Settembre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Erano figure importanti dopo l’11 settembre, dove sono oggi?

Rudolph Giuliani era un eroe prima di essere uno scherzo. Lisa Beamer era una moglie e una madre prima di diventare un’icona per l’11 settembre, e mentre la sua fama è svanita, la sua vedovanza non può.

Nel periodo successivo alla caduta degli aerei, gli Stati Uniti e il mondo hanno incontrato una miriade di personalità. Alcuni li conoscevamo bene, ma li vedevamo in modi diversi. Altri sono stati gettati nella coscienza pubblica a causa di circostanze tragiche.

Alcuni, come Osama bin Laden e il mullah Muhammad Omar, sono morti. Ma altri sono andati avanti e hanno vissuto una vita da epilogo fino all’11 settembre 2001. Ecco alcuni dei nomi emersi in quel periodo turbolento – cosa erano all’epoca e cosa è successo loro da allora:

Rudolph Giuliani

All’epoca: sindaco di New York City, era un eroe in questo momento: comprensivo, risoluto, il fulcro del dolore della nazione e una presenza costante a Ground Zero. “Alla fine ci saranno più vittime di quante chiunque di noi possa sopportare”, ha detto l’11 settembre. Oprah Winfrey lo ha chiamato “il sindaco degli Stati Uniti”; La rivista Time lo ha dichiarato “Persona dell’anno”.

Da: Dopo aver proposto (e successivamente licenziato) una proroga del suo mandato, che stava per scadere, a causa dell’emergenza 11 settembre, Giuliani è entrato nella vita privata, ma non così privata. Ha lanciato una redditizia società di sicurezza e ha corso senza successo per la nomina presidenziale repubblicana nel 2008, che lo ha abortito. Le sue avventure come sostenitore e agente del presidente Donald Trump sono ben documentate e hanno portato alla sospensione della licenza del suo avvocato nel suo stato.

Bernard Kerik

Poi: il commissario della polizia di New York. Calvo e grassoccio, Giuliani non se n’è mai andato nei giorni successivi all’11 settembre e ha seguito il sindaco dopo aver lasciato l’incarico ed essere entrato nella società di sicurezza di Giuliani.

Da: il presidente George W. Bush ha nominato Kerrick Segretario ad interim degli Interni in Iraq nel 2003 durante la guerra in Iraq e lo ha nominato a capo del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti nel 2004. Non era più considerato per l’ultima posizione quando è stato rivelato che aveva assunto un lavoratore non registrato come tata e governante; Ciò è stato seguito da una serie di problemi legali, comprese condanne per violazioni dell’etica e frode fiscale. È stato graziato dal presidente Donald Trump nel 2020.

George W. Bush

POI: Il 43esimo presidente degli Stati Uniti, Bush, viene informato degli attacchi dell’11 settembre mentre legge “The Pet Goat” agli alunni di seconda elementare a Sarasota, in Florida. Quella notte parlò alla nazione e tre giorni dopo visitò la Zona Zero, dove prese il megafono per annunciare: “Posso sentirti! Il resto del mondo ti sta ascoltando! E le persone, e le persone che hanno demolito questi edifici, presto avremo notizie da tutti noi.” Il loro sostegno nei sondaggi ha raggiunto l’85%.

READ  Condannato a 24 anni di carcere l'assassino dell'avvocato Melvin Bonilla

Da allora: la guerra al terrore ha generato le guerre in Iraq e Afghanistan, e Bush ha chiesto ai talebani di “consegnare i terroristi, o… condividere il loro destino”. Si era da tempo ritirato alla pittura ad olio in Texas quando bin Laden fu ucciso dalle forze speciali dell’esercito americano (Navy SEALs) e quando il presidente Joe Biden ritirò le forze statunitensi dall’Afghanistan. Ad agosto, ha detto di aver visto gli eventi con “profonda tristezza”.

Richard Cheney

Poi: mentre i servizi segreti stavano giocando a “The President’s Hide” con Bush l’11 settembre – è stato trasferito in basi militari in Louisiana e Nebraska, temendo attacchi terroristici – il suo vice si è stabilito in un “luogo sicuro e segreto”, nascosto all’interno. La Casa Bianca, dove ha aiutato a dirigere le azioni del governo. Cheney è diventato un convinto sostenitore di una risposta sfrenata agli attacchi usando “qualsiasi mezzo a nostra disposizione”. Ha fatto pressioni per la guerra del 2003 in Iraq. Ha detto che la tecnica di interrogatorio nota come “waterboarding” (tortura con acqua che provoca la sensazione di annegamento) è un modo valido per ottenere informazioni dai terroristi, non la tortura, come i suoi critici hanno a lungo insistito.

Da allora: dopo cinque attacchi di cuore e un trapianto di cuore nel 2012, Cheney ha vissuto per vedere sua figlia Liz vincere il suo vecchio seggio al Congresso nel Wyoming e diventare una persona non grata per le sue critiche a Donald Trump.

Colin Powell

Poi: Powell, l’ex presidente del Joint Chiefs of Staff, è stato confermato all’unanimità come Segretario di Stato nel 2001. Ha quindi presentato un caso convincente alle Nazioni Unite per un’azione militare contro l’Iraq, sostenendo che Saddam Hussein stava fabbricando armi di distruzione di massa . La guerra è stata combattuta e Saddam è stato rovesciato, ucciso e l’Iraq è stato destabilizzato. Non sono state trovate armi del genere.

Da allora: Powell ha sempre difeso il suo sostegno alla guerra in Iraq. Ma il repubblicano di lunga data non credeva in Trump, ha approvato Hillary Clinton nel 2016 e si è espresso a sostegno di Biden alla convention democratica del 2020. Ha lasciato il Partito Repubblicano dopo l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio.

riso condoleezza

Poi: il consigliere per la sicurezza nazionale di Bush. Nell’estate del 2001, ha incontrato il direttore della CIA George Tenet, su sua richiesta, per discutere la minaccia di attacchi di al-Qaeda contro obiettivi americani. La CIA ha dichiarato che “ci saranno grandi attacchi terroristici contro gli Stati Uniti nelle prossime settimane o mesi”. Rice dirà in seguito che le informazioni erano obsolete.

READ  Sequestrano droga in una cisterna e hanno bisogno del sindaco di Roatán

Da allora: è succeduto a Rice Powell come Segretario di Stato e poi è tornato alla Stanford University come consulente e poi come membro di facoltà. Nel 2012 è anche diventata una delle prime due donne autorizzate ad entrare nell’Augusta National Golf Club.

John Ashcroft

Successivo: Procuratore Generale durante il primo mandato di Bush. All’indomani dell’11 settembre, è stato il principale sostenitore dell’amministrazione del Patriot Act, che ha conferito al governo ampi poteri per indagare e perseguire i sospetti di terrorismo. Ma nel 2004, mentre si trovava nell’unità di terapia intensiva con pancreatite e calcoli biliari, ha respinto le richieste dell’amministrazione di ribaltare una sentenza del Dipartimento di Giustizia che dichiarava illegale il programma di intelligence nazionale di Bush.

Da allora: dopo aver lasciato l’incarico nel 2005, Ashcroft è diventato un lobbista e consulente. La sua apparizione come cantante gospel (e cantautore—la sua “Let the Eagle Soar”, “Let the Eagle Soar” eseguita alla seconda inaugurazione di Bush—è diminuita).

giovanni tu

Poi: in qualità di assistente procuratore generale presso l’Ufficio dei consulenti legali del Dipartimento di Giustizia, Yu ha fornito gran parte delle basi legali per la guerra al terrorismo. Ha detto che i “combattenti nemici” catturati in Afghanistan non avevano bisogno dello status di prigioniero di guerra; che il Presidente può autorizzare intercettazioni non autorizzate di cittadini degli Stati Uniti sul suolo americano; L’uso di “tecniche di interrogatorio avanzate” come la tortura dell’acqua era una prerogativa del presidente in tempo di guerra.

Da: Yu è professore all’Università della California, Berkeley School of Law. Rimane un convinto sostenitore dei poteri presidenziali. Nel 2020, il suo libro “The Public Defender: Donald Trump’s Battle for Presidential Power” sosteneva che la visione di Trump della presidenza si allineava con quella di Washington, Jefferson, Madison e Hamilton.

Khalid Sceicco Mohammed

Avanti: Un importante sostenitore di al-Qaeda, descritto dalla Commissione sull’11 settembre come “il principale artefice degli attacchi dell’11 settembre”. È stato arrestato nel 2003 dalla CIA e dalla polizia segreta pachistana, e successivamente trasferito nelle carceri della CIA in Polonia, Afghanistan e infine Guantanamo. Sotto costrizione – descritta da alcuni come tortura – ha confessato il suo coinvolgimento in quasi tutte le principali operazioni di al-Qaeda, tra cui l’attentato al World Trade Center del 1993, l’omicidio del giornalista Daniel Pearl, gli attacchi del 2001 e altro ancora.

READ  Persecuzione in Nicaragua: tre leader dell'opposizione vengono processati dal regime di Ortega

Da allora: la data della tua beta è stata rimandata più e più volte. Rimase a Guantanamo a tempo indeterminato.

Hamid Karzai

Quindi: il leader ad interim dell’Afghanistan e presidente eletto dopo l’11 settembre è riuscito a trovare un delicato equilibrio e rimanere amico degli Stati Uniti e dell’Occidente, unendo le molte fazioni del suo paese, almeno per un po’. Ha ripetutamente descritto i talebani come “fratelli” e gli ultimi anni della sua presidenza sono stati caratterizzati da attriti con gli Stati Uniti.

Da allora: Karzai è sopravvissuto a numerosi tentativi di omicidio, ma quando il suo secondo mandato è terminato nel 2014, il passaggio del potere al suo successore, Ashraf Ghani, è stato pacifico. Ghani ha guidato il Paese per quasi sette anni, finché non è fuggito prima del trionfante ritorno dei talebani.

Howard Lutnick

ALL’EPOCA: L’agente di cambio Cantor Fitzgerald era negli uffici dell’azienda sopra il World Trade Center, ma ha portato suo figlio Kyle al primo giorno di scuola materna. Morirono un totale di 658 dipendenti dell’azienda, due terzi della forza lavoro di New York, incluso il fratello di Lutnick, Gary. Nel giro di tre giorni, Lutnick ha creato il Fondo di soccorso Cantor-Fitzgerald per le vittime della sua azienda.

Da allora: il fondo ha erogato più di 250 milioni di dollari, compresi i soldi per altre vittime del terrorismo e dei disastri. Vent’anni dopo, Lutnick rimane presidente dell’azienda.

Lisa Pamir

Poi: dopo l’11 settembre, Lisa Beamer è diventata il volto delle persone in lutto quel giorno e un ricordo dell’eroismo di quel giorno. Si ritiene che suo marito, Todd, un ex giocatore di baseball e basket del college, abbia guidato altri passeggeri in un attacco ai dirottatori del volo 93 della United Airlines che ha fatto cadere l’aereo prima che si schiantasse a Washington. Ha consigliato “Andiamo!” (“Vieni!”) è diventato un grido di battaglia. La sua vedova ha fatto 200 apparizioni pubbliche nei sei mesi successivi agli attacchi.

Da: Lisa Beamer è co-autrice di “Let’s Roll! Ordinary People, Extraordinary Courage” e ha creato una fondazione in memoria di suo marito. Le donazioni diminuirono e Beamer scomparve dalla vita pubblica. La coppia ha avuto tre figli, i quali hanno frequentato la Wheaton University, dove i loro genitori si sono conosciuti. Sono tutti atleti, come il padre: Dave, che aveva tre anni quando suo padre morì, era un quarterback di calcio; Drew, che aveva un anno, giocava a calcio, così come Morgan, nato quattro mesi dopo gli attacchi. Morgan era il secondo nome di suo padre.