Menu
Corriere Locride
Siderno. Sabato 20 luglio da “MAG La ladra di libri” si terrà la presentazione del libro “Appunti di meccanica celeste”, di Domenico Dara

Siderno. Sabato 20 luglio da “…

Sarà un sabato sera sp...

Windsurf - Il reggino Francesco Scagliola scatenato: dopo il mondiale vince l'europeo

Windsurf - Il reggino Francesc…

Bis d'oro. Il reggino ...

Nota stampa dei Sindacati sul nuovo ospedale di Vibo Valentia: «dopo vent’anni di attesa ancora tutto fermo»

Nota stampa dei Sindacati sul …

La sanità in Calabria ...

Reggo. Hospice “Via delle Stelle”: Il Planetario Pythagoras si unisce all’appello delle istituzioni affinché la struttura sia preservata

Reggo. Hospice “Via delle Stel…

La sezione Calabria de...

Nuova S.S.106: senza le infrastrutture la Calabria muore

Nuova S.S.106: senza le infras…

di Fabio Pugliese - (P...

Dalla Varia di Palmi un messaggio di speranza e di amore per la vita nella Giornata della Solidarietà in programma il 23 agosto

Dalla Varia di Palmi un messag…

Un gruppo di quaranta ...

I Deep Radics sbarcano al Sunset bar di Scilla

I Deep Radics sbarcano al Suns…

Tornano le note al tra...

Locri. Nota stampa del circolo di Fratelli d'Italia sulla situazione dell'Ospedale

Locri. Nota stampa del circolo…

Come circolo di Fratel...

Il Sindaco di Roccella Jonica ricorda l'ex parlamentare Domenico Bova

Il Sindaco di Roccella Jonica …

In ricordo dell’on. Do...

Cinquefrondi. "Se Si Insegnasse La Bellezza": il Comune regala agli anziani uno spazio sociale interessante realizzato con materiale riciclato

Cinquefrondi. "Se Si Inse…

Un altro passo importa...

Prev Next

EX SS 111, SP1 “Gioia Tauro-Locri”: Il Gruppo Consiliare della Città di Gerace "Uniti per Gerace" chiede che la strada torni sotto la gestione dell’Anas

GRUPPO CONSILIARE “UNITI PER GERACE”

Preg.mo Signor Sindaco di GERACE

Spett.le Consiglio Comunale di GERACE

Pregg.mi Sigg. Sindaci dei Comuni di Cittanova, Locri, Taurianova

Spett.li Commissioni Straordinarie dei Comuni di Canolo e di Gioia Tauro

Preg.mo Presidente Parco Nazionale Aspromonte

Oggetto: Richiesta ritorno Gestione Anas Ex Statale 111 “Gioia Tauro-Locri”

Pregg.mi Signori Sindaci, Pregg.me Commissioni Straordinarie, Preg.mo Presidente, come è sicuramente a Voi ben noto, il 17 dicembre scorso presso la sede dell'Istituto Salesiano di Soverato, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti , Danilo Toninelli, Anas, Agenzia del Demanio, Regione Calabria, Province di Cosenza, Catanzaro, Crotone, Città Metropolitana di Reggio Calabria e gli Enti Comunali territorialmente interessati hanno sottoscritto il verbale relativo alla ridistribuzione delle competenze di tratti di arterie stradali calabresi. L’accordo entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2019 e conclude l’iter di rientro avviato nell’agosto 2017 con l’intesa sancita dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni per la revisione delle reti di 11 Regioni, per circa 3.500 km di strade, e proseguito con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 febbraio 2018. Lo scopo principale è quello di garantire la continuità territoriale degli itinerari di valenza nazionale che attraversano le varie regioni, evitando la frammentazione delle competenze nella gestione delle strade e dei trasporti. Sono oltre 283 i km di strade calabresi che, in virtù del predetto accordo passeranno sotto la gestione dell’Anas. Purtroppo dallo stesso accordo è rimasta esclusa la ex Statale 111 (SP1, ora Città Metropolitana di Reggio Calabria) Gioia Tauro-Locri malgrado la sua enorme importanza considerato che collega lo Jonio al Tirreno e, quindi, anche all’Autostrada A2 del Mediterraneo con la statale 106. Quest’arteria, come è ben noto, da Gioia Tauro conduce a Locri passando per i comuni di Taurianova, Cittanova, Canolo, e Gerace, nonché nel territorio del Parco Aspromonte - centri questi - che si caratterizzano, ognuno per le proprie peculiarità, per importanza economico-commerciale, paesaggistica, ambientale, turisticoculturale, artistico-monumentale, climatica, etc. E’ altresi a tutti noto come da anni la predetta ex Statale 111 (SP1, ora Città Metropolitana di Reggio Calabria) versi in condizioni pietose e di estrema pericolosità per l’incolumità degli automobilisti, ed anche dei pedoni, che la percorrono. Solo nel tratto che và dal quadrivio dello Zomaro passando per Gerace - e arrivando a Locri si contano una decina di punti di criticità dovuti a frane, smottamenti, inadeguata manutenzione e quant’altro. In alcuni casi la situazione di stallo (nessuno intervento risolutivo) si trascina da oltre due anni: tratti di contrada “Barbara” (Gerace); Badea; Zomino/Passo Zita; “Puzzello” (Tra Gerace e Locri). In quest’ultima località si nota a vista d’occhio il periodico, continuo abbassamento del livello stradale tanto che molte delle barriere di muretti modulari collocate per incanalare il traffico sono calate di varie decine di centimetri. Le più recenti e gravissime frane di contrada “Gabella” (Locri) continuano a procurare apprensione tra gli automobilisti per il rischio quotidiano che corrono percorrendola. E non si può certo continuare a vita pensando di risolvere la fase emergenziale solo con l’ordinanza della Città metropolitana che vieta il transito ai mezzi di peso superiore alle 7 tonnellate e mezza o impone il senso unico alternato e la velocità massima di 20 Km orari nel punti di maggior pericolo. In altra data è stata denunciata anche l’assenza di una segnaletica regolamentare, soprattutto nelle ore notturne che imporrebbero impianti luminosi, ma senza risultato. Se a ciò si aggiungono le condizioni della segnaletica verticale ed orizzontale, la presenza di altri punti di criticità con fenditure e dislivelli lungo il tratto interessato e l’inadeguata manutenzione delle cunette, si può ben comprendere qual è il livello di attenzione che viene prestata per la sicurezza della strada. Non va dimenticato che le precarie condizioni in cui versa la predetta strada stanno causando non pochi danni alla già precaria economia della zona, alle attività imprenditoriali e commerciali nonché al turismo. Ciò premesso, poiché pare che alla base dei mancati, seppur doverosi ed urgenti, indispensabili interventi definitivi (a tutela della vita umana e della pubblica incolumità), vi siano problemi di natura economica per i quali la Città Metropolitana di Reggio Calabria non è in grado di trovare urgente soluzione,

QUESTO GRUPPO CONSILIARE “UNITI PER GERACE”

Propone al Civico Consesso di Gerace di voler unanimemente formulare un documento/delibera per chiedere a: Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti , Anas, Agenzia del Demanio, Regione Calabria, Città Metropolitana di Reggio Calabria

CHE

La predetta strada EX SS 111, SP1 ed ora Città Metropolitana “Gioia Tauro-Locri” torni sotto la gestione dell’Anas (lo è stata per tantissimi anni). Propone ai Sindaci dei Comuni di Cittanova, Locri e Taurianova ed alle Commissioni straordinarie dei Comuni di Canolo, di Gioia Tauro e al Presidente del Parco d’Aspromonte - cui la presente viene indirizzata - (ognuno indicherà anche dettagliatamente, laddove esistenti, le criticità dei propri tratti stradali) di aderire alla richiesta programmando anche un necessario incontro collettivo per elaborare un unico documento/delibera da inviare alle competenti istituzioni.

Gerace, 28 dicembre 2018 Il Gruppo Consiliare “Uniti per Gerace” Giuseppe Varacalli Giuseppe Macrì

Leggi tutto

Diocesi di Locri-Gerace. Concesso il titolo di Basilica Minore alla chiesa concattedrale di Gerace

Alla chiesa concattedrale “S. Maria Assunta” di Gerace è stato concesso il titolo di Basilica Minore.

L’annuncio dell’elevazione a Basilica Minore della millennaria chiesa geracese è stato dato dal vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, nel corso della celebrazione nella solennità di Tutti i Santi.

La richiesta avanzata dal Pastore diocesano nel mese di luglio è stata accolta dalla  Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti che ha emesso il relativo Decreto l’8 settembre, trasmesso a firma dal Segretario, l’Arcivescovo Arthur Roche.

Nella comunicazione si legge tra l’altro che, con la concessione del titolo di Basilia Minore, “si intende intensificare il vincolo con la Chiesa di Roma e con il Santo Padre, e promuoverne al tempo stesso l'esemplarità quale centro di particolare azione liturgica e pastorale nella Diocesi”.

Inoltre, vengono ricordate le concessioni annesse al titolo di Basilica Minore, come pure gli impegni e i doveri di ordine liturgico-pastorale.

Tra i compiti propri delle Basiliche Minori si sottolineano: la promozione della “formazione liturgica dei fedeli, attraverso gruppi liturgici, particolari corsi di istruzione, cicli di conferenze e altre iniziative di questo genere”;

Lo studio e la divulgazione dei documenti del Sommo Pontefice e della Santa Sede, particolarmente di quelli che riguardano la Sacra Liturgia.

Ed ancora viene rimarcato: “Con grande cura si preparino e si compiano le celebrazioni dell’anno liturgico, in particolare durante l’Avvento, il tempo di Natale, la Quaresima e il tempo di Pasqua”.

Tutte le norme che regolano le Basiliche Minori sono contenute nel decreto “Domus Ecclesiae” promulgato dalla Congregazione del Culto Divino nel 1989, tra queste ricordiamo anche la celebrazione, con speciale cura, della festa della Cattedra di S. Pietro (22 febbraio), della solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (29 giugno) e dell’anniversario dell’elezione o dell’inizio del supremo ministero pastorale del Sommo Pontefice.

Le concessioni connesse con il titolo di Basilica sono tre: la possibilità di ottenere l’Indulgenza plenaria (nel giorno anniversario della Dedicazione della Basilica, della celebrazione liturgica titolare, 15 agosto, nella solennità dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, 29 Giugno, nell’anniversario dell’elezione del Papa (13 Marzo), nell'anniversario della concessione del titolo di Basilica (8 settembre), una volta all’anno in giorno stabilito dal Vescovo e un giorno all’anno a libera scelta di ciascun fedele. La seconda concessione riguarda la possibilità di utilizzare l’emblema pontificio (che manifesta anche visivamente il legame tra la basilica minore e il Successore di S. Pietro); l’emblema pontificio, cioè le chiavi incrociate, può essere usato nei vessilli, nella suppellettile e nel sigillo della Basilica.

Infine, la terza, riguarda l’abito di chi presiede la Basilica: “Un piccolo segno di onore, di uso facoltativo, a motivo della particolare dignità della basilica tra le altre chiese. Il rettore della Basilica o chi presiede in essa, può usare nello svolgimento del suo mandato la mozzetta nera con bordi, asole e bottoni rossi, sulla veste talare e sulla cotta”.

Locri 1 novembre 2018

L’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali

Leggi tutto

Gerace. Nota stampa del circolo di Fratelli d’Italia di Locri sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gioia Tauro

Come circolo di Fratelli d’Italia di Locri vogliamo continuare a mantenere alta l’attenzione sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gerace e con Gioia Tauro. Ci associamo alla missiva inviata ai vari interlocutori istituzionali dal Sindaco di Gerace Dott. Giuseppe Pezzimenti, con protocollo N° 8850 del 18.10.2018. Oltre a condividere la situazione di disagio che riguarda migliaia di cittadini del comprensorio, ma in particolar modo delle Città di Locri e di Gerace, auspichiamo un intervento immediato da parte degli enti preposti. Questa perdurante “latitanza” amministrativa e operativa incentiva la sfiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella politica, soprattutto coloro i quali quotidianamente percorrono la S.P.1 in entrambe le direzioni, mettendo a repentaglio la propria incolumità soprattutto in questo periodo di precarietà atmosferica. L’intervento oltre che urgente, si rende necessario e non più procrastinabile. Manifestiamo sin da subito la nostra disponibilità ad aderire a qualsiasi attività di protesta e di sensibilizzazione che il Sindaco di Gerace vorrà attuare. Ci rammarichiamo tuttavia dell’assenza dell’amministrazione di Locri in questa particolare emergenza sociale. Auspichiamo che prossimamente, dopo la mobilitazione in difesa del presidio Ospedaliero di Locri, il Sindaco si attivi per accendere l’attenzione anche su questa problematica visto che lo smottamento ricade nel Comune di Locri. Comprendiamo che la tematica “viabilità” sia marginale nell’ambito della comunicazione avviata dall’amministrazione locrese; crediamo tuttavia che la questione risulti preminente in un ambito temporale a breve termine, essendo la nostra zona assoggetta nel periodo invernale a notevoli criticità di natura metereologica. Speriamo in un intervento e in forme di proteste sinergiche da parte delle istituzioni preposte a difendere i diritti dei cittadini della Locride.

Segretario Organizzativo di Fratelli d’Italia

Franco Maviglia

Leggi tutto