Menu

A Gioiosa Jonica gli eventi finali di Filmuzik

Il 6 settembre, proiezione si EurOpen People di Alberto Gatto e un focus sul programma Europa Creativa.

Giovedì 5 settembre 2019 alle 22.00 presso Palazzo Amaduri a Gioiosa Ionica, nell'ambito del festival FilMuzik, organizzato dall'associazione Bird Production, si terrà una proiezione speciale del film Tornare Indietro, regia di Renzo Badolisani. Il film racconta uno spaccato della realtà della Locride, tra la fine degli anni '60 l'inizio degli anni '70, attraverso la storia di un ragazzo torinese che con la famiglia si trasferisce per un po' di tempo in Calabria. Da adulto tornerà a "rimettere a posto" alcune esperienze vissute da ragazzo. Il film sarà preceduto dalla proiezione di un documentario, dello stesso Renzo Badolisani, dal titolo Koras Placa. «Ho visitato per la prima volta Placanica in occasione dei sopralluoghi del mio film Tornare indietro. Era il Venerdì Santo verso l'ora del vespro. Rimasi colpito vivamente – dice Badolisani –. Ho conosciuto poi il sindaco e altre persone della giunta comunale, con le quali sono rimasto in contatto, con l'intenzione di fare qualcosa insieme. Si è presentata una piccola occasione per cominciare, collegata ad un'iniziativa musicale estiva. Sul tema della musica e della danza, abbiamo provato ad imbastire un piccolo ritratto del paese e della sua gente».  Il regista, che da qualche anno vive negli Stati Uniti, ha scritto una nuova sceneggiatura e si propone di tornare a girare un film in Calabria quanto prima, cercando però questa volta di raccontare la Calabria di oggi È di farlo in chiave di commedia, con l'idea però di fare un film insieme alla popolazione, insieme alle persone che si raccontano nel film stesso. Si intitola provvisoriamente Love Colors – I Colori dell'amore.

Venerdì 6 settembre serata finale del FilMuzik Arts Festival. Alle 21.00, in collaborazione con Eurokom e EDIC Calabria&Europa, focus sui fondi europei per la cultura - nuove opportunità per gli artisti della Locride. Se ne parlerà con Alessandra Tuzza, operatrice dell'Edic Calabria&Europa di Gioiosa Ionica, e Marzia Santone, del Mibact, esperta del Programma Europa Creativa. Si punta a fornire ai cittadini, alle istituzioni locali e agli artisti un'occasione di formazione, una disamina dei fondi votati per la cultura a livello nazionale ed europeo nell'anno europeo del Patrimonio culturale, con la possibilità di confronto con gli esperti del settore. A seguire proiezione del cortometraggio "T***O" di Enzo Niutta, musicato da Claudio Cojaniz. Alle 22.00, in prima assoluta, il film "EurOpen People" di Alberto Gatto. EurOpen People è il tour del regista Alberto Gatto (autore del corto "Mer rouge" che tratta il tema dell'immigrazione sui barconi dei disperati in fuga dalla fame e dalla guerra) e dei Marvanza, con la loro musica accattivante e i testi che sanno anche essere di denuncia: un minibus pieno zeppo di scatoloni e zero comfort ma alimentato dai combustibili dell'entusiasmo giovanile e del linguaggio universale della musica. In un tour de force di una decina di giorni nel vecchio continente, la scoperta di un'Europa senza frontiere in cui le diversità diventano risorse. Un documentario divertentee appassionante con momenti di vita quotidiana che sono tutt'uno con gli spettacoli. La Calabria, quella positiva, da esportazione.

 

Leggi tutto

A Gioiosa Jonica, nell'ambito del festival Filmuzik, proiezione del film "Paese nostro"

A Gioiosa Jonica, Palazzo Amaduri, sabato 18 Agosto alle ore 22, Filmuzik, in collaborazione con ZaLab e Recosol, presenta "Paese nostro": un film collettivo sull'Italia dell'accoglienza diffusa, realizzato dagli autori ZaLab nel 2016 prodotto dal Ministero degli Interni ma mai distribuito. «ZaLab avrebbe voluto che Paese Nostro fosse mostrato sin dalla sua finalizzazione, a inizi 2017. Non è stato possibile. Ancora oggi non potremmo farlo, invece lo mostriamo. Mettiamo gratuitamente a disposizione di tutti il film che qualcuno vorrebbe non farvi vedere» spiegano gli organizzatori.

Leggi tutto

Mancata partecipazione di rappresentanti dell’Amministrazione all’evento culturale promossa dal Club per l’Unesco di Gioiosa Ionica: «strumentalizzazione stucchevole»

«In queste ore è stata diffusa la notizia della mancata partecipazione di rappresentanti dell’Amministrazione comunale all’iniziativa di presentazione del libro “’Ndrangheta addosso” di Cosimo Sframeli attraverso un titolo particolarmente deviante e scorretto che testualmente si riporta: Gioiosa Ionica: gli amministratori comunali disertano il convegno “’ndrangheta addosso”.

Tale formulazione del titolo ha veicolato un messaggio distorto della realtà indicando la mancata partecipazione degli amministratori all’iniziativa come una scelta di merito. È un modo di fare informazione francamente discutibile, senza indagare e chiedere ai diretti interessati le ragioni e i motivi che hanno determinano un fatto o un comportamento.

L’Amministrazione comunale di Gioiosa ha sempre dimostrato con gli atti concreti di promuovere percorsi di crescita fondati sulla promozione della legalità, diretti a sconfiggere la cultura e la mentalità ’ndranghetista a viso aperto e non tirandosi mai indietro nell’affrontare la tematica in tutti i luoghi e in tutte le stagioni.

L’iniziativa sopra richiamata promossa dal Club per l’Unesco, presieduto dal Sig. Nicodemo Vitetta, è stata patrocinata dall’Amministrazione comunale. Successivamente lo stesso Vitetta ha proposto all’Amministrazione di aggiungere alla presentazione del libro un’altra iniziativa consistente nella proiezione di un mediometraggio che affrontava l’argomento della pena di morte, e che avrebbe dovuto precedere l’incontro con l’autore Sframeli. Dopa una valutazione sull’adeguatezza dei luoghi e degli spazi, la proiezione del mediometraggio è stata spostata da Piazza Vittorio Veneto al Giardino di Palazzo Amaduri, location oggettivamente più adatta alla proiezione. La non sovrapposizione dei due eventi, che pur essendo stata concordata preventivamente con il Presidente del Club per l’Unesco Vitetta, non si è successivamente concretizzata. Tale circostanza non ha consentito al Sindaco Fuda e all’Assessore alla Cultura Ritorto, che ha sempre assicurato la propria presenza alle iniziative promosse dal Club Unesco, la partecipazione ad entrambi gli eventi per come pianificato e concordato con lo stesso Vitetta.

Il Sindaco ha già provveduto nell’immediato a contattare telefonicamente l’autore Sframeli per chiarire l’accaduto, il quale ha dimostrato piena comprensione della vicenda.

Il grande impegno sociale che il Tenente Cosimo Sframeli sta generosamente donando attraverso le sue opere per sconfiggere la cultura ’ndranghetista e mafiosa nella nostra terra è un patrimonio che sentiamo nostro. Continuerà l’impegno comune per la costruzione di una Calabria nuova e libera da tutti i condizionamenti mafiosi».

Gioiosa Ionica, 14 agosto 2019.

                                                                                                        

L’Amministrazione Comunale                             

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed