Settembre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La Nación / La lunga strada verso la scienza del clima

E se l’atmosfera terrestre fosse arricchita di anidride carbonica? Nel 1856, l’americano Eunice Foot, quasi per caso, sperimentò le basi del cambiamento climatico, gettando le basi per la scienza che oggi tenta di prevedere gli effetti del riscaldamento globale.

Lo scienziato ha riempito cilindri di vetro con diverse miscele di gas e ha scoperto che i cilindri contenenti anidride carbonica (CO2) trattengono più calore di altri. Ha notato nel suo rapporto, che è stato pubblicato sull’American Journal of Science and Arts, “L’atmosfera composta da questo gas aumenterà la temperatura della Terra”.

Leggi tutto: Il Ministero delle Finanze spiega cos’è l’IVA

Le sue ricerche coincidono con la data del 1850, che oggi funge da riferimento per il calcolo dell’evoluzione delle temperature in relazione al periodo preindustriale, così come gli esperti climatici delle Nazioni Unite e l’Intergovernmental Panel on Climate Change, che attualmente si stanno incontrando .

Eunice Foot, il cui lavoro è stato recentemente riscoperto, fa parte di una serie di ricercatori che hanno sviscerato i misteri del clima e studiato l’impatto dell’uomo sulla sua evoluzione. “Non c’è mai stato un momento ‘Eureka’, con una figura dominante nel campo della scienza del cambiamento climatico”, afferma l’attivista per il clima Alice Bell, “ma c’è stato un accumulo di conoscenza.

Marie-Helen Pepin, del Servizio meteorologico francese, spiega l’idea di “adattare l’ambiente per rendere il clima più piacevole”. Aggiunge come esempio: “Quando i romani conquistarono la Gallia, abbatterono le foreste in modo da poter piantare campi e coltivare la vite”.

Dal tempo di Cristoforo Colombo all’età dell’Illuminismo, i coloni europei giustificarono il trattamento brutale degli indigeni, “che erano visti come ‘meno degli uomini’ perché non sapevano come regolare il loro ambiente”, continua. Nel 1821, dopo forti piogge, grandine e carestie in Francia, fu condotto uno studio per vedere se la deforestazione avesse avuto un ruolo, senza arrivare a una conclusione chiara.

READ  Il Labyrinth Museum of Science and Art celebra il suo 13° anniversario

Anni dopo, il fisico francese Joseph Fourier si rese conto che l’atmosfera svolgeva un ruolo fondamentale nell’impedire la dispersione istantanea del calore nello spazio, spiega lo storico Roland Jackson. Intorno al 1860, il fisico irlandese John Tyndall dimostrò il principio dell’effetto serra, quando i gas intrappolano le radiazioni dal suolo riscaldato dalla radiazione solare.

Nel dicembre 1882, una lettera pubblicata sulla rivista scientifica Nature faceva riferimento al loro lavoro. “Possiamo concludere che l’aumento dell’inquinamento atmosferico avrà un impatto significativo sul clima globale”, riassume la lettera, firmata da H.A. Phillips, che stabilisce la relazione tra le emissioni delle attività umane e il cambiamento climatico.

Per saperne di più: Il tuo mondo e il tuo mondo: il primo libro di saggistica di John Green

Alla fine del XIX secolo, il chimico svedese Svante Arrhenius, nonno dell’attivista Greta Thunberg, mise in guardia sul consumo di energia fossile e sui suoi effetti sull’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. Ma a quel tempo, gli scienziati erano più interessati alle ere glaciali.

Negli anni ’30, alcuni credevano che un moderato riscaldamento globale potesse essere una buona cosa. Secondo Robbie Andrew, dell’International Center for Climate Research di CICERO, “non hanno tenuto conto del fatto che questo cambia non solo le temperature, ma anche altri aspetti del clima”.

Nel 1958, un programma televisivo americano, The Bell Telephone Science Hour, spiegò che l’anidride carbonica emessa dalle fabbriche e dalle automobili potrebbe riscaldare l’atmosfera e che questo influiva sulla “vita stessa”. Ma i timori di un clima freddo legato a un’eventuale guerra nucleare e all’inquinamento da aerosol hanno occupato le menti fino agli anni ’80.

READ  Studenti stranieri e laureati in scienze mediche a Cuba scambiano esperienze

LEGGI ANCHE: Artisti indigeni presentati alla Biennale di San Paolo

Nel 1975, il ricercatore americano Wallace Brooker ha pubblicato un articolo su Science intitolato “Cambiamento climatico: siamo sull’orlo del riscaldamento globale?” – , è il primo ad utilizzare questi antichi termini nel linguaggio di oggi.

Nel corso del tempo, la scienza del clima è diventata più avanzata e ha dovuto affrontare le pressioni dell’industria per ridurre l’impatto del consumo di combustibili fossili. Gli scienziati avvertono che man mano che gli effetti del cambiamento climatico diventano sempre più evidenti, le società devono agire. “È come se ci svegliassimo in un film di fantascienza. Ma non è fantascienza, è fisica”, riassume lo storico Spencer Wirt.

Fonte: Afp.