Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Dalla carta alla pratica, la grande sfida di NOM-035 nel benessere del lavoro

L’epidemia è diventata indirettamente la più grande campagna di cura Salute psicologica Dalla forza lavoro e dall’impatto del superlavoro, lunghe ore di lavoro, guida passiva e scarso equilibrio con la vita personale. in tale contesto, NOM-035 sui fattori di rischio psicosociale Il posto di lavoro sta diventando più rilevante, ma deve ancora affrontare sfide che si traducono in reali cambiamenti aziendali, concordano gli specialisti.

NOM-035 è un regolamento protettivo per Disturbi come stress, ansia, insonnia o depressione a causa delle condizioni di lavoro. Lo standard mira alle aziende a mitigare questi rischi per la salute mentale attraverso la diagnosi e l’implementazione di politiche correttive.

Omar Stephan, Direttore della Previdenza Sociale presso il Ministero del Lavoro (STPS), ha ritenuto che dopo due anni di validità, la norma fosse ben compresa in termini di finalità e portata. In questo senso, il virus COVID-19 ha permesso di generare una maggiore empatia tra datori di lavoro e collaboratori e di evidenziare i rischi che possono esistere sul posto di lavoro.

Tuttavia, il funzionario ha riconosciuto che ci sono ancora aree di opportunità Implementazione di NOM-035 Legato alla corretta interpretazione dei rischi e del loro impatto sulla salute delle persone.

“Nella misura in cui una persona comprende bene un concetto rischi sul lavoroE il suo impatto sulla salute e su come funziona l’assicurazione contro i rischi aziendali, è molto più facile comprendere l’ambito dello Standard 035, che è uno standard preventivo. “Il legame tra rischio, lavoro e danno e questo circuito causale è qualcosa che non è stato molto chiaro tra i datori di lavoro”, ha detto in un’intervista.

NOM-035 è entrato in vigore in due fasi: la prima, in ottobre 2019Era associato all’attuazione di misure preventive; secondo, in ottobre 2020, al compito delle imprese di individuare condizioni sfavorevoli e attuare un piano d’azione. Ho pensato a giudizi variabili a seconda delle dimensioni dell’azienda.

READ  Quanto esercizio devi fare per recuperare una giornata di seduta?

Jorge Merida, Creative Partner di Wellbeing Consulting Network, ha ritenuto lo standard parzialmente soddisfatto. Sebbene le aziende abbiano compiuto progressi nell’identificazione dei fattori di rischio psicosociale, Le politiche e le azioni correttive sono una questione in sospeso.

“La maggior parte delle aziende identificate e misurate” Fattori di rischio psicosociale, ma è praticamente qui che sono stati compiuti progressi. Ciò è dovuto a diversi motivi, il primo dei quali è che non c’è preparazione per l’implementazione dello standard a causa della mancanza di sistemi di gestione del rischio.

Martha Hernandez, direttore della consulenza sul capitale umano di AON Messico, è d’accordo, l’ambito è compreso, ma le aziende non stanno procedendo allo stesso livello di conformità, con alcune stazioni di servizio addirittura in ritardo a causa di epidemico.

“Non dobbiamo perdere di vista il fatto che, come tutte le regole, c’è un processo di maturazione che implica la comprensione interna di questa regola, della commissione e della politica in cui le aziende continuano a lavorare con i loro collaboratori per diffondere la politica Fattori di rischio psicosociale‘ ha spiegato il consigliere.

Tuttavia, Jorge Merida ha sottolineato che avere una diagnosi senza una linea d’azione equivale a conoscere la malattia, ma non avere un trattamento o un sistema sanitario per affrontarla.

Ruolo nella pandemia

Il La crisi sanitaria e i suoi effetti sul mercato del lavoro Aumentano i rischi psicologici e sociali a cui una persona può essere esposta. Paradossalmente, la norma progettata per prevenire condizioni che possono influenzare la salute mentale dei dipendenti non è all’altezza del contesto attuale di fronte a grandi interruzioni come il telelavoro, ha affermato Hosana Rodriguez, presidente della Federazione nazionale della salute sul lavoro (FINASTAC).

READ  Ecco come iniziano oggi le lezioni all'Università di Granada

“La stragrande maggioranza delle aziende potrebbe già avere una compliance significativa in termini di risultati e alcune hanno anche già degli interventi, ma non si sono concentrati bene. è caduto troppo corto“, ha espresso.

Anche se Osana Rodriguez lo ha considerato NOM-035 Ha contribuito a mitigare gli effetti della pandemia sulla salute mentale dei lavoratori e sarà uno strumento per muoversi verso una nuova cultura del lavoro che pensi al benessere integrato delle persone.

“Ora non parliamo più solo di rischi psicologici e sociali, parliamo anche di loro Salute psicologica e programmi di salute mentale e benessere dei lavoratori. Abbiamo già cambiato il linguaggio e l’approccio al benessere del lavoratore, poiché non solo è stato individuato ciò che lo riguarda, ma c’è anche una proposta per intervenire”, ha osservato.

Omar Estefan ha convenuto che lo standard non è stato progettato per un contesto come la crisi sanitaria, ma è servito come quadro di riferimento per i datori di lavoro. Inoltre, la pandemia ha reso più facile per i datori di lavoro comprendere i rischi psicologici e sociali.

Tuttavia, il direttore dell’assistenza sociale di STPS ha escluso che l’agenzia piani assegni privati Per NOM 035 al momento, sebbene sia uno standard contemplato nei controlli di salute e sicurezza sul lavoro.

“L’ispezione non è un fine in sé e l’ispezione è un mezzo per raggiungere cCondizioni di lavoro dignitose al lavoro. Nella misura in cui comprendiamo questo modo, vediamo che non stiamo cercando di aprire la porta, ovviamente è in fase di audit e continueremo a farlo nell’ambito delle ispezioni sulla salute e sicurezza sul lavoro, non abbiamo considerato di effettuare le ispezioni per lo Standard 035 in questo momento”, ha sottolineato.

READ  Sono passati 150 anni da quando le vite sono state salvate