Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Donna dominicana tra gli immigrati detenuti nel sud del Messico

Martedì, la fondazione ha riferito che 103 migranti centroamericani, tra cui 38 minori, sono stati arrestati dagli agenti dell’Istituto nazionale per le migrazioni del Messico a un posto di blocco nello stato sud-orientale di Tabasco.

L’Istituto nazionale iracheno, affiliato al ministero dell’Interno, ha indicato in un comunicato che lunedì notte sono stati identificati 103 stranieri in stato di residenza irregolare ad un posto di blocco nello stato di Tabasco, che viaggiavano su un autobus diretto allo stato di Tabasco. Puebla.

Ha spiegato che al momento della revisione erano stati identificati 34 adulti, di cui 19 dell’Honduras, quattro di El Salvador, sette del Nicaragua, tre del Guatemala e uno della Repubblica Dominicana.

Nel frattempo, nel nucleo familiare, sono state identificate 69 persone, 50 honduregni (22 adulti, di cui 17 donne e cinque uomini) e 28 minori.

Oltre ad altre 15 persone di El Salvador, di cui otto adulti: cinque donne e tre uomini, più sette minori, altri due nicaraguensi, una donna adulta e un minore, e due minori guatemaltechi.

L’Istituto nazionale per le migrazioni ha indicato che l’autista, il suo assistente e il camion su cui viaggiavano sono stati messi a disposizione della Procura.

In ottemperanza alla legge sull’immigrazione, gli adulti sono stati trasferiti presso la sede dell’Istituto Nazionale delle Migrazioni per avviare la relativa procedura amministrativa, mentre le persone nel nucleo familiare rimarranno sotto la protezione del sistema di Sviluppo Integrato della Famiglia (DIF) a Tabasco .

Il Messico meridionale negli ultimi mesi registra un flusso di immigrazione storico con 147.000 persone prive di documenti scoperte in Messico da gennaio ad agosto, il triplo di quello che era nel 2020, e 212.000 persone prive di documenti registrate detenute nel solo luglio dal CBP (in inglese) dagli Stati Uniti.

READ  Germania: il leader del partito di Angela Merkel ha accettato di dimettersi da cancelliere per facilitare la formazione di un governo di coalizione

Nei primi giorni di settembre, da Tapachula, comune nello stato sud-orientale del Chiapas, al confine con il Guatemala, sono partite quattro carovane di migranti, molti dei quali haitiani, ma tutti sono stati smantellati in brutali operazioni dalle forze di sicurezza.

Dall’ottobre 2018, nonostante i controlli più severi al confine meridionale del Messico, migliaia di migranti dall’America centrale, oltre che da Cuba, Haiti e vari paesi africani e asiatici, sono entrati in territorio messicano con l’obiettivo di raggiungere gli Stati Uniti. .

I contrabbandieri cercano rotte per gli stranieri e talvolta parcheggiano le loro auto in Chiapas, Tabasco, Veracruz, Oaxaca, Puebla e nello Stato del Messico, come tappa intermedia nel loro viaggio verso gli Stati Uniti.