Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Juventus vs Sampdoria, riassunto partita, gol, dettagli, Serie A, box partenza | serie

La Juventus vince, è vero. Soffre, ha seri problemi difensivi, ma al piano di sopra è efficace e questo fa tutto. Ma la preoccupazione ora non sono i punti ma gli infortuni.

Il Torino, che inizialmente aveva Juan Guillermo Cuadrado, è tornato al ruolo di terzino destro, vincendo 3-2 con più che fatica e con pesanti sconfitte nella sfida di Champions League.

Al 9′ la Juventus si stava già acclimatando alla partita, quando Locatelli riduce a Dybala e spara un gran tiro che si infila sul palo. Ma … pochi minuti dopo l’argentino è stato ferito in lacrime. Lui e Allegri hanno faticato a pensare a tutto quello che sarebbe successo.

Grande costernazione per la Sampdoria per un fallo crudele su Cuadrado, che ha provocato una brutta caduta, e ha incoraggiato nuovamente l’ospite.

Ma arriva la mano di Moro e ordina al VAR di calciare il rigore di Bonucci al 43. Insomma, è chiaro, perché dopo un minuto Quagliarella ha inferto un calcio d’angolo che Yoshida ha chiuso alla perfezione con il gol del 2-1.

A 57 anni, quando sembrava vicino al pareggio con la Sampdoria, Locatelli ha fatto tutto bene: ha dato a Chiesa un passaggio lussuoso, non riusciva mai a colpire la palla, e poi sembrava finire un difensore centrale alle spalle di Kulusevsky e segnare un 3-1 che sembrava definitivo.

Nel 73 arriva un gran tiro di Betancourt, la miglior reazione del portiere per centrare la porta dell’arbitro.
È stata una nuova partita corretta per Cuadrado, che aveva solo due posizioni ma ha permesso a tutti nella Sampdoria avversaria, eppure è stato il più capace di recuperare in una difesa poco sicura.

READ  Lo sport cubano piange la morte di Geraldo "Maravella" Gonzalez

Morata ha colpito di sinistro, dieci minuti dopo la fine, lo ha messo fuori gioco: ha subito dato l’allarme chiedendo il cambio e andando dritto negli spogliatoi, con sul radar la partita di Champions League di mercoledì contro il Chelsea.

A 83 anni è Candreva a non mollare la partita e ad approfittare di un nuovo svarione della Juventus per segnare il 3-2.

In questo modo la Juventus garantisce la vittoria nel campionato italiano, ma aggiunge 10 gol subiti in 6 partite ed è ancora lontana dalle capolista Milan e Napoli.