Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La Corea del Sud deve concedere uno status legale agli animali per combattere l’abuso e l’abbandono

SEOUL, 19 agosto (Reuters) – Un pomerania Jin-Hui color crema è stato sepolto vivo e morto nel 2018 nella città portuale sudcoreana di Busan.

Al momento non sono state presentate accuse contro il suo proprietario, ma coloro che abusano di animali e abbandonano gli animali domestici dovranno presto affrontare gravi sanzioni perché la Corea del Sud ha intenzione di modificare il codice civile per dare uno status legale agli animali, il direttore generale del ministero della Giustizia Chong Jae -min, un consulente legale, ha detto a Reuters in un’intervista.

L’emendamento, che dovrebbe essere approvato dal parlamento, durante la sua prossima riunione ordinaria a settembre, creerà la Corea del Sud in una manciata di paesi che riconoscono gli animali come creature, con il diritto alla protezione, al benessere e al rispetto della vita.

Poiché il numero di casi di abuso sugli animali è aumentato da 69 nel 2010 a 914 nel 2019, secondo i dati diffusi dall’Ufficio legislativo, arriva l’impulso per l’emendamento, che ha raccolto più di 10 milioni di persone in 52 milioni di paesi.

Secondo la legge sulla protezione degli animali della Corea del Sud, chi abusa degli animali rischia fino a tre anni di carcere o una multa fino a 30 milioni (25.494 dollari), ma gli standard in base ai quali l’animale viene trattato sono bassi, secondo l’attuale quadro giuridico , ha detto Chong.

Una volta che la legge civile dichiarerà che gli animali non sono semplicemente cose, ci saranno maggiori opportunità per giudici e pubblici ministeri di determinare le sentenze, ha affermato.

La proposta ha suscitato il sospetto della Korea Pet Industry Retail Association, che ha sottolineato che esistono già leggi in vigore per proteggere gli animali.

READ  Giovani fascisti che hanno violentato e torturato due donne

“L’emendamento richiederà solo misure per regolamentare il settore rendendo più difficile l’allevamento di animali domestici, il che influenzerà notevolmente non solo l’industria ma la comunità nel suo insieme”, ha affermato Kim Kyung-se, direttore generale dell’associazione.

Kim Jia-yeng, manager dello zoo di cani e gatti abbandonati, Jin-Hui, un cane di Pomerania di cinque anni, salvato dalla metropolitana ad Ansong, in Corea del Sud, l’11 agosto 2021. Reuters / Minwoo Park

Chong ha affermato che il codice civile rivisto aprirà la strada a iniziative di follow-up come i pacchetti di assicurazione sulla vita per gli animali e il recupero e la segnalazione di omicidi stradali.

È probabile che l’emendamento venga approvato, ha affermato Park Hong-kyun, un legislatore che presiede il Parlamento per il benessere degli animali, che ha affermato che esiste un diffuso consenso sociale sul fatto che gli animali dovrebbero essere protetti e rispettati come creature viventi in armonia con le persone.

I gruppi per i diritti degli animali hanno accolto con favore il piano del ministero della Giustizia di imporre pene più severe e il divieto di carne di cane per coloro che abbandonano o torturano gli animali.

“L’abuso, l’abbandono e l’abbandono degli animali domestici non sono migliorati nella nostra comunità”, ha affermato Seon Xin-kyung, capo dell’avvocato coreano per i diritti degli animali.

Nonostante un leggero calo lo scorso anno, secondo l’Animal and Plant Isolation Institute, l’Istituto per l’isolamento di animali e piante è passato da 89.732 casi nel 2016 a 130.401 nel 2020. Ci sono 6 milioni di cani domestici e 2,6 milioni di gatti in Corea del Sud.

READ  La tempesta tropicale Grace si sviluppa nell'Atlantico mentre Fred si indebolisce temporaneamente

Con grandi occhi tristi, Jin-Hui, che significa “vera luce” in coreano, ora trascorre del tempo con altri cani in un rifugio per animali a sud di Seoul.

“Il suo proprietario ha perso le staffe e ci ha detto di seppellire vivi i suoi figli. Dopo la chiamata non abbiamo potuto salvarlo, ma il proprietario non è stato punito perché il cane è stato riconosciuto come un oggetto che gli apparteneva”, ha detto Kim Jia-jung, 55 anni. , il gestore del rifugio.

“Gli animali non sono assolutamente oggetti.”

($ 1 = 1.176,76 vinti)

Rapporto di Sangmi Cha, Minwu Park, Dewang Kim; Karishma Singh Modifica

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.