Ottobre 15, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

I leader militari in Cina e India si sono incontrati per ridurre le tensioni nella regione di confine contesa

I soldati dell'Indian Border Security Force fanno la guardia a un posto di blocco lungo l'autostrada che conduce al Ladakh a Ghaganger, distretto di Ganderbal, Kashmir, il 17 giugno 2020.
I soldati dell’Indian Border Security Force fanno la guardia a un posto di blocco lungo l’autostrada che conduce al Ladakh a Ghaganger, distretto di Ganderbal, Kashmir, il 17 giugno 2020.

I vertici delle forze armate cinesi e indiane si sono incontrati domenica per pianificare la separazione delle forze nelle aree contese Un portavoce dell’esercito indiano ha detto che erano scoppiati i combattimenti.

Dopo una pausa di due mesi, i due capi militari si sono incontrati Moldavia, nell’area dentro Sul lato cinese del confine, il colonnello ha detto Sudhir Shamoli.

Non sono stati forniti altri dettagli. Nessuna dichiarazione da parte cinese.

Da febbraio, Sia la Cina che l’India hanno ritirato unità dalle aree contese di Pangong Tso, Gogra e Galwan Valley, ma continuano a mantenere le loro forze come parte di uno schieramento multidisciplinare.

Hanno anche inviato truppe lì Demchok e DipsangSecondo la stampa indiana. Le due parti continuano a schierare unità nelle aree all’avanguardia del Ladakh per il secondo inverno consecutivo, in una zona con temperature gelide.

I colloqui arrivano dopo che il leader indiano ha espresso la sua frustrazione per quello che ha definito enorme Dispiegamento di soldati e attrezzature da parte della Cina.

“Sì, è preoccupante che la massiccia concentrazione di forze sia avvenuta e stia ancora avvenendo, Il mantenimento di questo tipo di diffusione richiede lo sviluppo di determinate infrastrutture da parte cinese”. mm naravan Il sabato.

“Ciò significa che loro (la Cina) sono qui per restare.. Stiamo osservando gli eventi da vicino, ma se sono lì per restare, Siamo lì anche per restare”. aggiunto.

Una lunga storia di tensioni

READ  Daisuke Hori, l'uomo che sostiene di aver dormito solo 30 minuti al giorno per 12 anni | YouTube | direzioni | social network | Giappone | nnda nnrt | Ampiamente

Il conflitto tra India e Cina ha preceduto la formazione del primo come stato indipendente. Dall’era del Raj britannico ci sono state controversie sui confini territoriali. Nel 1914, i rappresentanti britannici raggiunsero un accordo con l’allora Regno del Tibet, che istituì la McMahon Line come divisione.. Ma la Cina, che in seguito occupò il Tibet, non ha mai riconosciuto questo accordo e rivendica circa 90.000 chilometri quadrati di terra.

Dopo l’indipendenza dell’India, i tentativi di normalizzare le relazioni bilaterali sono stati rapidamente vanificati. Nel 1959, il primo ministro indiano Jawaharlal Nehru fece un’importante visita ufficiale a Pechino, che finì per allontanarsi dalle posizioni anziché avvicinarsi.. Quando Nehru ha chiesto quali confini apparissero sulle mappe cinesi ufficiali, il primo ministro Zhou Enlai ha risposto che il suo governo non accettava i confini coloniali. Tre anni dopo, scoppiò la guerra sino-indiana.

La contesa regione del Ladakh in India (Reuters / Danesh Siddiqui / File)
La regione contesa del Ladakh in India (Reuters / Danesh Siddiqui / File)

Dopo la rivolta tibetana del 1959, quando all’India fu concesso asilo a Il Dalai Lama, il leader politico e spirituale del Tibet, ci furono diverse scaramucce al confine. Ciò ha portato l’India a intraprendere una politica offensiva, che consisteva nello stabilire avamposti lungo il confine, compreso il nord della linea McMahon. Dopo diversi tentativi diplomatici falliti, le forze cinesi invasero la regione indiana del Ladakh il 20 ottobre 1962.

Gran parte dei combattimenti si sono svolti in condizioni montane difficili, ad altitudini superiori ai 4.000 metri e con temperature sotto lo zero.. A causa dell’inaccessibilità del terreno, si distingueva per il fatto che si trattava di una guerra moderna che si svolgeva interamente tra forze di terra, senza la partecipazione dell’aviazione militare.

READ  Papa Francesco autorizza la beatificazione dei martiri Rutilio Grandi e Cosme Spesoto

La guerra finì quando la Cina dichiarò un cessate il fuoco il 20 novembre 1962. Sono passate quattro settimane da quando migliaia di persone sono state uccise dalla parte indiana. Sebbene le forze cinesi si siano ritirate, sono state in grado di catturare Aksai Chin, un corridoio strategico che collega il Tibet con la Cina occidentale. Delhi rivendica l’intera regione come propria, così come la vicina valle di Shaksgam nel nord del Kashmir.

Cinque anni dopo, il conflitto si è verificato a Natto La, il passo di montagna più alto dell’India nello stato nord-orientale del Sikkim.situato tra il Bhutan, il Tibet cinese e il Nepal. Durante la serie di scontri che includevano scambi di artiglieria, furono uccisi circa 80 soldati indiani e fino a 400 cinesi.

Nel 1975 c’è stato l’ultimo incrocio dove sono state registrate sparatorie e uccisioni. È noto come l’imboscata di Tulong n. Quattro soldati indiani sono stati uccisi quando i soldati cinesi hanno teso un’imboscata a una pattuglia armata In quella corsia situata in Arunachal Pradesh. Delhi ha accusato Pechino di aver attraversato il confine in territorio indiano, ma la Cina ha respinto le accuse.

Le tensioni sono aumentate tra i vicini dotati di armi nucleari dopo una sanguinosa battaglia di confine nel giugno dello scorso anno (Foto: Reuters/Adnan Abedi)
Le tensioni sono aumentate tra i vicini dotati di armi nucleari dopo una sanguinosa battaglia di confine nel giugno dello scorso anno (Foto: Reuters/Adnan Abedi)

Da quel momento sono trascorsi 42 anni di relativa calma, fino a quando le tensioni sono riemerse nel 2017. Da mesi India e Cina sono impegnate in uno scontro senza fuoco ad alta quota nella regione di Doklam in Bhutan.Dopo che l’esercito indiano ha inviato truppe per impedire alla Cina di costruire un’autostrada nella zona. L’altopiano di Doklam è strategico perché dà accesso alla Cina al cosiddetto “collo di pollo”, una sottile striscia di terra che collega gli stati nordorientali dell’India al resto del Paese. È rivendicato sia dalla Cina che dal Bhutan, alleato dell’India. La riduzione dell’escalation è arrivata dopo lunghi colloqui ad alto livello.

READ  Gli scontri a Valparaíso hanno provocato la morte di almeno 20 persone

La pandemia non è bastata alle parti per decidere di mettere da parte le divergenze, almeno per un po’. Le temperature hanno iniziato a salire a maggio 2020, Dopo che diversi soldati indiani e cinesi sono rimasti feriti in una scazzottata ad alta quota al confine del Sikkim. Il governo indiano sostenne che le forze cinesi avevano invaso la linea di contatto a ovest, nella regione del Ladakh, e decise quindi di mobilitare i suoi soldati in posizioni opposte.

(Con informazioni da AP e AFP)

Continuare a leggere: