Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Covid-19: “Se potessi scegliere, non lo indosserei”. La comunità dei tre modelli obbligatori del vaccino in Italia, Stati Uniti e Francia

I tassi di vaccinazione contro il virus hanno messo un freno a molti paesi ricchi e, a differenza dei primi mesi della campagna vaccinale, quando non c’erano le fiale, ora c’è carenza di armi per iniettare farmaci. In Spagna, oltre il 75% della popolazione ha già completato il programma di vaccinazione, ma questo alto livello di protezione è ancora un campanello d’allarme in alcuni paesi vicini: gli Stati Uniti sono oltre il 50% e l’Italia è circa il 64%. La Francia guida con l’81%. Proprio mentre metà delle nazioni del mondo lottano per ottenere anche i vaccini più inaccessibili, questi tre paesi, che hanno accumulato dosi inutilizzate, sono costretti a vaccinare i propri cittadini.

Con vari gradi di severità, il terzetto ha scelto il destino: il più severo, dall’Italia, ha ordinato a tutti i lavoratori di fissare i prezzi; Passa attraverso Linee guida statunitensi per la vaccinazione dei dipendenti federali; La Francia ha ordinato di vaccinare gli operatori sanitari entro il 15 settembre. La polemica sul dovere, inoltre, è saltata fuori dagli uffici della scienza e nelle strade: a Parigi, ad esempio, ogni sabato vengono dimostrate manifestazioni anti-vaccinazione contro la guida del governo francese.

Ulteriori informazioni

Italia: il primo commesso nel mondo occidentale

Questa è l’Italia Il primo paese del mondo occidentale ad essere vaccinato Per tutti i lavoratori, la popolazione è di circa 23 milioni. La formula tecnica utilizzata evita di parlare di dumping legale. Ma il mandato approvato giovedì scorso dal governo Mario Draghi era quello di ottenere un certificato verde che confermasse il rispetto del Govt-19 e poter far crescere l’occupazione: come lavoratore dipendente nel settore dei lavoratori autonomi o nelle aziende. Il pass sarà richiesto anche per i servizi domestici come aiuto domestico o idraulico. Queste tipologie si aggiungono all’attuale obbligo di esporre il bando spigola verde In teatri, teatri, palestre o ristoranti

La mossa, approvata all’unanimità dal Consiglio dei Ministri, è stata ben accolta dagli italiani. Nel centro di Roma, accanto alle rovine del Senato romano in Plaza de Largo Argentina, Daniel Bolago, 28 anni, spedisce giornalmente giornali e giornali dal suo chiosco. Lui, suo padre e un dipendente lavorano in una piccola impresa e ora hanno bisogno di un certificato verde. «Mi sembra giusto. Se sei a casa non vaccinarti, ma se vieni in giro, vai al ristorante o in palestra, dovresti farlo per sicurezza. È un’epidemia globale. È vero che ogni lavoro è diverso. Chi lo fa fuori può destare sospetti, ma ognuno di voi. Il caso non poteva andare avanti. All’inizio dell’epidemia, Bola non la pensava così. Arrivò addirittura a dire che non si sarebbe fatto vaccinare. “Io pensavo di non aver avuto il tempo di leggerlo e controllare che non provocasse effetti collaterali. Ma sono stato la prima persona a interpretare il ruolo del primo membro della famiglia a morire e ho cambiato idea “, ha sottolineato.

READ  L'Italia imbattuta 3-0 in Repubblica Dominicana ai Mondiali U18

Le aziende avranno bisogno di se stesse Controlla i tuoi dipendenti utilizzando il lettore di codici QR. I dipendenti che non rispetteranno la nuova norma saranno multati fino a 500 1.500. Chi è sprovvisto di certificato di vaccinazione tornerà a casa e se non presenterà il documento dopo cinque giorni sarà sospeso dal lavoro e dallo stipendio.

Marco Vitaly è titolare di un negozio di abbigliamento in Via del Corso a Roma. 12 persone lavorano su due turni. Lo stabilimento è sempre pieno di clienti ei dipendenti ritengono necessario avere un controllo. Pietro Fuenerba, che lavora in negozio da quattro anni, non ha dubbi. Ci sono 23 milioni di lavoratori in Italia. Se un piccolo gruppo decide di resistere al vaccino mette a rischio tutti noi. Questo risultato mi sembra molto buono, tuttavia ognuno può sollevare qualche dubbio sulla libertà di agire come desidera. La situazione è grave ed è importante agire in modo univoco”, ha detto.

100 milioni di lavoratori sono colpiti negli Stati Uniti

La Casa Bianca non solo ha redatto i regolamenti richiesti dalle aziende con più di 100 dipendenti, ma ha anche ordinato al ramo esecutivo e al personale federale di essere vaccinati contro il virus corona. “La mia pazienza si sta esaurendo”, ha affermato il presidente Joe Biden, che ha annunciato la mossa dopo che la Delta Variation ha ritirato un tasso di infezione senza precedenti per mesi in estate, con oltre 1.000 decessi ogni giorno e quasi tutte le persone non vaccinate. In tutto, sono colpiti quasi 100 milioni di lavoratori, ovvero i due terzi della forza lavoro statunitense.

Tuttavia, la tradizione politica prevalente in questo Paese, che ora include la destra più distratta sotto l’etichetta di Donald Trump, ha subito avvertito che il decreto presidenziale era incostituzionale. La decisione dei democratici è stata rapidamente contestata e il procuratore generale ha informato la Casa Bianca in più di 24 stati che avrebbe affrontato “un’azione legale” se avesse continuato in carica. La maggior parte di questi stati appartiene al Partito Repubblicano e ha la più alta vulnerabilità del governo 19, come in Texas e Florida.

READ  L'estrema destra Matteo Salvini sta annegando, soffre di droga, banchetto e abusi sessuali

“È illegale”, dice Marjorie Lansky, 52 anni, residente ad Arlington, in Virginia. Il figlio della signora Lansky – Josh, il postino – è uno dei casi tra l’incudine e il martello: farsi vaccinare o rischiare il licenziamento entro il periodo di grazia di 75 giorni offerto dall’amministrazione Biden. L’unica eccezione all’ordine esecutivo di Pitton è incolpare ragioni religiose. Lansky non ha un figlio maggiore. Sua madre pensa per lui e promette di vaccinarlo per puri motivi “personali” che non ha ancora menzionato, anche se non l’ha ancora fatto.

Come Josh Lansky, circa 80 milioni di persone negli Stati Uniti hanno scelto di non vaccinarsi. Nonostante l’avvertimento del presidente che utilizzerà i poteri a lui conferiti se i governatori degli stati non aiutano a prevenire l’epidemia, Fiden sa che non è possibile vaccinare tutti i nordamericani perché, soprattutto, il dovere è potere di ogni stato .

Come testimone costituzionale, la sua libertà è garantita e, invocando la separazione dei poteri, Jeff Cooper assicura che nessuno, nemmeno il presidente, possa costringerlo a sottomettersi alla gloriosa pugnalata esistente. “Siamo cavie nelle mani di multinazionali farmaceutiche”, dice il 48enne che ha lasciato il lavoro al Tesoro.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riportano che oltre il 53% degli americani ha ricevuto il programma completo dei vaccini Govt-19.

Francia: Macron Covid vince la corsa ai certificati

Finalmente è arrivata la data: 15 settembre. Quel giorno, alcuni operatori sanitari in Francia che non hanno pagato almeno un primo vaccino hanno iniziato a mettere in atto ogni sorta di escamotage per salvare i loro posti di lavoro. Operatori sanitari non vaccinati, non vaccinati, come da legge adottata dal presidente Emmanuel Macron il 12 luglio e adottata ad agosto C’è il rischio che il tuo lavoro e il tuo stipendio vengano sospesi.

Maria, un’infermiera di 49 anni in un ospedale alla periferia di Parigi, ha preso un congedo per malattia una settimana fa. “Un po’ per questo [la vacuna], E dalla stanchezza e dall’esaurimento psicofisico: siamo sotto stress. Vaccino? “Se potessi scegliere, non lo indosserei”, ha risposto. “Ma perché non puoi scegliere…” Quando tornerai in ospedale? “Non lo so”.

READ  30 Miglior Bottiglia Termica 750 Ml per te

Come gli altri bagni intervistati a Parigi per questo diario, Maria non ha voluto dare il suo cognome. Nora, 59 anni, che lavora nel servizio di radiologia di un altro ospedale, spiega che un amico medico ha firmato un certificato di esenzione dalla vaccinazione. “Il mio corpo non supporta un corpo estraneo o droghe”, ha accusato. Rashid, 45 anni, infermiera del servizio psichiatrico, è in aspettativa. Rachid dice che la sua vacanza ora è una coincidenza, ma gli permette di evitare, almeno fino al suo ritorno al lavoro in ottobre, una data importante in cui deve affrontare un dilemma: o è stato vaccinato o per le strade dove è rimasto.

Non esiste un obbligo diretto di vaccinare l’intera popolazione in Francia. Macron ha scelto un’altra strategia: Promuovere la vaccinazione. È stato, in un primo momento, obbligato dal rilascio di un certificato sanitario – che dimostri che il titolare è stato vaccinato o risultato negativo all’ultimo test Govt-19 – in cinema, caffè, ristoranti, musei, treni a lunga percorrenza e aerei, e altri luoghi pubblici. Novità: per divertirsi bisogna essere vaccinati. L’altra parte della strategia è costringere gli operatori sanitari a vaccinarsi sotto la minaccia della disoccupazione.

Questa scommessa è pericolosa per Macron, ma è tonda. In un paese in cui il 60% delle persone era riluttante a farsi vaccinare a gennaio, oggi è stato vaccinato l’81%, davanti a Regno Unito, Israele e Spagna. In un Paese in cui il sospetto anti-vaccinazione era alto tra gli operatori sanitari, oggi il 90% di questi lavoratori è stato vaccinato e, secondo il ministro della Salute Olivier Varan, solo circa 3.000 sono stati temporaneamente sospesi dai lavori retribuiti. Il settore impiega 2,7 milioni di persone.

Ultimo ma non meno importante, persone come Maria, Nora o Rashid sono state in varie manifestazioni sabato a Parigi, già minoranze, contro il certificato sanitario. Uno di loro era Cedric Barron, uno psicologo di 39 anni che ha smesso di andare a lavorare mercoledì in piazza Trocadero. Non è stato vaccinato o non ha intenzione di vaccinarsi. “Se fossi vaccinato”, dice, “avrei trovato un lavoro”.