I borghi della locride: bellezze da promuovere e valorizzare

Il territorio della locride non rientra certamente tra le mete turistiche più conosciute e apprezzate a livello nazionale, eppure nasconde perle di assoluta bellezza che con un’adeguata strategia di promozione e valorizzazione potrebbero rappresentare un elemento di svolta per l’intero tessuto economico locale. Da non perdere sono, per esempio, alcuni dei borghi antichi che arricchiscono questo territorio, come Mammola e Martone.

Da Mammola a Gerace, i borghi più belli della locride

La locride, anche detta Costa dei gelsomini, è un territorio ampio e ricco di bellezze sia naturalistiche che storiche. Compreso tra il Parco Nazionale dell’Aspromonte e il Mar Ionio, quest’area vanta la presenza di numerosi luoghi di interesse, che spaziano dagli antichi borghi montani fino alle località marine di Siderno, Monasterace e Marina di Gioiosa Ionica, vere e proprie perle affacciate sul mare.

Gli amanti del turismo più genuino e viscerale potranno apprezzare in questa fascia di territorio diversi paesini sospesi nel tempo, in cui alle meraviglie naturali si aggiungono architetture caratteristiche e uno stile di vita lento e rigenerante. Mammola, che rappresenta la porta d’ingresso al Parco dell’Aspromonte, è oggi per esempio uno dei borghi più popolari dell’intera area, un luogo magico dal quale traspaiono le millenarie influenze che, dai greci ai saraceni, hanno interessato il paese. A Mammola è possibile visitare splendidi palazzi nobiliari che testimoniano il passato feudale del borgo ma anche chiese e monasteri, oltre a perdersi tra vicoli e viuzze dall’incredibile fascino.

Non molto distante troviamo poi Martone, un borgo di poco più di 500 abitanti, conosciuto soprattutto per la presenza di numerose fontane in ghisa dalle quali sgorga l’acqua di Crini, storicamente ritenuta benefica. Anche qui tra palazzi ottocenteschi, torri e residui di una storia che oggi sembra così lontana, il turista potrà tuffarsi in una dimensione fatta di serenità e semplicità.

READ  'Semestre bianco': l'Italia verso un incerto cambio di capo di Stato | Internazionale

Altra meta da non perdere è senza dubbio Gerace, uno dei Borghi più belli d’Italia, che conserva ottimamente tutte le caratteristiche tipiche dei paesini medievali del sud Italia. Il borgo antico di Gerace è davvero ricco di punti di interesse, dai palazzi alle chiese, passando per le tipiche costruzioni scavate nella roccia, un tempo destinate ad abitazioni e botteghe. Sebbene non vi siano oggi che pochi resti, particolarmente apprezzato è infine il castello, edificato secondo gli studiosi nel VII secolo d.C. e oggetto, nel corso dei secoli, sia di rifacimenti che di devastazioni dovute a forti terremoti avvenuti nell’area.

Spostandosi verso il mare, una menzione a parte meritano le città di Siderno, Roccella e Gioiosa, che oltre a vantare la presenza di borghi storici tutti da visitare, possono ospitare i turisti sulle loro ampie spiagge bagnate da un mare cristallino. Da scoprire soprattutto in estate, queste località propongono anche diverse manifestazioni civili e religiose che portano avanti tradizioni secolari a cui ancora oggi i cittadini sono fortemente legati.

Costa dei gelsomini: un territorio da valorizzare sin da subito

Sulla carta, l’area della Costa dei gelsomini avrebbe tutte le carte in regola per diventare una zona dalla grande attrattività turistica. Senza dubbio, la presenza di splendide località marittime e di un ricco patrimonio storico e architettonico rappresenta un biglietto da visita unico, che potrebbe invogliare numerosi turisti a scegliere la locride per le proprie vacanze, tuttavia i numeri in quest’area non raggiungono i livelli di altre zone del meridione, come Salento e Valle d’Itria in Puglia o Cilento e Costa Amalfitana in Campania.

Come già avviene in molte altre zone d’Italia, parte della strategia di marketing territoriale da adottare potrebbe sfruttare le potenzialità del digitale: portali web e app, che in questi anni hanno conosciuto un vero e proprio boom non soltanto nel comparto turistico ma anche in altri ambiti dell’intrattenimento, permetterebbero per esempio di avvicinare in maniera particolarmente efficace i viaggiatori potenzialmente interessati a questo tipo di turismo, così come i social invece garantirebbero un’adeguata visibilità e risonanza all’intera area.

READ  30 Miglior Auricolari Sony Con Microfono per te

Investire in tal senso, oltre a lavorare sugli atavici problemi che riguardano servizi e infrastrutture, significherebbe dare nuovo slancio non solo a questa parte di Calabria ma anche all’intera regione, che potrebbe così emergere come una delle realtà più interessanti della penisola. La speranza è che le istituzioni per prime, ma anche i cittadini, comprendano la necessità di non perdere questo treno per non restare ulteriormente indietro in un contesto così dinamico.

Ernesto Ferri
"Esperto di Internet. Lettore. Fanatico della TV. Comunicatore amichevole. Esperto di alcolisti certificato. Appassionato di pancetta. Esploratore. Evil twitteraholic."

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles