Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Gli ungheresi protestano per il monitoraggio illegale di Pegasus con spyware

BUDAPEST, 26 luglio (Reuters) – Quasi 1.000 ungheresi hanno protestato lunedì contro le accuse secondo cui il governo avrebbe utilizzato lo spyware Pegasus di fabbricazione israeliana per monitorare illegalmente i civili in Ungheria, paragonandolo al passato comunista del paese.

I manifestanti si sono radunati presso il Museo della Casa del Terrore nella capitale, Budapest, per commemorare le vittime del nazismo e del comunismo e hanno marciato verso la sede del partito al potere Fidesz.

Alcuni critici del primo ministro Victor Orban lo hanno definito un “vincitore”.

“Questa (accusa di sorveglianza illegale) è l’ultima goccia per me”, ha detto un manifestante, Marcel Sisupor. “Mi ricorda le organizzazioni comuniste e mostra che il Paese si sta allontanando dall’Occidente e verso l’Oriente”.

Il governo, che si è scontrato con diversi Stati membri dell’UE su questioni di governo e democrazia, non ha commentato le accuse oltre a dire che la raccolta di intelligence dell’Ungheria è legale.

Un rapporto pubblicato questo mese da 17 media internazionali e dal panel di Amnesty International sull’hacking dello spyware Pegasus hackerato e autorizzato dalla società israeliana NSO e di proprietà di giornalisti, attivisti per i diritti umani e funzionari governativi in ​​diversi paesi.

I partecipanti camminano davanti a un poster che mostra il primo ministro ungherese Victor Orban che legge: “Voglio rubare la nostra privacy? Diciamo di no alla vostra attenzione!” 26 luglio 2021, durante una protesta contro il governo ungherese per aver utilizzato lo spyware Pegasus per monitorare giornalisti, leader dell’opposizione e attivisti a Budapest, in Ungheria. REUTERS / Marton Monus

Direct 36, un partner ungherese del gruppo mediatico, ha affermato che tra i soggetti presi di mira per la sorveglianza vi erano giornalisti, uomini d’affari, avvocati e critici del governo ungherese.

READ  Xiao, bella! 6 nuovi hotel da sogno in Italia

I pubblici ministeri ungheresi hanno avviato un’indagine su una serie di denunce ricevute dai rapporti.

La NSO ha dichiarato che il suo prodotto è destinato all’uso solo da parte dell’intelligence governativa e delle forze dell’ordine nella lotta al terrorismo e alla criminalità.

In Ungheria, che è stata governata dai comunisti per quattro decenni dopo la seconda guerra mondiale, il ministro della Giustizia approva la supervisione delle questioni di sicurezza nazionale.

Miglos Hajnal, membro del partito di opposizione Momentum che ha organizzato la protesta, ha affermato che il caso Pegasus è stato il più grande scandalo in Ungheria da quando è stato convertito alla democrazia nel 1990.

“Questo non è accettabile in un paese dove la gente sa come funziona il governo socialista”, ha detto. “C’è una ragione per cui esistono i servizi di sicurezza, ma non possono restare attaccati al potere”.

Report di Anita Comves, montaggio di Timothy Heritage

I nostri standard: Principi della Fondazione Thomson Reuters.