Settembre 22, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La dittatura cubana ha ampliato l’invio di medici all’estero nonostante il crollo del sistema sanitario dell’isola a causa del COVID-19

I medici cubani hanno sventolato bandiere cubane e italiane l’anno scorso quando sono tornati a casa dopo una missione per aiutare a combattere il coronavirus in Italia (foto di Yamil Lage Alliance)

Questa settimana, la dittatura cubana ha annunciato che 23 medici si sono uniti alle brigate che operano ad Haiti e in Ghana, a volte quando Il sistema sanitario dell’isola è crollato a causa dell’aumento dei casi di COVID-19.

Di questo numero totale di professionisti, 11 membri dell’Henry Reeve International Unit of Physicians in Disasters and Serious Epidemics sono stati inviati aAiuta il popolo haitianomentre altri 12 operatori sanitari si sono uniti alla Brigata Medica Cubana in Ghana.

Secondo il cancello 14 Medie Didier Alvarez MorejonHa detto alla testa della brigata ad Haiti che a causa del “terremoto e delle forti piogge” che la nazione ha subito, eranoSono stato chiamato in brevissimo tempo per aiutare questo paese e supportare anche il business“Uno dei bagni che sono lì da molto tempo.

Quattro giorni prima di questo annuncio, il ministro della Salute della dittatura, Jose Angel Portal MirandaHa sottolineato che i membri della brigata di Henry Reeve “Sono i medici del mondo, ma soprattutto sono i medici di Cuba. Donne e uomini che si distinguono per la solidarietà e l’amore per l’umanità». 37 gabinetti inviati da Matanzas a Las Tunas e Artemisa Per sostenere la lotta al COVID-19.

Per quanto riguarda i collaboratori in Ghana, il loro arrivo arriva dopo il rinnovo dell’accordo di cooperazione sanitaria tra i due Paesi il 12 luglio.

Il sito web di Portal Miranda ha dichiarato il 19 agosto che durante l’anno e mezzo della pandemia, migliaia di professionisti cubani erano in 57 brigate, “Ha aiutato 40 paesi a fornire servizi sanitari dignitosi ai propri cittadini“.

READ  PP propone programmi per formare professionisti della salute nella medicina di precisione

Tutto questo sta accadendo mentre il sistema sanitario dell’isola sta collassando a causa dell’aumento dei casi di coronavirus. Cuba affronta un paradosso: è il paese che guida la corsa ai vaccini COVID-19 in America Latina, ma Gli operatori sanitari deplorano l’abbandono del sistema e le condizioni precarie al sistema sanitario.

La situazione peggiora con il passare dei giorni‘ Ha detto di Infobae Neurochirurgo il mese scorso Alexandre BoboUno dei critici più importanti del sistema sanitario dell’isola. “A Cuba, il COVID-19 sta davvero colpendo insieme ad altre epidemie, come la scabbia, la carestia, ed è criminale”, ha detto.

È un disastro completo. Qui è crollato tutto, e il sistema sanitario di tutto il Paese è al collasso completo‘aggiunse il dottore Manuel Guerra, ostetrico del dispensario Buenaventura di Holguín, noto anche per le sue frequenti lamentele sui social network.

Mettere un paziente in un'ambulanza all'Avana (EFE / Ernesto Mastrascusa)
Mettere un paziente in un’ambulanza all’Avana (EFE / Ernesto Mastrascusa)

casi quotidiani

Cuba venerdì ha riportato una leggera diminuzione dei casi giornalieri di COVID-19 con 7.639, rispetto agli 8.509 del giorno prima, sebbene mantenga alto il bilancio delle vittime con 82 nuovi decessi confermati.

Il Ministero della Salute Pubblica (MINSAP) ha riferito che 627.311 persone sono state infettate e 4.984 sono morte da marzo dello scorso anno quando hanno rilevato il primo caso positivo di SARS-Cov-2 nel Paese.

Il ministero della Salute ha affermato che dei 7.639 casi di ieri, la fonte di infezione all’estero era 34, il che riflette il fatto che hanno analizzato 55.138 campioni per diagnosticare nuovi pazienti.

105.128 persone sono state ricoverate in ospedali, centri e case autorizzate: 47.131 casi attivi – 138 critici e 323 gravi – e 53.747 casi sospetti, e il resto è sotto sorveglianza epidemiologica.

READ  Firma digitale dei membri del Consiglio professionale delle scienze economiche

L’isola dove vivono 11,2 milioni di persone, Ha mostrato uno dei più alti tassi di infezione al mondo con 1.207 casi per 100.000 abitanti negli ultimi 15 giorni.

dalle contee, La maggior parte dei casi si è concentrata a Pinar del Rio Ovest (914) e L’Avana (911)., seguito da Holguin (Est) con il n. 710.

Cuba sta sviluppando uno studio sull’intervento sanitario nelle aree ad alto rischio con i vaccini Abdala e Soberana 02. Quest’ultimo ha ricevuto l’autorizzazione per l’uso in emergenza con Soberana Plus.

Finora più di tre milioni di persone hanno ricevuto le tre dosi necessarie di queste combinazioni contro il virus Corona.

Il paese non fa parte del meccanismo Covax istituito dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’accesso ai vaccini da parte dei paesi a basso e medio reddito e non li ha acquistati sul mercato internazionale.

Diverse persone indossano una maschera mentre camminano in una strada dell'Avana (EFE / Ernesto Mastrascusa / File)
Diverse persone indossano una maschera mentre camminano in una strada dell’Avana (EFE / Ernesto Mastrascusa / File)

Al Jazeera ha ricevuto aiuti umanitari dall’Italia

Un aereo dall’Italia con un carico utile di circa 30 tonnellate di forniture mediche, attrezzature e materiali sanitari Per aiutare a combattere il COVID-19, è arrivato all’Avana giovedì.

Il portale ha indicato che la donazione al sistema sanitario cubano – del valore di circa 1,5 milioni di euro (circa 1,7 milioni di dollari) – è stata coordinata dalla Federazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL) e dall’Agenzia per gli Scambi Culturali ed Economici con Cuba (Aicec). Cubadibattito.

La spedizione consiste in 150 respiratori polmonari, attrezzature mediche, medicinali e forniture mediche.

La mobilitazione promossa da sindacati, lavoratori, pensionati e studenti ha aumentato le risorse e acquistato forniture mediche, che sarà consegnato principalmente agli ospedali delle province occidentali dell’Avana e Matanzas, e agli stabilimenti di Cienfuegos e Ciego de Avila, Holguín, Santiago de Cuba e Guantanamo nell’estremo oriente della regione.

READ  Migliora la circolazione delle gambe con questi esercizi

L’iniziativa è stata organizzata sotto il titolo “Ci hai aiutato ieri, oggi tocca a noi”, un ricordo dell’assistenza sanitaria fornita dal generale medico cubano Henry Reeve nelle città italiane di Crema e Torino durante la prima ondata dell’epidemia.

Lo aveva pianificato la delegazione italiana che ha portato la donazione da Milano Supportare la classificazione e la distribuzione del carico di lavoro, E anche Terranno incontri con medici, artisti e leggende dello sport cubani che hanno sostenuto la campagna in Italia Visiterò Istituto Finlay, una delle istituzioni scientifiche dell’isola che produce vaccini contro il virus Corona.

Dalla fine dello scorso luglio, paesi come Messico, Bolivia, Cina, Venezuela, Giamaica, Nicaragua, Canada, Vietnam, Panama e organizzazioni di solidarietà degli Stati Uniti hanno inviato cibo, attrezzature e forniture mediche per aiutare a mitigare il complesso scenario epidemico in Cuba.

Questo aiuto arriva quando Il paese caraibico sta attraversando una grave crisi economica e gravi carenze Di prodotti e medicinali essenziali, ora esacerbati dal COVID-19, che ha generato un’acuta ansia scoppiata l’11 luglio in una serie di proteste cittadine sull’isola.

Continuare a leggere: