Il proprietario di una fabbrica di succhi in Bangladesh è stato arrestato a seguito di un incendio che ha ucciso 52 persone

“Uno su otto, uno di loro è il proprietario della fabbrica e dei suoi dipendenti”, ha detto Jaitul Alam, sovrintendente di polizia del distretto di Narayanganj in Bangladesh.

Un incendio in una fabbrica di succhi in Bangladesh ha ucciso almeno 52 persone e ne ha ferite almeno altre 50, hanno detto i funzionari venerdì.

L’incendio è divampato giovedì pomeriggio al piano terra di una fabbrica di sei piani della Hashme Foods Limited a Rupganj, a est della capitale Dacca, ha detto il vicedirettore dei vigili del fuoco e della protezione civile Debashis Burden.

La presenza di sostanze chimiche e materiali infiammabili come polietilene e burro chiarificato ha contribuito all’incendio della fabbrica e l’agenzia di stampa statale Bangladesh Sangpat Sangstha ha riferito che è stato molto difficile tenere sotto controllo.

Il BSS ha citato i vigili del fuoco del distretto di Narayanganj e il vicedirettore della protezione civile Abdul Al Arif dicendo che tre persone si sono lanciate dal tetto giovedì a causa delle ustioni nell’incendio. Il tenente colonnello Zillur Rahman, direttore dei vigili del fuoco e della protezione civile, ha detto a PSS che nessuno dei corpi recuperati venerdì era stato identificato.

Ad Al Arif, ogni piano dell’edificio è di circa 35.000 piedi quadrati (3.250 metri quadrati) ma è possibile accedervi solo da due scale, il che significa che molti lavoratori non sono riusciti a uscire quando l’incendio si è propagato alle scale, mentre Reuters ha riferito che uno dei le porte erano chiuse al tetto.

Venticinque persone sono state salvate dall’edificio, hanno detto i funzionari.

Il BSS ha riferito che l’incendio era stato domato venerdì pomeriggio, con i parenti dei lavoratori scomparsi che protestavano fuori e intorno ai locali della fabbrica.

I vigili del fuoco hanno recuperato i resti della vittima.

La polizia ha avviato un’indagine sulle cause dell’incendio e sull’alto numero di morti.

Nel 2013, più di 1.000 persone sono state uccise Un’intera fabbrica di abbigliamento è crollata Portare gli standard di sicurezza agli operai della fabbrica del paese nella capitale del Bangladesh – la maggior parte di loro lavora Industria dell’abbigliamento – Attirare l’attenzione.
Quasi 200 marchi e più di 1.600 fabbriche hanno aderito Accordo Promuovere un ambiente di lavoro sicuro per i lavoratori a seguito di un incidente.

Tuttavia, incendi e incidenti sono comuni nelle fabbriche dell’Asia meridionale, molte delle quali operano illegalmente e senza un incendio adeguato e creano standard di sicurezza.

READ  Italia e Chelsea dominano le raccomandazioni del Pallone d'Oro

Segnalato da Salman Saeed di Dhaka e Sophie Jeong di Hong Kong, Elaine Lai di San Francisco e Heather La di Atlanta. Amy Udat ha scritto da Londra.

Ulderico Palermo
Ulderico Palermo
"Giocatore estremo. Appassionato di twitter. Analista. Pioniere degli zombi. Pensatore. Esperto di caffè. Creatore. Studente."

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles