Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Il prezzo dell’elettricità in Spagna fa la storia: è aumentato del 52% in soli 7 giorni

L’aumento del prezzo dell’elettricità nel mercato all’ingrosso spagnolo sta avvenendo nel mezzo dell’aumento del costo di tutte le materie prime legate all’energia a livello mondiale, come gas, petrolio e carbone, innescando contemporaneamente l’attivazione dei diritti di anidride carbonica, nonché come ai massimi storici.

Madrid, 6 ottobre (Europe Press) Prezzo medio giornaliero a partire dal elettricità in un mercato all’ingrosso Arriverà giovedì 288,53 €, un prezzo che supera tutti i record registrati finora, posizionandosi del 26% in più rispetto all’ultimo prezzo più alto finora, che è il prezzo di questo mercoledì, da 228,59 €.

Dopo aver chiuso settembre con un prezzo medio record, ottobre ha già toccato i quattro prezzi più alti visti finora in soli sette giorni, e il trend continua a salire con questo nuovo record, secondo i dati dell’operatore del mercato elettrico designato (OMIE) compilato da Europa Press.

Questo giovedì il prezzo aumenterà del 52 percento rispetto alla scorsa settimana, quando il prezzo dell’elettricità nel mercato all’ingrosso spagnolo era di 189,8 euro/MWh. Rispetto allo scorso anno, il prezzo dell’energia elettrica è aumentato del 570 per cento, quasi sette volte in più rispetto ai 43 euro registrati in quel momento.

Il prezzo più alto sarà il giovedì tra le 20:00 e le 21:00, raggiungendo 319,03 euro/MWh, mentre il prezzo più basso si farà registrare tra le 4:00 e le 5:00, a 249,08 euro/MWh.

Questa situazione si sta verificando nel mezzo dell’aumento dei prezzi di tutte le materie prime legate all’energia in tutto il mondo, come gas, petrolio e carbone, che allo stesso tempo innescano l’attivazione dei diritti di anidride carbonica, anche a livelli record.

READ  Dollar chiude oggi 3 settembre 2021 in Messico; tasso di cambio

Tuttavia, il governo ha già approvato un piano shock che conterrà questi aumenti temporaneamente, tagliando le tasse e riducendo alcune entrate straordinarie delle compagnie elettriche, in modo che non si riflettano sulle bollette dei consumatori.

Tuttavia, trattandosi di un problema globale, l’andamento inflazionistico di tutti i tipi di energia può essere trasmesso all’industria, il che può causare pressioni nella sua attività o trasferire i prezzi ai consumatori.

La riduzione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) al 10 per cento, la sospensione dell’imposta del sette per cento sulla produzione di energia elettrica, la detrazione dell’imposta sull’energia elettrica allo 0,5 per cento o il contributo previsto di 2,6 miliardi di euro delle imprese elettriche dal chiamato “bassi profitti dal cielo”, sono alcune misure adottate dal governo spagnolo.

In ogni caso, il prezzo della quotazione pubblicata giornalmente, come ha già avvertito l’amministratore delegato, continuerà su livelli elevati e in rialzo, almeno fino a marzo del prossimo anno, quando queste misure dovrebbero calare. Nel frattempo la bolletta dovrebbe continuare a scendere di prezzi nonostante il rialzo del mercato all’ingrosso.