Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Il ruolo delle scienze sociali

Juan Perez de la Riva. Foto: Archivio.

Nel suo lavoro e discorso, il presidente Miguel Diaz-Canel Bermúdez insiste sulla necessità di collegare il vasto potenziale della conoscenza accumulata con il processo decisionale al fine di trovare risposte efficaci alle sfide che affrontiamo oggi.

La sua retorica si basa sui risultati tangibili ottenuti nelle biotecnologie con la produzione di vaccini, un’invasione inimmaginabile di qualsiasi paese del terzo mondo sotto implacabili e prolungate vessazioni economiche. Ora abbiamo i benefici della strategia che Fidel ha progettato dopo la vittoria della rivoluzione, quando è stata lanciata una campagna di alfabetizzazione, l’università riformata e, allo stesso tempo, la creazione di istituti di ricerca scientifica altamente avanzati e un sistema di borse di studio salva-talento sparsi per il paese.

Rafforzare la biotecnologia si traduce nella lotta all’epidemia, nella promozione di posti di lavoro altamente qualificati e nella produzione di beni con un grande valore aggiunto. Comportamenti simili possono essere applicati anche ad altri settori, come l’agricoltura, la pressione per il benessere che le nostre persone richiedono e l’apertura ai mercati esteri.

Riconoscere il ruolo dell’alta tecnologia non significa ignorare il peso critico di chi costruisce pazientemente il lavoro quotidiano delle proprie mani e della propria mente oltre la terra e alla base della piramide. Per questo è necessario mantenere aggiornata la diagnosi dei pro e dei contro di una realtà sociale complessa e in continua evoluzione, e per questo, fatti salvi i necessari investimenti, condurre un nuovo censimento della popolazione e delle abitazioni .

L’analisi demografica non si limita alla semplice aggregazione statistica. Per comprendere chi siamo e le condizioni che regolano la nostra esistenza fisica e spirituale, le informazioni devono essere oggetto di esame da parte di altre discipline delle scienze sociali. Così ci ha insegnato lo storico e demografo Juan Pérez de la Riva, figura unica che merita di essere salvata dall’oblio rileggendo opere fondanti, come l’immancabile lavoro in caserma, necessario per valutare le drammatiche conseguenze di una storica storia. Eredità, formazione di mentalità ed espressioni della cultura della povertà.

READ  Scienza e cultura nel terzo rapporto, riferimenti superficiali e insufficienti - La Crónica de Hoy

Juan Perez de la Riva è nato in una culla d’oro. Cinque membri della sua piccola famiglia sono scomparsi nell’enorme spazio del palazzo ora destinato al Museo della Musica. Anima sensibile, aderita alla causa degli umili. Si presentò per imparare il marxismo e si oppose alla dittatura di Machado. Nato per caso in Francia, questo evento è servito come pretesto per la sua espulsione da Cuba come straniero indesiderato.

Il suo soggiorno in Europa gli ha aperto gli occhi sulle tendenze moderne della demografia e della storia. Al suo ritorno sull’isola, si dedicò alla conduzione della sua azienda agricola nelle zone intorno alla Sierra del Rosario. Conosceva in prima persona la difficile condizione del contadino. Quando la rivoluzione fu vittoriosa, prima della riforma agraria, rinunciò alla sua terra e venne all’Avana in cerca di lavoro. Da allora si è dedicato alla ricerca e alla formazione delle nuove generazioni. Lui ei suoi studenti hanno svolto lavoro sul campo nelle regioni più violente del paese.

Lingua, educazione, interdipendenza culturale e tradizioni storiche condivise assicurano l’unità della nazione. Ma ignorare il peso delle differenze regionali sarebbe un errore di prospettiva. Juan Perez de la Riva ha analizzato questo fatto.

A causa della preferenza per il passaggio delle flotte, L’Avana si arricchì dei benefici di una prima economia di servizi. Più tardi, la tratta degli schiavi divenne una fonte di accumulo di capitale che diede impulso all’industria dello zucchero nella parte occidentale del paese. D’altra parte, la regione orientale è sopravvissuta alla precaria produzione di piccoli frutti e al commercio di contrabbando con i Caraibi, fino a quando non è stata sostituita da estese piantagioni di canna da zucchero e bestiame che hanno esposto i coloni a un pesante sfruttamento. Da qui nacque la migrazione interna, spinta dal miraggio fornito dall’aspetto luccicante della capitale. Lo storico ed esperto demografico ha sottolineato che negli anni Sessanta sono state attuate politiche di sviluppo urbano con l’obiettivo di migliorare l’ambiente nelle vecchie province.

READ  La Jornada - Entra in carica il nuovo direttore della Facoltà di Scienze dell'UNAM

Come riferimento necessario per il processo decisionale, la demografia fornisce una sintesi del comportamento di una società in un determinato momento. In essa convivono oggi e ieri, fattori oggettivi e soggettivi. Per interpretare appieno i dati, è necessario un approccio interdisciplinare e interdisciplinare per tutte le scienze sociali, dalla storia, economia e sociologia alla psicologia sociale e all’antropologia. Un’analoga prospettiva di integrazione della conoscenza sarebbe molto utile per progettare azioni in corso nei nostri paesi più vulnerabili.

La soluzione dei problemi più urgenti richiede l’adozione di misure che, nel medio termine, portino a cambiamenti fondamentali nelle mentalità della popolazione, come paladini consapevoli di modificare la propria realtà.