Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

I tribunali e l’Accademia delle scienze etiche organizzano la sessione “L’eredità delle società”

Il capo delle Cortes, Luis Fuentes, ha osservato oggi che i membri della comunità hanno favorito la “partecipazione attiva” del popolo, ma la loro sconfitta “ha impedito loro di vedere come alcune di queste idee erano avanzate nel loro tempo, e sono state poi assunte dal re stesso per poter governare la Spagna”. Ha sottolineato durante il suo intervento alla conferenza accademica “L’eredità delle società 1521-2021” organizzata congiuntamente dalla Reale Accademia di scienze etiche e politiche e chiusa dal presidente del consiglio di amministrazione, Alfonso Fernandez Manueco.

Il presidente della Fondazione Castilla y León ha anche osservato che la celebrazione del quinto centenario delle comunità di Castiglia spiega “cosa è successo e come si sono rivelate contro un re che, d’altra parte, era molto desiderabile”. “Cos’è successo? Questo è il dibattito sulle idee politiche che hanno giustificato due modelli contrapposti di politica sociale”, ha spiegato nel corso della giornata.

Ha continuato che questo movimento sociale è sorto nelle città come un “confronto politico”, dove il re ha ritenuto che il popolo “dovrebbe attenersi a tutti i suoi desideri, mentre i membri della società dovrebbero farlo in accordo con il popolo stesso”. : “Questo ha portato alla prima rivoluzione moderna, che si basava sui nuovi servizi, e la distribuzione del commercio più redditizio nel regno, e la controversia con gli stranieri portata dal re, e che hanno preso i soldi da Castiglia.” .

A questo punto, ha riassunto che dopo 500 anni, era stato raggiunto un equilibrio per un movimento che era “deciso nel plasmare la Spagna moderna”, sostenendo che i leader erano “uomini e donne che hanno affrontato sfide con cui hanno dovuto convivere, e soggetti di un re che non sapeva soddisfare le aspettative che il popolo riponeva su di lui”.

READ  Carta bianca richiesta PP per uso medico della canapa

Da parte loro, il presidente dell’Accademia reale di scienze morali e politiche (Racmyp), Miguel Herrero e Rodríguez de Menon, consideravano la guerra delle comunità un “elemento del sentimento” dalla stessa battaglia di Villalar ad oggi. In effetti, ha commentato che i membri della società erano considerati i “padri dei liberali” da alcuni, ma c’è anche un’altra interpretazione conservatrice. “Entrambi sono corretti, ma sono imprecisi”, ha difeso.

A suo avviso, la “vera storia della Spagna” dovrebbe essere interpretata come una “integrazione”, come già fanno gli anglosassoni, “dove tutto il loro passato è eroico”. Herrero sosteneva che “non dovremmo parlare dei buoni e dei cattivi, dei blues, dei liberali e dei conservatori… ma dovremmo integrarli”.

È stato il vicepresidente della Reale Accademia di scienze etiche e politiche (Racmyp) e direttore del Centro di studi politici e costituzionali, Benigno Pendás, a notare che l’eredità delle società “soddisfa le esigenze di Cervantes”, così ha chiamato ” ricordarli con rigore e senso critico”. In questo senso, ha esortato “a insegnare bene la storia ai giovani, nel qual caso la mostra, il catalogo e gli eventi spiegano bene com’era il movimento”. Ha anche negato che la letteratura politica per il pubblico “non sia di prima classe”. “È originale, nuovo, molto ben pianificato e merita il massimo grado di importanza nel contesto della storia delle idee politiche”, ha elogiato.

Brendas ha spiegato che Carlo V “ha imparato la lezione, quindi il sacrificio dei membri della società non è stato vano”. In questo senso, ha affermato che “la monarchia in Spagna era il suo centro e centro in Castilla y León, la terra che ha fatto proprio il progetto universale quando è stato riconosciuto e non abusato”.

READ  La ricerca mostra un aumento dell'accettazione generale dell'evoluzione nell'ultimo decennio | Hemant Mehta

Allo stesso modo, lo considerava un palcoscenico “molto originale e fantasioso” che “rompe tutti i cliché che il pensiero spagnolo non era all’altezza, quando lo era”: “Il mondo è cambiato per sempre da quei giorni e l’asse del mondo è passato da Aquisgrana. Per Tordesillas questa modifica rappresenta un palcoscenico più luminoso per la Spagna”. L’importante è che tutti gli eroi abbiano imparato la lezione della storia. Pochi movimenti simili in difesa della democrazia possono essere applicati dai greci Pericle: “Avevano un audace fiducia nella libertà”, un’eredità che vale la pena riconoscere.

Ha proseguito il commissario per la celebrazione del quinto centenario, Salvador Ross, che ha denunciato il riferimento a “conflitto, conflitto e generazione, due concetti di proprietà nelle società”, e ha sottolineato che i membri della comunità sono stati sconfitti nel 1521. Ma hanno imposto la loro successiva idee di monarchia universale.