Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Il Dipartimento di Stato americano ha tenuto il secondo incontro tra il regime di Maduro e l’opposizione venezuelana

I rappresentanti di Juan Guaido e della dittatura chavista si sono incontrati per diverse ore questo venerdì (Immagine: EFE)

portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price ha celebrato venerdì la ripresa dei colloqui tra il chavismo e l’opposizione in Messico.

Tramite un messaggio sul tuo account Twitter, Price ha espresso il suo accordo per “iniziare negoziati globali guidati dal Venezuela in Messico. Speriamo che questo processo getti le basi per l’esito democratico che i venezuelani meritano”.

“Siamo solidali con il popolo venezuelano mentre lavora per ripristinare pacificamente la democrazia nel loro paese”, ha aggiunto.Ha aggiunto.

Il regime di Nicolas Maduro e il Programma unito del Venezuela, che riunisce i principali partiti di opposizione, hanno iniziato questo venerdì un nuovo ciclo di incontri a Città del Messico, teatro di alcuni contatti raggiunti attraverso un “memorandum d’intesa” sottobraccio. e cosa Devono iniziare a emergere progressi tangibili verso accordi politici.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha tenuto il secondo incontro tra il regime di Maduro e l'opposizione venezuelana (Immagine: Reuters)
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha tenuto il secondo incontro tra il regime di Maduro e l’opposizione venezuelana (Immagine: Reuters)

Le due delegazioni si sono incontrate dalle 15:00 ora locale (20:00 GMT), secondo fonti vicine a questo tavolo di dialogo, facilitato da Norvegia e sostenuto dal Messico.

nota 11 persone guidate da Jorge Rodriguez, il presidente del parlamento al potere e seguace di MaduroArrivo venerdì pomeriggio all’aeroporto Benito Juarez di Città del Messico.

“Veniamo con aspettative profonde. Siamo stati incaricati dal presidente Nicolas Maduro di concentrarci sul ripristino delle garanzie economiche che sono state rubate al popolo venezuelano”.Rodriguez ha detto alla televisione di stato VTV.

L’opposizione, dal canto suo, è arrivata in Messico con dei cambiamenti: il leader Freddy Guevara – uno stretto collaboratore del leader dell’opposizione Juan Guaido – sostituirà Carlos Vecchio, rappresentante di Guaido negli Stati Uniti, la cui presenza ha destato disagio nel blocco ufficiale, e ha confermato a Agenzia di stampa Francia Fonte vicina alla negoziazione.

Il messaggio diffuso dal portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price
Il messaggio diffuso dal portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price

Le due parti si sono viste a metà agosto, in un gesto già rilevante visto il disprezzo pubblico che hanno espresso negli ultimi anni, segnato da una nozione a due teste in cui l’avversario era davanti a Maduro. Juan Guaidó Si è dichiarato davanti al Venezuela e al mondo un presidente responsabile e quindi legittimo.

READ  L'opposizione venezuelana ha annunciato che schiererà candidati alle elezioni del 21 novembre

però, L’aumento della pressione internazionale sul chavismo, attraverso sanzioni e la mancanza di risultati nella strategia di opposizione, ha spinto le parti verso un processo di dialogo in cui il Messico svolge il ruolo di accoglienza e la Norvegia il mediatore. Sotto la premessa comune che qualsiasi accordo da sigillare deve essere firmato senza interferenze esterne.

I primi contatti di agosto si sono tradotti in un impegno a tornare a tavola Dal 3 al 6 settembre, già con una “road map” più chiara, ma con un messaggio che sembra già familiare in Venezuela dopo diversi processi di dialogo falliti.

“Le trattative si svolgeranno sul principio di non accordarsi su nulla finché tutto non sarà concordato”, Il MOU dice, sì Apre la porta a “prendere accordi parziali” Se si ritiene che vi sia un’esigenza “urgente” di metterlo in pratica.

Il primo incontro tra le due parti si è tenuto a metà agosto.
Il primo incontro tra le due parti si è tenuto a metà agosto

Nella mente di tutti, le elezioni regionali e locali del 21 novembre, al quale si è offerto di partecipare per la prima volta in tre anni, e che ha riconquistato la comune bandiera del Tavolo dell’Unità Democratica, con cui l’opposizione ha ottenuto i suoi recenti successi elettorali.

I cosiddetti partiti G4 – Voluntad Popular, Acción Democrática, Primero Justicia e Un Nuevo Tiempo – presumono che “non saranno elezioni eque o tradizionali”, ma lo vedono anche “Un utile campo di lotta per valorizzare la cittadinanza e promuovere una vera soluzione”, Cioè, chiamare “libere” le donne presidenziali e parlamentari.

Guaidó, membro di Voluntad Popular, ha subito evitato di aderire a questo invito a partecipare, che inizialmente aveva chiesto L’ex candidato alla presidenza Henrique Capriles preferisce aprire nuove strategie e stabilire contatti alternativi.

READ  Le Nazioni Unite hanno avvertito di un'imminente "catastrofe umanitaria" in Afghanistan prima che i talebani prendessero il potere

Continuare a leggere: