Menu
In Aspromonte
Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Estate d’Aspromonte. Ricco e sostenibile il programma del Parco, tra natura, cultura e attività ludiche

Estate d’Aspromonte. Ricco e s…

Dal Parkbus, che dal M...

Prev Next

Moleti in festa per piccini e grandi

  • Published in Eventi

Si è svolta domenica 4 u.s. la seconda edizione della Festa della Montagna organizzata dal comitato Pro-Moleti e dall’Osservatorio Ambientale “Diritto per la Vita”. Decine di famiglie che contavano centinaia di persone si sono ritrovate all’area pic-nic alle 10.30 con una temperatura che sfiorava i 18-19 gradi. Ma l’aria era festosa e appena giunti i suonatori da Bovalino con tre organetti e due tamburelli hanno cominciato a suonare radunando tutti a cerchio. Alle 10.45 si è partiti per una passeggiata nel territorio di piano Moleti ed in circa due ore di cammino, adatto a persone di ogni età, sono stati toccati i punti significativi a cominciare dalla sorgente Acqua Calda, al laghetto di località Notara, ai faggi monumentali percorrendo anche un breve tratto del sentiero del Brigante. Durante il cammino sono state raccolte una decina di sacchi con i rifiuti abbandonati ed avviati allo smaltimento nei bidoni appositamente posizionati. Intanto il punto ristoro emanava odori inconfondibili di salsicce arrosto carne di capra al sugo rosso. I convenuti ordinatamente hanno atteso il proprio turno dopo avere acquistato il ticket per il pranzo. Per l’occasione il gestore dell’area ha predisposto i tavoli e le sedie per tutti. Si è condiviso il pasto in allegria e convivialità sempre accompagnati dal suono al ritmo della tarantella, e molti non si sono sottratti al giro di tarantella.  Arturo Rocca, presidente dell’Osservatorio, ha effettuato una proiezione di foto e filmati sul territorio del Parco Nazionale. Nel pomeriggio a cura della Pro Loco di Ciminà si sono svolti i giochi per i bambini: tiro alla fune, corsa coi sacchi e la rottura delle pignatte. L’atmosfera ha coinvolto tutti grandi e piccini e la festa è culminata con l’estrazione del vincitore delle sei forme di caciocavallo. L’amministrazione comunale è stata rappresentata da alcuni consiglieri e dal sindaco Giusy Caruso. Il presidente del comitato Pro Moleti, prof. Pipicelli ed il presidente dell’Osservatorio, Rocca si sono espressi in termini entusiastici per la riuscita della manifestazione ed hanno dato appuntamento per la prossima edizione.

Arturo Rocca

Leggi tutto

La storia dell'uomo in quadri tridimensionali realizzati dagli studenti – Creatività e apprendimento nel progetto didattico della scuola primaria di Ciminà (RC)

"Ricostruiamo la storia con le immagini", questo il titolo del progetto extracurriculare che ha concluso in bellezza l'anno scolastico della Scuola primaria di Ciminà, facente parte dell'Istituto comprensivo di Ardore Marina, guidato dalla dirigente Anna Delfino.

Attraverso attività laboratoriali, sedici studenti della pluriclasse, dalla prima alla quinta elementare, sotto la guida attenta delle insegnanti Maria Luisa Longo e Francesca Varacalli, hanno ricostruito la storia dell'umanità a partire dalla creazione dell'universo fino alle civiltà dei fiumi e del Mediterraneo per mezzo di quadri tridimensionali: il sistema solare, il pianeta terra, le ere geologiche, l'evoluzione dell'uomo, le antiche civiltà. Polistirolo, gesso, paste modellabili, colori all'acqua, materiali da riciclo come cartone e legno sono stati impiegati per la riproduzione di luoghi e ambienti in miniatura, con cura dei dettagli ed evidente passione per lo studio del passato.   

Il progetto, della durata di quaranta ore, iniziato ad aprile si è concluso con l'allestimento e di una vera e propria mostra inaugurata, ai primi di giugno, alla presenza della dirigente Delfino e del Sindaco di Ciminà Giusy Caruso, oltre ai genitori dei giovanissimi studenti coinvolti.

Un progetto di grande valore didattico che ha permesso agli alunni di avvicinarsi alla storia in maniera creativa. La mostra ha riscosso notevole successo per l'impegno degli studenti e la complessità del lavoro svolto e rimarrà aperta anche durante l'estate nei locali della scuola primaria. Per visitarla basta rivolgersi al Sindaco.

Leggi tutto

L’associazione Gente in Aspromonte alla ricerca della natura nascosta

Continua lo svolgimento del programma di Gente in Aspromonte con la bellissima escursione che si è svolta domenica 31 marzo nel bosco di Rumbica, nel territorio dei comuni di Molochio e Ciminà. Una bella giornata primaverile ha fatto da cornice ad uno stupendo percorso con pochi dislivelli che partendo dal luogo di culto di villaggio Moleti ha portato la numerosa comitiva dei partecipanti nel cuore di questo scorcio di stupendo Aspromonte dove si conservano essenze botaniche significative come l’acero montano, l’abete bianco, castagni secolari, agrifogli maestosi e faggi monumentali oltre ad erbe, arbusti, felci e alberi di frutti ormai in via di estinzione.

Unico aspetto dolente per gli attenti osservatori è stato quello di costatare il completo abbandono di un bosco che, proprio per le sue peculiarità e la sua importanza, dovrebbe essere manutenuto, studiato, tutelato da eventuali devastazioni di malattie o parassiti.

L’escursione è stata una vera e propria immersione nella biodiversità del parco d’Aspromonte che in questo angolo è caratterizzato anche dalla presenza di numerose sorgenti e fontane da cui sgorgano acque con eccellenti proprietà organolettiche e chimico-fisiche.

La fontana dell’acqua calda, che calda non è, la fontana du medicu, du russu, da pruppetta sono alcuni esempi di sorgenti alle quali gli escursionisti hanno potuto attingere per dissetarsi nel corso della bella e lunga camminata. Lungo il percorso e prima di imboccare il sentiero a chiusura dell’anello è stata raggiunta la Timpa di Galessia da cui si affacciano un meraviglioso paesaggio sulla piana di Gioia Tauro e in lontananza, a valle della montagna, i tre salti della maestosa cascata Mundo nel territorio di Molochio. Insomma una stupenda giornata a contatto con la natura nascosta dell’Aspromonte che gli appassionati di Gente in Aspromonte continueranno a scrutare nel corso dello svolgimento del corposo e interessante programma escursionistico per l’anno 2019. 

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed

  • fb iconLog in with Facebook