Menu
In Aspromonte
Wwf Calabria. L’eterno problema cinghiale

Wwf Calabria. L’eterno problem…

Nonostante lo abbia fa...

Nota stampa di Maria Carmela Lanzetta in risposta al Presidente del Parco Aspromonte Bombino

Nota stampa di Maria Carmela L…

«La mia candidatura al...

Reggio. Sabato 17 febbraio il Segretario Generale del Partito Comunista, Marco Rizzo, presenta i candidati del territorio

Reggio. Sabato 17 febbraio il …

Riceviamo e pubblichia...

Nota stampa di Francesco Toscano, candidato capolista della Lista del Popolo nel collegio plurinominale Calabria 2

Nota stampa di Francesco Tosca…

Per liberare il sud da...

WWF al fianco dei Carabinieri forestali in Calabria

WWF al fianco dei Carabinieri …

"Apprendiamo in queste...

La nostra storia. Il tempo dei mascherati

La nostra storia. Il tempo dei…

A dispetto delle duris...

Brancaleone. Straordinario successo della giornata nazionale del dialetto organizzata dalla Pro - Loco

Brancaleone. Straordinario suc…

Straordinario successo...

Reggio. Sabato 13 gennaio si terrà la presentazione del Programma Escursionistico 2018 di “Gente in Aspromonte”

Reggio. Sabato 13 gennaio si t…

"Siamo pronti ai senti...

Bioshopper, WWF: necessario porre un argine all'invasione della plastica

Bioshopper, WWF: necessario po…

NEI MARI DEL PIANETA “...

Presepe Vivente: a San Roberto (RC) rivive la Betlemme di duemila anni fa

Presepe Vivente: a San Roberto…

Il Presepe Vivente com...

Prev Next

Kalabria Experience: escursione ad Africo antica col poeta Gianni Favasuli (video)

  •   Carmine Verduci
Kalabria Experience: escursione ad Africo antica col poeta Gianni Favasuli (video)

Si è concluso con successo, domenica 18 giugno, il trekking proposto dall’Associazione Kalabria Experience alle rovine di Africo antica, cuore dell’Aspromonte più antico ed estremo, dove ancora persistono paesaggi incontaminati e di struggente bellezza.

Il gruppo, seguendo la strada mulattiera che da Villaggio Carrà porta alla chiesetta di San Leo, tagliando dal crinale di Monte Guardia, ha raggiunto dapprima il vecchio cimitero dove sono stati letti dei passi estratti dal libro “Il senso dei luoghi” di Vito Teti, ormai adottato dal gruppo in occasioni di numerosi trekking ed escursioni naturalistiche sul territorio, dopo la visita al monumento dedicato a San Leo e la piccola chiesetta immersa in un panorama suggestivo caratterizzato dai monti; Iofri, Perre, Scapparone, Portella ficara, Lestì e le fiumare, Aposcipo, La Verde ed il Torrente Casalnuovo.

Giunti al borgo di Africo ancora immerso nel silenzio e dalla vegetazione, che ha divorato gran parte delle piccole case semi crollate, si è fatta sosta nella piazzetta dove sorge quel che resta della Chiesa di San Salvatore per la pausa pranzo che è stato condiviso da tutto il gruppo.

La presenza del Poeta a Cantastorie africese Gianni Favasuli che ha accompagnato il gruppo di oltre cinquanta partecipanti provenienti da varie parti della Provincia Metropolitana di Reggio Calabria ha letteralmente emozionato i presenti con l’interpretazione della poesia “Sugnu Africotu”, la lirica non è altro che uno spaccato della vita di un popolo costretto ad abbandonare il paese a seguito dell’allunvione del 1951 che segnò gravemente questo luogo e questa gente portata all’esodo verso i centri costieri.

Il ritorno passando dalla vecchia caserma, dalle Scuole elementari e dal Comune, erette durante il regime fascista è stato ripagato da una serie di scenari caratterizzati dalla tipica vegetazione Aspromontana, con le sue felci, i suoi castagni in fiore e vari esemplari di cisto che hanno colorato intensi momenti di allegria e sano trekking culturale.

Giunti di nuovo al Villaggio Carrà (un piccolo agglomerato di case popolari costruite a seguito dell’alluvione su volere degli abitanti che non vollero abbandonare Africo) presso quale sorge una piccola area attrezzata istituita dall’Ente  Parco Nazionale d’Aspromonte, Gianni Favasuli  ha cantato alcuni brani del suo repertorio in un tripudio di applausi e lacrime di commozione per l’intensità emotiva che solo personalità come Gianni sanno trasmettere al pubblico.

Un mix di emozioni che hanno sancito ancora una volta una sorta di patto con l’Aspromonte e gli eventi che Kalabria Experience propone nell’ambito delle sue  attività culturali ormai entrati nel circuito turistico Nazionale e capaci di trasportare molti calabresi anche da fuori provincia, che condividono con questo gruppo un importante mission: Valorizzare e riscoprire antichi sentieri per raccontarli poi al mondo, servendosi dei social-network come mezzo di divulgazione e promozione.

Presenti l’Asssociazione Il Giardino di Morgana presieduta dal giovane Domenico Guarna, Porpatima Trekking di Pasquale Callea (guida ufficiale Del Parco  Nazionale  D’Aspromonte - AIGAE), ed una rappresentanza dell’Archeo-club di Locri.

L’organizzazione ringrazia tutti coloro che hanno contribuito personalmente alla buona riuscita della giornata e tutti coloro che si sono prodigati a renderla indimenticabile.

L’appuntamento adesso sarà il prossimo 2 luglio per conoscere e condividere insieme un'altra straordinaria giornata sul percorso naturalistico della “Scialata” a San Giovanni di Gerace, altra meta ambita dal turismo naturalistico calabrese, per un percorso immerso nella natura e tra ruscelli di acqua fresca e pura.


  • fb iconLog in with Facebook