Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Espulsa per 10 anni una spia siriana con carta d’identità venezuelana – Governo – Politica

La Colombia ha espulso dal Paese il cittadino siriano Samer Al-Hassaniya con carta d’identità venezuelana, che entrerà in vigore nelle prossime ore per ingresso irregolare nel Paese e praticante attività. “Ciò influenzerà l’ordine, la calma e la sicurezza del cittadino”.

(può leggere: Gustavo Bolivar spiega i suoi conti con Diane)

Migración Colombia ha affermato che l’azione è stata intrapresa su base discrezionale, dopo che lo straniero è stato collocato in una residenza irregolare nel comune di Madrid, in un’azione svolta dal gruppo GAOPJ di Migración Colombia, con la partecipazione di membri della compagnia aerea colombiana . Punto di forza: Colombia e un gruppo di funzionari dell’immigrazione colombiani legati alla regione andina.

Secondo le informazioni raccolte nell’ambito degli sforzi di verifica, “Al-Hassania entrare irregolarmente nel territorio nazionale Dal Venezuela, dove risiede apparentemente come straniero, e in Colombia svolgerà attività che influenzeranno l’ordine, la tranquillità e la sicurezza del cittadino”.

Potrebbe essere entrato irregolarmente nel territorio nazionale dal Venezuela, dove apparentemente risiede come straniero.

Il cittadino siriano è stato espulso per 10 anni, durante i quali non avrebbe potuto entrare in territorio colombiano.

(Cosa c’è di più: Afgani in arrivo in Colombia “perseguitati dal regime talebano”)

Colombiani detenuti in altri paesi

Nel frattempo, EL TIEMPO ha appreso che l’Ecuador è il paese in cui ci sono più colombiani attualmente detenuti all’estero, principalmente per i reati di traffico di droga, rapina, rapina, tentato omicidio o omicidio.

Nella lista ci sono colombiani detenuti negli Stati Uniti, Spagna, Venezuela, Panama e Cile.

Per quanto riguarda il loro status giuridico, il 50 per cento è stato dichiarato colpevole. il 37 per cento è sotto inchiesta; Il 10 percento è sotto processo; Il 2% non segnala o è riservato e il 2% è in attesa di espulsione.

READ  Gli Stati Uniti hanno condannato la sentenza che ha permesso a Bukele di essere immediatamente rieletto in El Salvador

(consigliamo: “Sarò qui finché il capo Doki non lo chiederà.” Minteek)

Politica
Seguici Tweet incorporato