Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La ‘startup’ australiana nata in un garage propone la tecnologia per rivoluzionare il mercato dei pannelli solari

Inserito:

11 settembre 2021, 17:35 GMT

L’innovazione di SunDrive può ridurre significativamente il costo dei pannelli solari e rendere l’industria meno dipendente dall’argento.

SunDrive, una startup australiana costituita in un garage, si propone di sviluppare pannelli solari in rame, una tecnologia che potrebbe rivoluzionare il settore, portata Bloomberg.

La società è stata fondata da Vince Allen, allora studente di dottorato presso l’Università del New South Wales. Ha avuto un’idea per rendere i pannelli solari molto più economici: sostituire l’argento che viene solitamente utilizzato per estrarre l’elettricità con il rame, che è abbondante ed economico. Allen ha iniziato a lavorare sul primo dispositivo con questa tecnologia con i suoi amici in un garage in un sobborgo di Sydney.

SunDrive è riuscita finora a raccogliere 7,5 milioni di dollari da investitori di capitale di rischio, tra cui Mike Cannon-Brooks, una delle persone più ricche d’Australia, e Shi Zhengrong, un miliardario cinese noto come il “Re del Sole” per il suo enorme ruolo nell’energia solare. Industria dei pannelli. Allo stesso tempo, la società ha ricevuto più di 2 milioni di dollari in sovvenzioni dall’Australian Renewable Energy Agency.

“Il problema del rame è che è così abbondante e generalmente circa 100 volte più economico dell’argento”, ha detto Allen, che ora ha 32 anni. Anche dopo un significativo rally quest’anno, il metallo viene scambiato a poco più di $ 9.000 la tonnellata. La stessa quantità di argento costerebbe circa $ 770.000. Allo stesso tempo, vale la pena notare che l’industria dell’energia solare avrà bisogno di sempre più argento poiché le tecnologie “verdi” continuano a prosperare, il che potrebbe aumentare ulteriormente il suo prezzo.

READ  L'hai salvato? Questa banconota da 20 pesos viene venduta con Benito Juárez fino a 90.000 online

Circa il 95% dei pannelli solari è costituito da celle fotovoltaiche costituite da wafer di silicio. Per estrarre corrente elettrica dalle celle, è necessario combinarle con contatti metallici. Per molto tempo l’argento è stato il metallo preferito perché è facile da lavorare e molto stabile.