Espulsa per 10 anni una spia siriana con carta d’identità venezuelana – Governo – Politica

La Colombia ha espulso dal Paese il cittadino siriano Samer Al-Hassaniya con carta d’identità venezuelana, che entrerà in vigore nelle prossime ore per ingresso irregolare nel Paese e praticante attività. “Ciò influenzerà l’ordine, la calma e la sicurezza del cittadino”.

(può leggere: Gustavo Bolivar spiega i suoi conti con Diane)

Migración Colombia ha affermato che l’azione è stata intrapresa su base discrezionale, dopo che lo straniero è stato collocato in una residenza irregolare nel comune di Madrid, in un’azione svolta dal gruppo GAOPJ di Migración Colombia, con la partecipazione di membri della compagnia aerea colombiana . Punto di forza: Colombia e un gruppo di funzionari dell’immigrazione colombiani legati alla regione andina.

Secondo le informazioni raccolte nell’ambito degli sforzi di verifica, “Al-Hassania entrare irregolarmente nel territorio nazionale Dal Venezuela, dove risiede apparentemente come straniero, e in Colombia svolgerà attività che influenzeranno l’ordine, la tranquillità e la sicurezza del cittadino”.

Potrebbe essere entrato irregolarmente nel territorio nazionale dal Venezuela, dove apparentemente risiede come straniero.

Il cittadino siriano è stato espulso per 10 anni, durante i quali non avrebbe potuto entrare in territorio colombiano.

(Cosa c’è di più: Afgani in arrivo in Colombia “perseguitati dal regime talebano”)

Colombiani detenuti in altri paesi

Nel frattempo, EL TIEMPO ha appreso che l’Ecuador è il paese in cui ci sono più colombiani attualmente detenuti all’estero, principalmente per i reati di traffico di droga, rapina, rapina, tentato omicidio o omicidio.

Nella lista ci sono colombiani detenuti negli Stati Uniti, Spagna, Venezuela, Panama e Cile.

Per quanto riguarda il loro status giuridico, il 50 per cento è stato dichiarato colpevole. il 37 per cento è sotto inchiesta; Il 10 percento è sotto processo; Il 2% non segnala o è riservato e il 2% è in attesa di espulsione.

READ  Crisi nel governo argentino: i funzionari che hanno risposto a Cristina Kirchner hanno presentato le dimissioni al presidente Alberto Fernandez

(consigliamo: “Sarò qui finché il capo Doki non lo chiederà.” Minteek)

Politica
Seguici Tweet incorporato

Franca Insigne
"Organizzatore. Appassionato di cultura pop. Appassionato studioso di zombie. Esperto di viaggi. Guru del web freelance."

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles