanghi accumulati per anni nel depuratore per l’ingegnere Albanese, risorse finanziarie permettendolo, non vi sono problemi, il tutto si potrà smaltire poco per volta. Con l’Estate ormai alle porte la situazione non è ancora abbastanza chiara, e nonostante il finanziamento di questo progetto da parte della Regione Calabria, sulla soluzione dei problemi dell’impianto Consortile è d’obbligo metterci un punto interrogativo.

Leggi tutto