Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Guayaquil: l’Ecuador porta a 116 il bilancio delle vittime delle rivolte e dichiara lo stato di emergenza in tutte le carceri | internazionale

A metà del pomeriggio di martedì, le autorità ecuadoriane hanno informato i cittadini che potevano dormire sonni tranquilli perché era stato ripristinato il controllo della prigione di Guayaquil. C’erano 24 morti. Ma la ribellione nell’ex carcere Littoral non è finita e il bilancio delle vittime è salito a 116 questo mercoledì mentre la polizia avanzava attraverso le ali della più grande prigione del paese. Molti di loro furono decapitati. I parenti dei detenuti deceduti erano di stanza alla periferia del centro, in attesa di notizie e conferma dell’accaduto. Alcuni sapevano che il loro parente era morto solo perché lo avevano visto nei video iniziali trasmessi dall’interno. Ci sono anche 80 contagiati, secondo i dati forniti dal presidente Guillermo Lasso.

La dimensione assunta dal conflitto carcerario nel Paese andino, trattandosi della ribellione più feroce con il maggior numero di morti, ha portato a lazo Trasferirsi con urgenza nella città costiera per tenere un governo di crisi. Nella conferenza stampa successiva all’incontro, il capo dello Stato ha denunciato: “È un peccato che intendano trasformare le carceri in un’area contesa per il potere da bande criminali”. Lo stato di eccezione è stato dichiarato in tutte le carceri per un periodo di 60 giorni con l’obiettivo di ripristinare la convivenza e, come ha ribadito con enfasi Lasso, di garantire i diritti umani dei detenuti.

maggiori informazioni

Il Presidente ha sottolineato che il Comitato di Crisi ha preso decisioni strategiche che non possono essere rese note per motivi di sicurezza, ma che risulteranno chiare nelle procedure che verranno attuate nelle prossime ore. Ha ammesso, quindi, che la situazione non era sotto controllo e che il numero delle vittime potrebbe aumentare: “Dio benedica l’Ecuador e prevenga ulteriori vittime”. Lo stato di eccezione si applica ad altre carceri perché le autorità presumono che gli scontri interni possano essere ripetuti.

READ  Ramirez Landaverde: "Questo (arresto) non è necessario, se il tribunale ci contatta ci presenteremo volontariamente"

Fino a ieri, il direttore del sistema carcerario ha accusato del massacro le bande organizzate che rappresentano una “minaccia per lo Stato” e “che hanno un potere pari o superiore allo stato stesso”. Secondo Fausto Cobo, attuale direttore del Centro di intelligence ecuadoriano, placare la prigione di Guayaquil è un “problema serio” perché le forze del regime devono entrare nei reparti “con scudi e senza armi mentre sono con granate, fucili e pistole”.

Cobo ad agosto ha presentato un piano d’azione a lungo termine per risolvere l’emergenza carceraria che, secondo il presidente Lasso, ora accelererà dopo che le rivolte hanno superato i 300 morti nel 2021. A febbraio, uno scontro coordinato e simultaneo in quattro carceri ha portato alla la morte di 79 persone, quando Lenin Moreno era ancora al potere. Per Lasso, questo è il secondo incidente grave che ha dovuto affrontare nei suoi primi tre mesi in carica dopo quello 22 deceduti per doppia rivolta nel mese di luglio. Oltre alle faide tra bande per il controllo dei reparti interni, è già stato diagnosticato un già serio problema di sovraffollamento. Le carceri del paese contengono 30.000 persone, ma hanno 39.000 detenuti.

Unisciti subito a EL PAÍS per seguire tutte le novità e leggere senza limiti

Iscriviti qui

Iscriviti qui per me le notizie Da EL PAÍS America e ricevi tutte le chiavi informative per la situazione attuale nella regione