Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

“Ho segnato 27 gol per il Real Madrid e poi hanno firmato Kakà e Benzema… Non può essere!” – dieci

Gonzalo Higuain Ha rilasciato un’intervista a ESPN in cui ha rivisto la sua carriera per Real Madrid Ha raccontato storie di come ha vissuto la competizione con gli accordi che il club bianco stava firmando.

La bella ex fidanzata di Higuaín svela l’infedeltà del calciatore

Dopo aver superato il River Plate, “Pepita” è approdato al Team Merengo per la stagione 2006-07 e vi è rimasto fino al 2012-13. Poi è andato al Napoli dove era un personaggio, poi alla Juventus, è passato al Milan, poi è passato al Chelsea e ora brilla in Miami Inter, il club che appartiene a David Beckham.

“Nel primo allenamento (con il Real Madrid) ricordo che Capello ha scelto me. Un anno dopo ho segnato 27 gol, Cristiano 26… E in estate hanno portato Benzema e Kakà. Ho detto: non può essere . Quanti gol dovrei segnare?” L’attaccante argentino ha riso: “Io sono un capocannoniere e mi portano Benzema e Kakà”.

però, Higuain Si rende conto che la sua versione migliore è arrivata quando aveva un concorrente per la stessa posizione. Karim è venuto e mi ha fatto ottenere il meglio da me mentre ero con lui. Con Benzema è stata una competizione molto sana. Ci ha fatto rinunciare entrambi. Si vede che era un grande attaccante. Purtroppo non siamo riusciti a suonare insieme molto spesso. ”

Per quanto riguarda la sua presenza in MLS, l’attaccante afferma che il suo rapporto con Beckham Tutto va bene. “Giocare con Beckham al Real Madrid ha reso l’incontro più piacevole. È bravo come presidente e la sua presenza si nota quando lo è. Ha un’aura notevole, motiva la sua presenza qui nel club. È un ragazzo molto calmo, naturale e carismatico. È fantastico averlo. “

READ  Prima sconfitta dell'Honduras contro il Canada: Brian Moya annulla il suo esordio per KO a Toronto - dieci

Parole dure per Higuain quando CR7 è arrivato alla Juventus

D’altra parte, l’ex madridista ha evitato di rispondere specificamente alle voci in quel luogo Messi in un Inter Miami Quando finisci il tuo stage in Paris Saint-Germain.

”Se dicessi a Messi di venire a giocare nell’Inter Miami? Non mettermi nei guai. Non ne ho idea. Ho ancora un anno di contratto e credo che Leo abbia firmato per due o tre anni a Parigi. Non credo che coincidiamo. Ma ehi, il club lo vuole, vediamo. Non dipende da me. ”

Infine, Pepita ha ammesso che il suo tempo nella squadra nazionale argentina è scaduto ed è contento del titolo della Copa América sollevato dai suoi ex compagni di squadra del Maracana.

Quando hanno vinto la Copa America, ho parlato con Messi, Di Maria e Otamendi. Liu ha detto che anche questo era uno di quelli che non lo erano, il che mi ha reso molto felice. Stavo per diventare un eroe. Ma ho mantenuto la strada e tutto quello che ho provato. È stata una bella gara e me la sono goduta al massimo. Al momento non tornerò in Nazionale”.