Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La Missione delle Nazioni Unite in Venezuela ha concluso che la giustizia del regime di Maduro ha facilitato la persecuzione e la tortura degli oppositori

Una repressione della protesta in Venezuela nel 2017 (Reuters/Carlos Garcia Rollins)
Una repressione della protesta in Venezuela nel 2017 (Reuters/Carlos Garcia Rollins)

Il Una missione conoscitiva internazionale indipendente Per quanto riguarda la Repubblica Bolivariana del Venezuela ha presentato a rapporto difficile al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Nelle sue conclusioni più importanti, mette in evidenza che lo Stato (regime di Nicolas Maduro)”Non sono state prese misure concrete, specifiche e progressive per affrontare le violazioni dei diritti umani“.

Il sistema giudiziario ha svolto un ruolo importante nella repressione statale degli oppositori del governo piuttosto che nel fornire protezione alle vittime di violazioni e crimini dei diritti umani., ha sottolineato.

Nel suo secondo rapporto, la missione ha affermato in dettaglio:Come le carenze nel sistema giudiziario hanno coinciso con il modello di gravi violazioni dei diritti umani e crimini secondo il diritto internazionale Nel contesto di una politica statale per mettere a tacere, scoraggiare e soffocare l’opposizione al governo dal 2014”.

Nel bel mezzo di una profonda crisi dei diritti umani in Venezuela, L’indipendenza della magistratura è stata gravemente erosaCiò ha messo a repentaglio il loro ruolo nel raggiungimento della giustizia e nella protezione dei diritti individuali”. Marta ValeniasIl capo della missione è stato citato in un comunicato.

La missione è stata istituita dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite nel 2019 per indagare sulle violazioni dei diritti umani contro accusati oppositori del regime di Maduro.

“Secondo la nostra ricerca più recente, ci sono ragionevoli motivi per ritenere che, a causa dell’aumento della pressione politica, Giudici e pubblici ministeri, attraverso le loro azioni e omissioni, hanno svolto un ruolo importante nelle gravi violazioni dei diritti umani e nei crimini commessi da vari attori statali in Venezuela.Valiñas ha detto nella dichiarazione.

La missione ha indicato che ha svolto177 interviste, molti dei quali con attori del sistema giudiziario, nonché in un sondaggio tra giudici, pubblici ministeri, avvocati ed ex avvocati difensori venezuelani”.

L’ha fatto anche luiAnalisi completa di migliaia di pagine di atti giudiziari e altri documenti ufficialie basato su183 arresti di oppositori e oppositori reali o presunti del governo“Tra il 2014 e l’agosto 2021, documentato”Violazioni che gettano un’ombra in tutte le fasi del procedimento penale“.

READ  I leader militari in Cina e India si sono incontrati per ridurre le tensioni nella regione di confine contesa

Venezuela, governato da Maduro dal 2013, Stai vivendo una catastrofe sociale ed economica Che, secondo l’ultimo aggiornamento delle Nazioni Unite, 6 milioni di persone sono state costrette a lasciare il Paese negli ultimi anni.

Mediato dalla Norvegia, il regime di Maduro e l’opposizione guidata da Juan Guaido, riconosciuto presidente di cinquanta paesi, ad agosto hanno avviato un processo di negoziati politici in Messico per far uscire il Venezuela dalla crisi.

Il rapporto si concentra sul sistema giudiziario venezuelano (Reuters/Edgard Garrido/Archivo).
Il rapporto si concentra sul sistema giudiziario venezuelano (Reuters/Edgard Garrido/Archivo).

Riepilogo rapporto

Il rapporto si concentra sul sistema giudiziario venezuelano. “Ciò include questioni relative all’indipendenza, il suo ruolo nell’investigare e perseguire gli oppositori e gli oppositori reali e presunti del governo e il suo ruolo nel perpetuare l’impunità per le violazioni dei diritti umani e i crimini contro di loro”, osserva la lettera pubblicata giovedì.

Spiega: “La missione continua ad esaminare casi di esecuzioni extragiudiziali, sparizioni forzate, detenzioni arbitrarie, tortura e trattamenti crudeli, inumani e degradanti, compresa la violenza sessuale e di genere, verificatisi in altri contesti del Paese, e riferirà su questi durante il suo lungo mandato”.

I suoi punti principali:

– La capacità del sistema giudiziario di proteggere i diritti umani e prevenire i crimini commessi dallo Stato contro settori della popolazione venezuelana ha iniziato a sgretolarsi prima del mandato conferito alla missione, iniziato nel 2014. Tuttavia, da allora, Il governo ha beneficiato del sistema già in vigore e ha continuato a costruire su di esso..

La selezione e la disciplina dei giudici, dei giudici e dei pubblici ministeri al di fuori degli obblighi previsti dalla Costituzione del 1999 e dalle leggi successive, e in particolare, la nomina e la revoca dei giudici e dei pubblici ministeri ad interim dai loro incarichi al di fuori delle procedure d’ufficio Particolarmente pregiudizievole per l’indipendenza del sistema giudiziario.

– La Missione ha fondati motivi per ritenere che nei casi analizzati i giudici e i pubblici ministeri, anziché assicurare, Agli oppositori reali o presunti del governo sono stati negati i diritti, per essere stato sottoposto ad ingerenza interna alla gerarchia dell’autorità giudiziaria o del Pubblico Ministero. Le irregolarità sono particolarmente diffuse nei casi portati dinanzi a corti e tribunali con giurisdizione specializzata in casi di terrorismo.

READ  Corismo vuole indagare sulle carte di Pandora di nome Guillermo Lasso | Politica | Notizia

– La Missione ha fondati motivi per ritenere che giudici e pubblici ministeri Hanno ignorato il loro dovere di proteggere gli oppositori reali o presunti del governo da arresti e detenzioni arbitrari senza un ordine del tribunale. Spesso li giustificano con il pretesto della colpa contro ciò che potrebbe derivare dai fatti.

L’emissione di ordini di custodia cautelare è stata utilizzata di routine piuttosto che come misura eccezionale, senza che fosse fornita una giustificazione adeguata o sufficiente.. In alcune occasioni, gli ordini di detenzione sono stati emessi nelle strutture SEBIN o DGCIM nonostante il rischio di atti di tortura, e anche quando i detenuti hanno presentato segni di tortura in aula.

– La Missione ha fondati motivi per ritenere che giudici e pubblici ministeri Ha svolto un ruolo importante negli arresti arbitrari. Hanno basato i loro mandati d’arresto, la detenzione preventiva e le accuse su fatti e prove che non comportano atti criminali o in base ai quali la partecipazione dell’individuo non può essere individuale. In alcuni casi, gli arresti e le accuse sono stati supportati da prove manomesse, fabbricate o ottenute attraverso la tortura o la coercizione.

I reiterati ritardi procedurali oltre i termini stabiliti dalla legge hanno determinato, come effetti negativi, il prolungamento della carcerazione preventiva e di altre misure cautelari con effetti devastanti sulla vita degli indagati, compresa la loro salute fisica e psichica e dei loro familiari.

– La missione ha fondati motivi per ritenere che gli attori del sistema giudiziario Hanno anche negato ai detenuti il ​​diritto alla rappresentanza legaleRifiutò il permesso di nominare una difesa privata, insistendo invece che fossero rappresentati da una difesa pubblica. Ai rappresentanti legali è stato negato l’accesso a documenti giudiziari cruciali.

– in genere, Lo Stato non ha adottato misure concrete, tangibili e progressiste per affrontare le violazioni dei diritti umani, combattere l’impunità e riformare le vittime attraverso indagini e procedimenti giudiziari interni.. Le informazioni ufficiali sono scarse, ma tutte le prove disponibili indicano che il numero di procedimenti penali nazionali per crimini legati alle violazioni dei diritti umani è basso e limitato ai partecipanti di basso rango.

READ  20.000 dollari per una casa in Venezuela: il controverso affare per "Youtube" Luisito Comunica

La Missione riconosce alcuni dei recenti progressi annunciati dal governo, tra cui i seguenti: il 12 maggio 2021 sono stati emessi ordini per trasferire i detenuti in custodia della DGCIM e del SEBIN ai centri di detenzione della DGS. Il 29 aprile 2021, la Corte Suprema ha adottato un piano di razionalizzazione per accelerare le procedure giudiziarie per le persone detenute nelle stazioni di polizia. Il 21 giugno 2021 è stato annunciato che sarebbe stato formato un comitato speciale per affrontare i ritardi procedurali e il sovraffollamento delle carceri. Occorre più tempo per valutare l’attuazione delle azioni annunciate.

La missione ha fondati motivi di ritenere che, se la Procura e l’Autorità giudiziaria hanno pienamente e integralmente assolto alla loro funzione costituzionale Avrebbe potuto impedire la commissione di molti di questi crimini e violazioni O, almeno, potrebbero creare gravi ostacoli per impedire ai membri dei servizi di pubblica sicurezza e di intelligence dello stato di commetterli.

La missione ha fondati motivi per crederlo Il sistema giudiziario ha svolto un ruolo importante nella repressione statale degli oppositori del governo piuttosto che nel fornire protezione alle vittime di violazioni e crimini dei diritti umani. Gli effetti del deterioramento dello Stato di diritto si estendono al di là dei diretti interessati, interessano l’intera società.

Le conclusioni dettagliate includevano 45 raccomandazioni, per un’azione urgente, indirizzate alla Corte Suprema di Giustizia, ai giudici penali, al Pubblico Ministero, alla Procura Militare, al Consiglio dei Reclami, all’Assemblea Nazionale e all’Autorità Esecutiva.

testo intero

Continuare a leggere: