Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Il regime di Nicolás Maduro e l’opposizione hanno deciso di condannare la xenofobia contro i venezuelani nel terzo giorno di negoziati in Messico.

Il tavolo dei negoziati tra il governo venezuelano e l'opposizione in Messico (Foto: Europa Press)
Il tavolo dei negoziati tra il governo venezuelano e l’opposizione in Messico (Foto: Europa Press)

Lunedì i delegati del regime venezuelano e dell’opposizione hanno mantenuto lunedì e l’ultimo Periodo protuberanza terzo turno Dialogo influenzato dall’incrocio tra dittature Nicola Maturo e Norvegia, che svolge il ruolo di mediatore nel processo a seguito di alcuni Dichiarazioni controverse Dal Primo Ministro Europeo per i Diritti Umani.

Le due parti si sono incontrate e hanno iniziato a discutere i punti importanti dell’ordine del giorno concordato. I vari gruppi di lavoro hanno inoltre tenuto incontri congiunti in cui si sono scambiate posizioni nella ricerca di soluzioni alle sfide sociali, economiche e politiche., dice il documento.

Le delegazioni hanno espresso il loro rifiuto di atti xenofobi contro gli immigrati venezuelani in Cile.

“Questi atti costituiscono una grave violazione dei diritti”, Notare la dichiarazione.

Inoltre, evidenzia che Le delegazioni hanno convenuto sulla necessità di garantire un approccio di genere nello sviluppo del dialogo e negli accordi raggiunti.

Nota che “hanno anche continuato a definire meccanismi di consultazione con gli attori politici e sociali che siano il più inclusivi possibile”.

Verso mezzogiorno (ora locale), la delegazione del regime è arrivata in un albergo nel centro della capitale città del Messico Per incontrare i rappresentanti Piattaforma unificata del Venezuela E continuano i dialoghi, ha riferito un portavoce dell’operazione.

I colloqui tra le due parti avrebbero dovuto riprendere il 24 settembre, ma all’ultimo minuto è stata annunciata la sospensione della seduta dopo i delegati del regime di Maduro. Sabato hanno posticipato il loro arrivo nella capitale messicana.

Il presidente dell'Assemblea nazionale venezuelana, Jorge Rodriguez, tiene in mano un cartello dal volto difficile (Foto: Europa Press)
Il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, Jorge Rodriguez, tiene in mano un cartello dal volto difficile (Foto: Europa Press)

Capo del team di negoziazione del sistema, Jorge Rodriguez, ha dichiarato alla stampa quel giorno che la modifica della data di arrivo era dovuta a un’obiezione con la Norvegia a seguito delle dichiarazioni del Primo Ministro di quel paese, erna SolbergDurante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che Ha messo in dubbio la situazione dei diritti umani in Venezuela.

READ  Germania: il leader del partito di Angela Merkel ha accettato di dimettersi da cancelliere per facilitare la formazione di un governo di coalizione

Rodriguez ha annunciato la fine dell’impasse con il governo europeo dopo che il team di mediatori guidato da Dag NylanderCredevano che l’avrebbero tenuto neutralità durante le trattative. “Ci rammarichiamo che la recente dichiarazione alle Nazioni Unite possa intaccare la fiducia nel nostro ruolo. Nylander ha detto alla stampa che era essenziale che questo processo negoziale si svolgesse tra i venezuelani senza indebite interferenze.

Tra le tensioni sorte nel processo, la squadra di opposizione ha escluso il suo ritiro dal dialogo Ha detto in una dichiarazione che rimarrà in Messico per far avanzare la formazione di a “Tavolo dell’Attenzione Sociale” Essere responsabile dei programmi di nutrizione infantile, trapianto e immunizzazione, tra gli altri punti, e aprire discussioni sulla costruzione del sistema giudiziario.

Nicolas Maduro (Foto: Reuters)
Nicolas Maduro (Foto: Reuters)

La fase precedente dei colloqui era tra 3 e 6 settembre, culminando in un parziale accordo per soddisfare i bisogni sociali della popolazione, con un focus sugli effetti della pandemia di coronavirus.

Analogamente, le parti hanno deciso che tra 24 e 27 settembre Si concentreranno sulla discussione di “sistema giudiziario e rispetto del quadro istituzionale sancito dalla Costituzione”, e continueranno a parlare di Tutela dell’economia nazionale e misure di protezione sociale per il popolo venezuelano, compresi i Diritti Speciali di Prelievo forniti a tal fine dal Fondo Monetario Internazionale.

L’annuncio di Saab che si è unito alla squadra della dittatura ha causato un tumulto nel processo. NSFinora non si sa se la decisione definitiva possa essere presa perché l’imprenditore colombiano, identificato dal regime come “Ho inviato diplomatico“chi era responsabile della trasformazione degli acquisti alimentari all’estero per un programma governativo, è detenuto in testa verde In attesa delle autorità giudiziarie del Paese africano Decidere se estradarlo negli Stati Uniti, dove sarà processato per presunto riciclaggio di denaro.

READ  Gli Stati Uniti hanno condannato la sentenza che ha permesso a Bukele di essere immediatamente rieletto in El Salvador

Gli analisti hanno considerato la decisione della dittatura chavista come prova a stringere Per costringere l’opposizione a lasciare il tavolo.

Dopo cinque tentativi falliti di dialogo in passato Sette anni, la comunità internazionale scommette che questa volta si aprirà la strada ad a soluzione negoziata E campagne elettorali per la complessa crisi economica e sociale in Venezuela, che ha portato ad essa Sei milioni di persone hanno lasciato il Paese negli ultimi anni.

In conformità con i termini del Memorandum d’intesa firmato il 13 agosto, questi dialoghi affrontano a ampia agenda che includerà la definizione di garanzie elettorali e un calendario delle elezioni che può essere monitorato; Revocare le sanzioni imposte da Washington. ripristino dei diritti sui beni; rispetto dello Stato di diritto; convivenza politica e sociale. Rinuncia alla violenza. Risarcimento delle vittime di violenza e tutela dell’economia e della popolazione.

Come il processo del 2019, Norvegia Condividi come mediatore. per questa parte, Russia e olandese Sono compagni delle delegazioni di Maduro e dell’opposizione guidata da Guaido.

da più di un decennio, Il Venezuela sta affrontando una complessa situazione economica, sociale e politica che è stata esacerbata lo scorso anno dalla crisi causata dalla pandemia di coronavirus.Esacerbare la paralisi economica, l’iperinflazione a quattro cifre, la povertà e il collasso del sistema sanitario.

(con informazioni sull’AP)

Continuare a leggere: