Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

I talebani hanno lanciato un avvertimento agli Stati Uniti sull’uso dello spazio aereo afghano

Foto d'archivio del ministro degli Esteri talebano Amir Khan Mottaki (Foto: EFE)
Foto d’archivio del ministro degli Esteri talebano Amir Khan Mottaki (Foto: EFE)

Martedì i talebani hanno lanciato un avvertimento a Washington contro I droni statunitensi occupano lo spazio aereo afghano, mentre chiedono un impegno basato sul rispetto reciproco e su leggi e accordi internazionali.

“Lo spazio aereo dell’Afghanistan è occupato da droni americaniIn una dichiarazione, i talebani hanno condannato il movimento L’Emirato Islamico, come si autodefiniscono gli islamisti, “è l’unica entità legale a proteggere il suolo e lo spazio aereo dell’Afghanistan”.

Secondo la sintesi, Gli Stati Uniti “recentemente hanno preso provvedimenti contro tutte le leggi ei regolamenti internazionali e le promesse fatte a Doha”.Facendo riferimento all’accordo concluso tra le due parti nel febbraio 2019 in cui gli Stati Uniti si impegnavano a ritirare le proprie forze dal Paese.

Queste violazioni devono essere corrette ed evitate”.hanno aggiunto.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin testimonia davanti al Senato degli Stati Uniti (Immagine: REUTERS/Elizabeth Frantz)
Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin testimonia davanti al Senato degli Stati Uniti (Immagine: REUTERS/Elizabeth Frantz)

I talebani hanno chiesto I paesi, in particolare gli Stati Uniti, dovrebbero impegnarsi in Afghanistan “sulla base di patti, promesse e leggi internazionali e sulla base del rispetto e dell’impegno reciproci al fine di evitare conseguenze negative e indesiderabili”.

La denuncia del governo islamico arriva giorni dopo i funzionari del governo Il Pentagono ha confermato che non avranno bisogno del permesso dei talebani per svolgere operazioni antiterrorismo in Afghanistan attraverso l’aviazione americana, compresi i droni.

Martedì, Mark MilliePresidente del Joint Chiefs of Staff Maggiore Generale Kenneth Mackenzie, che dirige il comando centrale degli Stati Uniti che copre l’Afghanistan, e il Segretario della Difesa, Lloyd Austine Hanno testimoniato davanti al Comitato per i servizi armati del Senato sulla fine del dispiegamento delle forze statunitensi dall’Afghanistan.

Drone americano (Foto: Europa Press)
Drone americano (Foto: Europa Press)

Alla domanda se il ritiro e l’evacuazione caotica dei civili da Kabul abbiano danneggiato l’immagine degli Stati Uniti, Milley ha affermato che alleati e avversari stanno rivedendo “estesamente” la credibilità di Washington. “Penso che ‘danno’ sia una parola che può essere usata.”, ha sottolineato.

READ  Israele ha arrestato quattro dei sei terroristi palestinesi evasi da un carcere di massima sicurezza

Mielle ha sottolineato che I talebani “era ed è tuttora un’organizzazione terroristica e non ha ancora tagliato i legami con al-Qaeda”.La rete che ha usato l’Afghanistan come base per pianificare gli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York e Washington.

Le forze statunitensi e internazionali hanno completato il loro ritiro dal territorio afghano, lasciando finalmente tutte le loro basi nel Paese 30 agosto, ponendo fine a due decenni di presenza militare nel Paese.

Vice Ministro delle Comunicazioni del governo islamico e principale portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid (Foto: EFE)
Vice Ministro delle Comunicazioni del governo islamico e principale portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid (Foto: EFE)

Il ritiro delle forze degli Stati Uniti e della NATO fa parte di Un compromesso concordato tra Washington e i talebani a DohaChe ha portato all’arrivo al potere dei fondamentalisti.

L’ultima operazione aerea con droni, realizzata e segnalata dagli americani, è stata l’ultima 29 agosto contro presunti membri dello Stato Islamico (ISIS).

L’operazione è stata eseguita dopo Attentato sanguinoso all’aeroporto di Kabul, I jihadisti ne hanno rivendicato la responsabilità, avvenuta durante l’attuazione delle evacuazioni internazionali, che hanno provocato la morte di almeno 170 persone, decine delle quali erano soldati americani.

Tuttavia, due settimane dopo, il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha ammesso che L’attacco, che doveva mirare a una minaccia “imminente” all’aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul, si è rivelato un errore e ha provocato decine di morti civili.

(con informazioni da EFE e AFP)

Continuare a leggere: