Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Controllo del colesterolo e delle complicanze cardiovascolari

Le linee guida per la prevenzione delle malattie cardiovascolari fissano obiettivi per il controllo del colesterolo aterosclerotico.

Il Mancato raggiungimento degli obiettivi lipidici È preoccupante perché è direttamente correlato a un tasso di recidiva più elevato Aterosclerosi, malattie cardiovascolari Ha un alto costo economico e sociale. Pertanto, è necessario garantire che gli operatori sanitari, da un lato, e gli stessi pazienti, dall’altro, facciano un uso appropriato delle risorse terapeutiche disponibili.

Questo è stato dimostrato nella V Conferenza Cardiovascolare che la Società Spagnola dei Medici di Medicina Generale e dei Medici di Famiglia (SEMG) a Madrid l’1 e 2 ottobre con Il settimo forum di formazione sul diabete con lo slogan “Uniti nella salute cardiovascolare”“L’attuale controllo della concentrazione di colesterolo, che è associato alle lipoproteine ​​​​a bassa densità nei pazienti aterosclerotici con malattie cardiovascolari, è molto scarso e questo è associato ad un aumentato rischio di complicanze cardiovascolari”, secondo Miguel Angel Baena Lopez, membro del gruppo di lavoro cardiovascolare SEMG.

Inoltre, come ha osservato alla conferenza, più tardi questi obiettivi vengono raggiunti, maggiore sarà la posta in gioco. “Ciò è dovuto principalmente a Utilizzo attualmente insufficiente di terapie ipolipemizzanti A disposizione “.

Il Linee guida per la prevenzione delle malattie cardiovascolari Stabiliscono obiettivi per il controllo del colesterolo aterosclerotico per i pazienti con aumentata malattia cardiovascolare aterosclerotica correlata (<55 mg/dL) e si adattano a diverse condizioni di rischio, comprese diverse variabili di gravità della malattia aterosclerotica, presenza di comorbidità e fattori di rischio. malattia.

Sebbene sia risaputo che l’abbassamento dei livelli di LDL sia associato a una significativa riduzione del rischio di eventi CV, “la verità è che, sebbene vi siano strumenti sufficienti per ottenere un controllo adeguato nella maggior parte dei pazienti con cardiopatia ischemica, la maggior parte dei loro non raggiungono gli obiettivi di controllo stabiliti.” ‘, secondo Baena.

READ  UMCE firma un accordo internazionale con l'OEI per promuovere l'istruzione, la scienza e la cultura | Nazionale


Algoritmi ascendenti

Sebbene questa situazione sia preoccupante nella popolazione iperlipidemica in generale, è più grave nel paziente in prevenzione secondaria. Per questi motivi, da Società Spagnola di Cardiologia (SEC) ha proposto di creare algoritmi di approccio semplici e di facile applicazione, che coprano la maggior parte dei casi clinici nel campo della prevenzione
Scuola superiore.

Inoltre, in questo consenso della SEC con Raccomandazioni per un migliore controllo del grasso – a cui il SEMG ha partecipato la Dott.ssa Isabel Egochia, insieme ad esperti nel campo delle dislipidemie di diverse specialità (cardiologia, medicina interna e cure primarie) – alcuni profili di pazienti sono stati inseriti nella tabella di rischio cardiovascolare suggerita dalle linee guida europee Per la dislipidemia , per la prevenzione primaria e secondaria.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni in scrittura medica sono curate e preparate da giornalisti. Si consiglia di consultare il lettore su qualsiasi domanda relativa alla salute con un operatore sanitario.