Ottobre 16, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Boxe: la polemica nazista sul tatuaggio di un pugile in Italia

Aggiornato

22/09/2021 –
13:27

El boxeador Michael Broley, 28 anni, è stato sconfitto a Trieste domenica scorsa Hassan Nordin, 34 anni, in lizza per il titolo italiano dei Super Piuma. Oltre al combattimento di gioco, viene fornita la competizione Riprende il dibattito in Italia sull’esibizione di simboli nazisti e fascisti.

Nortin, una pizza italiana nata in Marocco, Ha preso la vittoria con decisione unanime contro Broly, che ha mostrato vari tatuaggi con simboli nazisti, che hanno attirato l’attenzione dei perdenti. I funzionari sportivi stanno ora esplorando come questo sia possibile per un pugile con un tatuaggio Bandiera con scritta SS È iscritto alla Federazione Pugilato Professionistico Italiana (FPI).

“Quando sono entrato sul ring e ho visto quei tatuaggi, sono rimasto scioccato”.disse Nordin, e lasciò l’anello con ammirazione. Molti dei tatuaggi da carne con questo tipo di logo sono: No. 88, Un numero suprematista bianco che rappresenta ‘Heel Hitler’; L ‘Teschio’, L’emblema dell’unità paramilitare che ha contribuito a gestire i campi di concentramento nella Germania nazista; E questo Simbolo del sistema skinhead vnetiano. Prima del combattimento, Anche Broily ha reso omaggio ai fascisti Ai suoi compagni.

“Ho visto quei tatuaggi come osceni. Non c’è giustificazione”, ha spiegato Nordin, che vive ad Austi, in Piemonte. “La Federazione Pugilistica Italiana deve aver sentito fin dall’inizio che questo pugile avesse tali simpatie. Stimolare l’odio è punibile per legge”., .

La Federazione Pugilistica Italiana ha detto che prenderà provvedimenti Né giustificava il fatto che ci fossero voluti 16 combattimenti – Broily era un professionista – per agire. Secondo i media italiani, la polizia e l’avvocato di Trieste stanno valutando l’apertura di un’indagine penale.

READ  Perché i leader europei dicono che non accoglieranno i rifugiati afgani

Nel 2017, il governo italiano ha approvato una legge che vieta tutti i simboli fascisti e nazisti, ma non è riuscita ad attraversare entrambe le case. Il caso Broily ha riaperto il dibattito.