Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La data della lotteria Visa 2023 e il Venezuela è fuori dalla lotteria | Notizie sull’immigrazione di Univision

Il Lotteria dei visti Per l’anno fiscale 2023 ha già una data. Il Ministero degli Affari Esteri (DOS) ha annunciato venerdì che la finestra per la ricezione delle domande si apre alle mezzogiorno del 6 ottobre e chiudi il file mezzogiorno del 9 novembre.

Il sorteggio garantisce 55.000 residenza legale permanente (carta verde o carta verde) tra milioni di concorrenti provenienti da cinque continenti, una delle più grandi competizioni di questo tipo al mondo.

L’eccezione quest’anno è che Il Venezuela si è lamentato dei paesi autorizzati a partecipare, insieme a Brasile, Colombia, El Salvador, Haiti, Honduras, Giamaica e Repubblica Dominicana.

Sono esclusi dall’elenco anche Canada, Cina (inclusa Hong Kong), Corea del Sud, Nigeria, Pakistan, Filippine e Regno Unito e i loro territori (esclusa l’Irlanda del Nord).

Perché sono stati esclusi?

L’Ufficio degli affari consolari del DOS ha stabilito che quei paesi che hanno inviato più di 50.000 immigrati negli Stati Uniti negli ultimi cinque anni sono “esclusi dalla lotteria dei visti”.

Il regolamento specifica inoltre che i cittadini di paesi con tassi di immigrazione storicamente bassi negli Stati Uniti possono essere ammessi a partecipare.

“Se non sei cittadino di un paese con tassi di immigrazione storicamente bassi negli Stati Uniti, ci sono altri due modi in cui puoi qualificarti”, aggiunge.

Le forme accettabili sono:

DOS ha pubblicato sulla sua pagina digitale un file Regole della concorrenza, che cominceranno a ricevere le loro domande per via elettronica.

Tra gli 11 e i 14 milioni di concorrenti provenienti da tutto il mondo partecipano ogni anno all’estrazione della lotteria dei visti, che è completamente gratuita e puoi partecipare solo inserendo Sito del Ministero degli Affari Esteri Nelle date dall’apertura della finestra di ricezione della domanda fino alla chiusura.

Come nelle precedenti estrazioni, il governo ha indicato che la lotteria dei visti è aperta solo a persone provenienti da paesi che soddisfano determinati requisiti, inclusi studi o esperienza lavorativa, indipendentemente dal fatto che abbiano completato la scuola superiore o equivalente o che abbiano due anni di esperienza lavorativa.

I partecipanti che non soddisfano i requisiti “non devono registrarsi al programma DV-2023”, fare riferimento al regolamento del concorso

La domanda di partecipazione alla Lotteria dei visti 2023 deve essere compilata in inglese. (Il documento sarà disponibile a partire da mezzogiorno del 6 ottobre sul sito web del DOS.)

Il Dipartimento di Stato avverte inoltre che, nel rispetto delle regole di concorrenza, saranno accettati solo i moduli presentati fino al termine di chiusura, mezzogiorno del 9 novembre.

“Nessuna domanda sarà accettata dopo questo termine”, ha detto.

I finalisti per l’estrazione della lotteria dei visti del 2023 riceveranno una notifica per posta tra maggio e luglio 2022.

Da quando è stato effettuato il sorteggio nel 2013, DOS non ha inviato notifiche di preselezione via e-mail (e-mail). Ora lo fa tramite il servizio postale degli Stati Uniti.

Il Ministero degli Affari Esteri ha registrato nell’ultima estrazione:

  • Sorteggio 2016: 17.573.364 partecipanti
  • Disegno 2017: 19,344,586 partecipanti
  • Estrazione 2018: 23.088.613 partecipanti

E i non registrati?

Tutto dipende dal fatto che tu sia all’interno o all’esterno degli Stati Uniti e non sia mai stato registrato.

“Molte persone pensano che, poiché vincono una delle carte verdi, tutto si concretizza e non è così”, avverte Nelson Castillo, un medico legale dell’immigrazione che lavora a Los Angeles (California).

“Se è all’interno degli Stati Uniti, ci sono due possibilità”, aggiunge.

“Se passi alla fase successiva e hai questa meravigliosa opportunità di richiedere un visto di immigrazione e poi ottenere una carta verde, allora dovresti valutare se puoi farlo nel paese o all’estero, con la consulenza di un avvocato”.

Castillo afferma anche che “è anche necessario determinare se una persona ha precedenti di immigrazione e/o penale prima di fare il passo successivo, perché se se ne va e viola la legge sull’immigrazione, ad esempio a causa della presenza irregolare, non sarà in grado di ritorno, possibilmente per diversi anni.” “.

“Ogni caso è unico e delicato e devi stare molto attento”, ha detto in seguito.

Nel caso di persone non registrate, ma che si trovano al di fuori degli Stati Uniti e sono passate alla seconda fase della lotteria dei visti, “dovrebbero anche parlare con un avvocato perché potrebbero avere un’immigrazione e/o precedenti penali”.

“Come nel primo caso, non dovrebbero presentare o inviare nulla al governo senza prima consultare un consulente legale per valutare il file”, ha spiegato Castillo.

Ha concluso che “molti pensano che allontanarsi sia facile, che abbiano già ottenuto la residenza, ma nelle fasi successive ci sono dei requisiti da rispettare e alcuni di essi sono complessi”.