Settembre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Il proprietario di una fabbrica di succhi in Bangladesh è stato arrestato a seguito di un incendio che ha ucciso 52 persone

“Uno su otto, uno di loro è il proprietario della fabbrica e dei suoi dipendenti”, ha detto Jaitul Alam, sovrintendente di polizia del distretto di Narayanganj in Bangladesh.

Un incendio in una fabbrica di succhi in Bangladesh ha ucciso almeno 52 persone e ne ha ferite almeno altre 50, hanno detto i funzionari venerdì.

L’incendio è divampato giovedì pomeriggio al piano terra di una fabbrica di sei piani della Hashme Foods Limited a Rupganj, a est della capitale Dacca, ha detto il vicedirettore dei vigili del fuoco e della protezione civile Debashis Burden.

La presenza di sostanze chimiche e materiali infiammabili come polietilene e burro chiarificato ha contribuito all’incendio della fabbrica e l’agenzia di stampa statale Bangladesh Sangpat Sangstha ha riferito che è stato molto difficile tenere sotto controllo.

Il BSS ha citato i vigili del fuoco del distretto di Narayanganj e il vicedirettore della protezione civile Abdul Al Arif dicendo che tre persone si sono lanciate dal tetto giovedì a causa delle ustioni nell’incendio. Il tenente colonnello Zillur Rahman, direttore dei vigili del fuoco e della protezione civile, ha detto a PSS che nessuno dei corpi recuperati venerdì era stato identificato.

Ad Al Arif, ogni piano dell’edificio è di circa 35.000 piedi quadrati (3.250 metri quadrati) ma è possibile accedervi solo da due scale, il che significa che molti lavoratori non sono riusciti a uscire quando l’incendio si è propagato alle scale, mentre Reuters ha riferito che uno dei le porte erano chiuse al tetto.

Venticinque persone sono state salvate dall’edificio, hanno detto i funzionari.

Il BSS ha riferito che l’incendio era stato domato venerdì pomeriggio, con i parenti dei lavoratori scomparsi che protestavano fuori e intorno ai locali della fabbrica.

La polizia ha avviato un’indagine sulle cause dell’incendio e sull’alto numero di morti.

Nel 2013, più di 1.000 persone sono state uccise Un’intera fabbrica di abbigliamento è crollata Portare gli standard di sicurezza agli operai della fabbrica del paese nella capitale del Bangladesh – la maggior parte di loro lavora Industria dell’abbigliamento – Attirare l’attenzione.
Quasi 200 marchi e più di 1.600 fabbriche hanno aderito Accordo Promuovere un ambiente di lavoro sicuro per i lavoratori a seguito di un incidente.

Tuttavia, incendi e incidenti sono comuni nelle fabbriche dell’Asia meridionale, molte delle quali operano illegalmente e senza un incendio adeguato e creano standard di sicurezza.

READ  Mercato dei cambi oggi: Falcao arriva in Italia: Club desiderosi di prenderlo | Gli sport

Segnalato da Salman Saeed di Dhaka e Sophie Jeong di Hong Kong, Elaine Lai di San Francisco e Heather La di Atlanta. Amy Udat ha scritto da Londra.