Settembre 23, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

I proprietari di energie rinnovabili ed energia eolica avvertono di interrompere i progetti a causa di misure governative | Economia

L’Associazione delle Imprese Energetiche Rinnovabili (APPA Renovables) rifiuta Il provvedimento di riduzione delle retribuzioni approvato dal Consiglio dei ministri nella sua forma attuale, il che potrebbe indurre i proprietari a prenderlo La decisione di sospendere temporaneamente la propria attività o recedere dai contratti, qualcosa che potrebbe aumentare il prezzo Piscina. A suo avviso, questo significa un effetto retroattivo su centinaia di impianti rinnovabili che, a partire da domani, ne comprometteranno gravemente la fattibilità. La Wind Business Association (PREPA) si è unita alle critiche, mentre il grande datore di lavoro del fotovoltaico Unef sta valutando nel dettaglio i contenuti per adottare una posizione consensuale.

maggiori informazioni

Secondo l’associazione, “L’impatto dello standard sarà su molti progetti eolici e fotovoltaici con coperture dei prezzi e contratti di acquisto di energia (PPA in breve). contratto di acquisto di energia) renderà i titolari del contratto o le controparti Perdi soldi con ogni megawattora immesso nella rete”, mantiene il collegamento, aggiungendo che, in un caso tipico, gli impianti rinnovabili danneggiati dovrebbero venderli in perdita (per riduzioni che potrebbero superare i 100 €/MWh).

“L’interruzione dei progetti rinnovabili, che verranno realizzati per non incorrere in perdite significative, comporterà una diminuzione dell’offerta e, quindi, un previsto aumento aggiuntivo Piscina Come diretta conseguenza”, l’associazione, rendendosi conto che questo effetto “non era quello ricercato dal governo”, che ha compiuto un grande sforzo negli ultimi anni per accelerare il Transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonioCon una maggiore presenza di energie rinnovabili e minori costi energetici grazie alla competitività raggiunta dalle energie pulite.

L’APPA chiede che la norma sia trattata come un disegno di legge alle Cortes per poter modificare gli aspetti più dannosi dei progetti e tutelare la certezza del diritto, necessaria per ottenere più di 100.000 milioni di euro di investimenti necessari per fare la transizione energetica. Inoltre, è preoccupato per la correlazione dei minori ricavi con il mercato del gas e, in particolare, con il mercato Mibgas, che è un mercato estremamente illiquido e volatile con prezzi attualmente elevati, rendendo anche imprevedibile il comportamento del mercato elettrico.

READ  La Cina utilizza la tecnologia Blockchain per testare lo schema di scambio di energia verde

Da parte sua, l’Associazione per l’energia eolica (AEE) ha avvertito dell’impatto che questo potrebbe avere sul settore. PREPA ritiene che le misure si concentrino solo su una porzione del mercato elettrico e dimentichino “implicazioni in altri ambienti”. Per le 250 aziende del settore che compongono l’AEE, il Regio Decreto Legge avrà un impatto negativo sul 21% del parco eolico spagnolo, in particolare nei parchi con più di 20 anni o negli impianti elencati sotto mercante o schemi PPA.

Inoltre, sebbene le azioni del governo siano di natura insolita e temporanea, possono comportare “cambiamenti nel comportamento degli attori economici” e scoraggiare gli investimenti nei settori eolico e delle rinnovabili. Il settore eolico la considera “l’energia più efficiente per ridurre il prezzo dell’elettricità”, tuttavia è l’energia che “sarà maggiormente colpita da queste nuove misure”. PREPA ha anche chiesto di facilitare l’installazione di nuova energia eolica e scommettere sull’espansione delle energie rinnovabili, che è “l’unica soluzione” contro “l’aumento e la caduta nei mercati internazionali dei prezzi dei prodotti energetici di origine fossile e delle materie prime o CO₂”.