Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Gli ex presidenti del Costa Rica hanno chiesto la cittadinanza onoraria per Sergio Ramirez, perseguitato dalla dittatura di Ortega.

Lo scrittore nicaraguense ed ex vicepresidente Sergio Ramirez, in foto d'archivio.  EFE / Jorge Ignacio Perez
Lo scrittore nicaraguense ed ex vicepresidente Sergio Ramirez, in foto d’archivio. EFE / Jorge Ignacio Perez

Sette ex presidenti del Costa Rica Giovedì hanno chiesto al Congresso del loro Paese di concedere la cittadinanza onoraria allo scrittore nicaraguense Sergio RamirezColoro che vivono in esilio e che sono considerati Vittima della persecuzione della “dittatura” del presidente Daniel Ortega, sua moglie e vicepresidente Rosario Murillo.

La lettera è firmata dagli ex presidenti del Costa Rica Oscar Arias, Rafael Angel Calderon, Laura Chinchilla, Jose Maria Figueres, Abel Pacheco, Miguel Angel Rodriguez e Luis Guillermo Solis, chiede al Congresso di “onorare la lotta per la libertà e proclamare Sergio Ramirez cittadino onorario del Costa Rica e titolare della cittadinanza costaricana”.

E di recente, quella dittatura è iniziata contro uno degli scrittori più famosi dell’America LatinaLa lettera affermava che Sergio Ramirez, oggi vittima di minacce e accuse accompagnate da mandati di cattura e persecuzione, gli renderà impossibile il ritorno in patria.

E gli ex presidenti aggiungono che “quando inseguimento implacabile La dittatura che ha capitolato il Nicaragua sta cercando ancora una volta di mettere a tacere l’atto impegnato e liberale di Sergio Ramirez Mercado, Crediamo che meriti un riconoscimento per la sua lotta per la libertà, che fa parte dello spirito che ha guidato il popolo costaricano”.

Daniel Ortega (Foto: EFE)
Daniel Ortega (Foto: EFE)

La lettera sottolinea che la vita di Sergio Ramirez è stata segnata dalla sua costante lotta per difendere e promuovere le libertà dei cittadini. espressione, culturale, civile e politica, nonché l’esercizio dei diritti umani.

Gli ex presidenti hanno anche denunciato che negli ultimi anni “studenti, contadini, giovani, donne, intellettuali, politici e lavoratori in Nicaragua hanno subito persecuzioni e La dittatura di Daniel Ortega e di sua moglie, Rosario Murillo, è stata soppressa semplicemente per esercitare le libertà di pensiero, espressione e differenza”.

READ  Dora Maria Telles e Anna Margherita Vigil, accusate dalla Procura di “cospirazione”

Ramirez, esiliato in Costa Rica, è stato mostrato giovedì lui si è trasferito e grazie Su iniziativa di sette ex presidenti del Costa Rica, hanno proposto al Congresso di concedergli la cittadinanza onoraria e la cittadinanza.

L’iniziativa “mi onora e mi commuove. Oltre alla mia profonda gratitudine per il sostegno del Presidente della Legislatura per la richiesta”, tramite Ramirez nei suoi social network, che ha anche presentato “Mille grazie ai precedenti presidenti per avermi onorato in questo modo”.

“Sono tornato a vivere in Costa Rica con mia moglie Tolita, che è stata costretta all’esilio, dopo più di mezzo secolo siamo venuti in questo paese da poco sposati, e qui sono nati i nostri tre figli, Sergio, Maria e Dorel; Qui troviamo amici intimi e ho avuto il piacere di partecipare a quegli anni di vita culturale costaricana, di cui mi sono sempre sentito parte, così come alla vita civile del paese e della sua gente”, ha detto Ramirez.

Lo scrittore nicaraguense ha sottolineato che i costaricani sono esseri umani Accogliendo non solo me e la mia famiglia, ma le migliaia di nicaraguensi costretti dalle dittature che abbiamo subito, hanno sempre trovato rifugio e solidarietà in questa terra di libertà e democrazia.

“Un giorno, che prima o poi arriverà, respireremo questa stessa atmosfera in Nicaragua, perché un popolo di dignità, sacrificio e coraggio non può essere sempre condannato a vivere sotto il giogo della tirannia, e I nicaraguensi avranno il diritto di eleggere liberamente i loro leader, proprio come i costaricani”. è finita.

Ramirez, che era Vicepresidente proprio quando Ortega guidò per la prima volta il Nicaragua, tra il 1979 e il 1990, ha un mandato di cattura nel suo paese per “commettere atti che incoraggiano e incitano contro Lo odio e il violenzaMa si mantiene innocente e gli attribuisce l’accusa Il leader sandinista si è vendicato per aver alzato la voce nel rifiuto della sua amministrazione.

READ  Messico: l'inizio di un nuovo ciclo di dialogo per la pace in Venezuela è stato rinviato a causa dell'assenza di Chavismo

L’ordine e l’atto d’accusa contro lo scrittore nicaraguense avvengono a metà giornata Un’ondata di arresti di 36 leader dell’opposizione e professionisti indipendenti, nel contesto delle elezioni generali del 7 novembre.

In queste elezioni, Ortega cerca il suo Rielezione per la terza volta consecutivaPer un quarto mandato di cinque anni e un secondo con la moglie come vicepresidente.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: